Articoli religiosi

Ebook - Ebook - Riviste



Titolo: "Servizio della Parola - n. 491-492"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023040
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

Per comunicare meglio

38. I casi difficili/7. Parlare di se stessi all’inizio

del ministero in una comunità (Roberto Laurita)

DOSSIER

Le nostre grandi parole

73 Padre

1. Padre: le trasmutazioni dell’immagine del padre

e le relative conseguenze (Valeria Boldini)

2. L’Abbà sulle labbra e nella vita di Gesù

(Patrizio Rota Scalabrini)

3. Dio Padre nella riflessione teologica (Giacomo Canobbio)

4. Padre: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Padre: breve antologia di testi

(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

SUSSIDIO

Per una visita al cimitero. Suggerimenti per la riflessione

e la preghiera (Roberto Laurita)

PREPARARE LA MESSA

Dalla 30ª domenica alla solennità di Cristo, Re dell’universo

30ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Luigi Alici, Chino Biscontin)

Tutti i Santi (Gabriele Corini, Vittorio Brunello)

Commemorazione dei fedeli defunti (Vittorio Brunello)

31ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Luigi Guccini, Chino Biscontin)

32ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Valeria Boldini, Roberto Laurita)

33ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Maurizio Aliotta,

Roberto Laurita)

Gesù Cristo, Re dell’universo (Gabriele Corini,

Giacomo Canobbio, Elena Massimi



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium - 2017/4 - Misericordia"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023071
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Lisa Sowle Cahill – Diego Irarrázaval

João Vila-Chã, Editoriale

Abstracts

 

I. Misericordia

1. Bibbia

1.1 Sofía Chipana Quispe, A contatto con la misericordia

e la compassione che sono dentro di noi

I/ Una vita rinata dalla misericordia e dalla compassione

II/ Misericordia e compassione, eredità ancestrali

III/ La cura della vita a partire dalla misericordia

e dalla compassione

1.2 Teresa Okure, Il Nuovo Testamento e la misericordia

I/ Verso la comprensione di “misericordia”

come “nuovo testamento/alleanza”

II/ Alcuni testi che illustrano la natura/il carattere

della misericordia

III/ Gen 3,15: il testo anticotestamentario fondante

sulla misericordia come nuovo testamento
IV/ Conseguenze della misericordia come nuovo testamento

V/ Conclusione

 

2. Teologia

2.1 James F. Keenan, L’evoluzione delle opere di misericordia

I/ Un modello per riconoscere il caos e dare una risposta

II/ La misericordia definisce la chiesa primitiva

III/ Modelli di salvezza e incorporazione

IV/ Le lezioni da trarre dalle opere di misericordia

2.2 Stella Morra, La misericordia,

(ri-)forma della Chiesa. Una prospettiva strutturale

I/ Recezione di Vaticano II: terza fase?

II/ Questione strutturale che ricolloca lo spirituale:

il principio di pastoralità

III/ La misericordia di papa Francesco:

categoria generatrice per la ri-forma?

2.3 Hille Haker, Compassione per la giustizia

I/ La teologia della misericordia di W. Kasper

e la teologia della compassione di J.-B. Metz

II/ Il concetto di “amore politico” di M. Nussbaum

III/ Etica politica cristiana: direttrici future

1/ La compassione come senso morale

2/ La compassione per la giustizia

IV/ Conclusione

2.4 Erik Borgman, Un ospedale da campo

dopo una battaglia. La misericordia come caratteristica

fondamentale della presenza di Dio

I/ Misericordia e giustizia

II/ Uno sguardo contemplativo

III/ La misericordia come fondamento della giustizia

IV/ L’opzione preferenziale per i poveri

V/ Una grazia che libera
2.5 Rotraud Wielandt, Forme di manifestazione

della misericordia di Dio e sua ampiezza nel Corano

I/ Introduzione

II/ Significato fondamentale, forme di manifestazione

e ampiezza della misericordia di Dio

III/ Misericordia e giustizia di Dio

IV/ Conclusione

 

3. Segni dei tempi

3.1 Linda Hogan, Giustizia riparativa:

i vincoli della misericordia

I/ Introduzione

II/ Ricupero e rinnovamento

III/ Una giustizia innervata dalla misericordia

IV/ Riconciliazione: le pratiche della giustizia

e la virtù della misericordia

3.2 Deogratias M. Rwezaura, La logica dell’amore

incondizionato. La misericordia vista con gli occhi

dei rifugiati

I/ Introduzione

II/ Il significato di “misericordia”

III/ Comprendere la misericordia nel contesto dell’esilio

IV/ Non mera giustizia, ma giustizia misericordiosa

V/ Conclusione

3.3 Astrid Lobo Gajiwala, Rivendicare il diritto

all’amore come misericordia in famiglia.

Voci di donne indiane

I/ Smascherare la cultura patriarcale

II/ Questione di proprietà

III/ Il gioco al massacro

IV/ Usare una lente di genere

V/ Conclusione


3.4 Dennis T. Gonzalez, Opere di misericordia ecologiche

I/ Prestare attenzione al creato

II/ Sapienza ecologica in Giobbe

III/ Nomi delle specie a rischio di estinzione

IV/ Piangere le specie estinte

V/ Sviluppare una concezione ecologica sfaccettata

VI/ Una spiritualità ecologica matura

VII/ Un segno dei tempi

VIII/ Educazione ecologica

IX/ Parole di natura

X/ Amministrare e re-incantare la natura

XI/ Conclusione

 

II. Forum teologico

1. James Hanvey, La Brexit e il silenzio della Chiesa

I/ A cosa si acconsente stando in silenzio?

II/ Alla ricerca di una voce pubblica

III/ La natura teologica della missione civile della chiesa

IV/ Il rischio di oblio per la natura teologica

della missione pubblica

V/ L’opera di anamnesi della chiesa nel discorso pubblico

 

2. Maria J. Stephan, Strategie non violente

per ridurre il terrorismo e l’estremismo violento

I/ Affrontare le cause alla base del conflitto violento

II/ La potenza di una caparbia azione collettiva

non violenta rivolta contro attori non statali

III/ Smascherare il nemico, oltre il confronto diretto: il ruolo

della satira e delle contronarrazioni

IV/ Conclusione

 

3. Luiz Carlos Susin, Un forum di teologia

per resistere, sperare e inventare

I/ Oltre uno schema “nord/sud”

II/ I tre assi su cui riflettere e fare teologia

III/ Le sfide emergenti

 

III. Rassegna bibliografica internazionale



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023057
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

RUBRICA Editoriale

Dionisio Candido

PAOLO E GIACOMO: DUE MODI

DI VIVERE LA STESSA CHIESA

Mirko Montaguti

PAOLO VERSUS GIACOMO:

CONTENDERE, CONCORDARE

O COMPLETARE?

Maurizio Marcheselli

CONTRASTI E CONVERGENZE

DA GERUSALEMME AD ANTIOCHIA

Benedetta Rossi

L’APOSTOLO DELLE GENTI E IL FRATELLO

DEL SIGNORE IN RELAZIONE

Jean Paul Lieggi

PAOLO E GIACOMO NELLA STORIA

DELLA COMUNITÀ CRISTIANA

Annalisa Guida

IL FRATELLO GIUDICE

E IL PERSECUTORE PERSEGUITATO

Valentino Bulgarelli

PAOLO E GIACOMO E L’ESERCIZIO

DEL CAMMINARE INSIEME

PER SAPERNE DI PIU

Marcello Panzanini

Giacomo: una pietra scartata divenuta fondamenta

MEN AT WORK

Valeria Poletti

Il fratello del Signore e il primo ciaraulo cristiano

APOSTOLATO BIBLICO

Luciana Stazi

L’Apostolato Biblico nell’arcidiocesi di Perugia

LA BIBBIA NELLA RIFORMA

Mara La Posta

La Bibbia di Olivetano (1535)

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

San Giacomo, morto che parla: Il Martirio

di San Giacomo, di Andrea Mantegna

 

 

Prima dei consueti articoli di sintesi, avremo questa

volta un contributo di tipo maggiormente storico-

teologico. La dialettica tra Paolo e Giacomo, infatti,

non solo rispecchia il non facile equilibrio, a lungo

cercato nei primi secoli, tra i cristiani provenienti dal

mondo ebraico e quelli dal mondo pagano; ha anche

fornito il campo di discussione – a partire dal XVI secolo

– tra la chiesa cattolica, più schierata sul versante

di Giacomo, e le chiese della Riforma, più allineate

su quello di Paolo (Jean Paul Lieggi).

Il primo dei due articoli di sintesi ci inviterà a tornare

ancora agli incontri che ci sono stati tra i due.

Non per ripetere cose già viste, ma per guardare alla

costruzione dei personaggi, a come – limitandoci al

libro degli Atti – i due vengono caratterizzati (Annalisa

Guida). Gli Atti degli apostoli sono decisamente

sbilanciati su Paolo, al quale viene concesso molto più

spazio che a Giacomo; due delle nostre rubriche invece

saranno dedicate al martirio di Giacomo nell’arte,

secondo le rivisitazioni di Hendrick Goltzius e di

Andrea Mantegna (Marcello Panzanini).

Le vicende storiche e i temi teologici legati a Paolo

e Giacomo, alla fine, sono il sintomo di una chiesa

viva, che cerca continuamente nuovi equilibri, per rimanere

ancorata al centro e al tempo stesso non perdere

il valore di ogni espressione della fede. La stessa

dinamica la possiamo riscoprire anche nella rubrica

“La Bibbia nella Riforma”, che ci presenterà la Bibbia

di Olivetano (Mara La Posta); come nell’esperienza

dell’Apostolato Biblico della diocesi di Perugia -

Città della Pieve (Luciana Stazi); o ancora nell’inserto

sulla Bibbia a scuola, che chiede come strumento

fondamentale la creatività (Marco Tibaldi). La rubrica

più longeva della nostra rivista, e cioè la “Vetrina

biblica”, non è forse in sintonia – pur senza essere legata

al tema di ogni fascicolo? Anche voi lettori, infatti,

siete chiamati ad essere creativi, nell’affrontare

situazioni e linguaggi nuovi per esprimere la stessa fede;

e un buon approfondimento biblico non può che

essere una base solida da cui partire. Buona lettura,

dunque, a nome di tutta la redazione.

 

Carlo Broccardo



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 489"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022999
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

RUBRICA

Per comunicare meglio

37. I casi difficili/6. Parlare di soldi (Roberto Laurita)

DOSSIER

Le nostre grandi parole

72 Scandalo

1. Scandalo: contesti e significati nella cultura

del nostro tempo (Valeria Boldini)

2. Lo scandalo dei “piccoli” nella predicazione di Gesù

(Gastone Boscolo)

3. Lo scandalo e la responsabilità morale (Sergio Passeri)

4. Scandalo: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Scandalo: breve antologia di testi

(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

SUSSIDIO

Collaboratori in Cristo Gesù (Luigi Guglielmoni e Fausto Negri)

PREPARARE LA MESSA

Dalla 23ª domenica alla 29ª domenica del Tempo ordinario

23ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Ina Siviglia, Massimo Orizio)

24ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Lucio Pinkus, Massimo Orizio)

25ª domenica ordinaria

(Gabriele Corini, Simona Segoloni Ruta, Massimo Orizio)

26ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Ezio Caretti, Massimo Orizio)

27ª domenica ordinaria

(Gabriele Corini, Vinicio Albanesi, Gabriele Tornambé)

28ª domenica ordinaria

(Gabriele Corini, Paola Bignardi, Gabriele Tornambé)

29ª domenica ordinaria

(Gabriele Corini, Roberto Rossini, Gabriele Tornambé



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Centro Vaticano II - Studi e Ricerche"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 9788846511904
Prezzo: € 12.00

Descrizione:

INDICE

Mathijs Lamberigts, Leo Declerck, Commemorating 50 years Vatican II (2012-2015). Some historiographical data and reflections

Gilfredo Marengo, Riscoprire l’attualità di “Gaudium et spes”, cinquant’anni dopo

Paolo VI e il rinnovamento della teologia postconciliare

Gianni La Belllla, Paolo VI. Una biografia politica

Serge Thomas Bonin o, La Commissione Teologica Internazionale: storia e teologia

Gilles Routhier, La Chiesa, mistero e comunione. A cinquant’anni dalla “Lumen gentium” (1964-2014)

Cronache

Carlo Pioppi , su Il Concilio Vaticano II e i suoi protagonisti alla luce degli archivi, convegno internazionale di studi, Città del Vaticano, 9-11 dicembre 2015

Recensioni

Emanuele Avallllone, su Marcello Semeraro, “Lumen Gentium”. Cinquant’anni dopo, Marcianum Press, Venezia 2016, 512 pp.

Antonio Mancini , su Alessandro Santagata, La contestazione cattolica. Movimenti, cultura e politica dal Vaticano II al ’68, Viella, Roma 2016, 284 pp.

Gilfredo Marengo, su Enrica Rosann a (a cura di), Il concilio e Paolo VI. A cinquant’anni dal Vaticano II, Colloquio internazionale di studio, Concesio (BS), 27-29 settembre 2013, Istituto Paolo VI-Studium, Brescia 2016, 428 pp.

Segnalazioni

In memoriam

Emanuele Avall one, Jan Grootaers (1921-2016)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 490"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022982
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

RUBRICA NUMERO SPECIALE

Difficoltà della pastorale

in una cultura individualista

 

Presentazione 3

Introduzione, di Rocco D’Ambrosio 

1. Il Fenomeno

1.1. Sulle radici filosofiche

dell’individualismo contemporaneo

di Marco Salvioli o.p. 

1.2. Individualismo dal punto di vista psicoanalitico,

di Graziano De Giorgio 

1.3. Individualismi: dal punto di vista sociale,

di Italo De Sandre 

1.4. Individualismo in prospettiva politica,

di Franco Monaco 

1.5. L’individualismo libertario nell’economia d’oggi,

di Stefa no Zamag ni 

1.6. I media e l’individualismo, di Ruggero Eugeni 

1.7. La matrice estetica dell’individualismo religioso,

di Giuliano Zanchi 

2. Ricadute nella pastorale

2.1. Individualismo come ostacolo a recepire

il messaggio evangelico, di Giuseppe Sovernigo 

2.2. Individualismo e appartenenza debole

alla comunità cristiana, di Giovanni Rota 

2.3. Individualismo e ostacoli nella trasmissione

della fede in famiglia,

di Mariateresa Zattoni e Gilberto Gillini 

2.4. Individualismo nella domanda di sacramenti,

di Alberto Carrara 

2.5. Individualismo ed esigenze morali della fede,

di Maurizio Chiodi 

2.6. Quando la pastorale insegue l’individualismo,

di Roberto Laurita 

3. Strategie pastorali di contrasto

3.1. Il magistero di papa Francesco:

“Tutto è in relazione”, di Rocco D’Ambrosio 

3.2. Una pastorale attenta alla persona,

di Carmelo Torcivia 

3.3. Esperienze di gruppi ecclesiali come mediazione

tra istanze individuali e dimensione comunitaria,

di Francesco Luvarà 

3.4. I gruppi familiari possono essere

un luogo educativo alla vita comunitaria?,

di Battista Borsato 

3.5. Leadership del Parroco e corresponsabilità

comunitaria, di Ezio Caretti 

3.6. Una celebrazione eucaristica che educhi

al senso dell’assemblea, di Silvano Sirboni 

3.7. Un linguaggio coinvolgente nella predicazione,

di + Francesco Lambiasi 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023019
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

PERSONAGGI DEL NUOVO TESTAMENTO

4. MARIA E GIUSEPPE

 

Editoriale

Dionisio Candido 

MARIA E GIUSEPPE: 

UNA COPPIA TRA DAVIDE E GESÙ 

 

Guido Benzi 

LE VOCAZIONI DI GIUSEPPE E MARIA: 

MT 1,18-25 E LC 1,26-38 

 

Benedetta Rossi 

MARIA E GIUSEPPE 

NELLA RETE DELLE RELAZIONI 

 

Annalisa Guida 

I VOLTI DI MARIA 

NEL NUOVO TESTAMENTO 

 

Dionisio Candido 

MARIA E GIUSEPPE DOPO LA BIBBIA. 

TAPPE DI UNA STORIA DEGLI EFFETTI 

 

Annalisa Guida 

SULLA SOGLIA, 

CON CORAGGIO E CON CURA: 

LE FIGURE DI MARIA E GIUSEPPE 

 

Valentino Bulgarelli

MARIA E GIUSEPPE: 

UNA FAMIGLIA IN DISCERNIMENTO 

PER SAPERNE DI PIÙ 

 

Marcello Panzanini 

«Chi ascolta la Parola, genera il Cristo» 

 

MEN AT WORK 

Valeria Poletti 

Genitori 

 

APOSTOLATO BIBLICO 

Andrea Albertin 

L’Apostolato biblico nella diocesi di Padova 

 

LA BIBBIA NELLA RIFORMA 

Mara La Posta 

Authorized Version o King James Version (anno 1611) 

VETRINA BIBLICA 

 

ARTE

Marcello Panzanini 

La Madre non ci abbandona mai. 

La Madonna del parto di Piero della Francesca

_________________________________________________

EDITORIALE

 

Maria e Giuseppe, i genitori di Gesù, sono

i due personaggi di cui ci occuperemo

in questo nostro fascicolo di Parole

di Vita. Sono due persone fondamentali

per la vita di Gesù e dunque anche della chiesa, eppure

il Nuovo Testamento parla molto poco di loro;

la tradizione della chiesa invece, dagli scritti apocrifi

fino alla teologia, si è interessata a loro in maniera

più ampia. Ancora più del solito, dunque, dovremo

fare qualche escursione fuori dagli scritti canonici.

Come ormai d’abitudine, un primo articolo pone

le basi su cui poi costruire; ci offre alcuni punti

di riferimento per fare la conoscenza di questa “strana

coppia”, che nel nostro percorso biennale (personaggi

dell’Antico e personaggi del Nuovo Testamento)

è posta in parallelo con il grande re Davide, di cui

Giuseppe è discendente (Dionisio Candido). È specialmente

nei “vangeli dell’infanzia” di Gesù, cioè nei primi

due capitoli di Matteo e di Luca, che Maria e Giuseppe

occupano un certo spazio. Noi ci soffermeremo

in modo particolare sui due racconti di “vocazione”,

quando l’angelo viene da parte di Dio con un messaggio

sia per Maria che per Giuseppe; entrambi, alla

fine, sono chiamati a donare un grembo, una casa

al Figlio di Dio. Questa è la vocazione che li accomuna,

al di là delle differenze che ci sono tra i due

(Guido Benzi). Rimaniamo in scia con questa riflessione

se guardiamo alle relazioni che hanno con gli

altri personaggi dei vangeli; gli evangelisti sono stati

assai discreti a tale proposito, perché la relazione più

importante – sulla quale insistono i loro racconti – è

quella con Gesù e il mistero del suo essere figlio loro

e di Dio (Benedetta Rossi). In particolare, a tale proposito,

il Nuovo Testamento mette a fuoco il ruolo

avuto da Maria. Scavando in profondità ci accorgeremo

che non c’è uniformità tra i vari scritti del Nuovo

Testamento, ma una traiettoria è riconoscibile, sintomo

di una riflessione sbocciata nelle prime comunità

cristiane a proposito del ruolo di Maria nella storia

della salvezza (Annalisa Guida).

Finora siamo rimasti entro i confini degli scritti

canonici; un articolo intero sarà dedicato alla risonanza

che Maria e Giuseppe hanno avuto oltre il

Nuovo Testamento, dai vangeli apocrifi al Vaticano

II (Dionisio Candido).

I due ultimi articoli, prima delle rubriche, ci offrono

alcuni spunti di sintesi. Da un lato guardere-

mo a come sono costruiti narrativamente i due personaggi:

sulla soglia tra Antico e Nuovo, vivono il coraggio

di chi non abbandona anche nella difficoltà,

esprimono la cura che fa crescere e diventare adulti.

Sono dei veri genitori (Annalisa Guida)! Non modelli

ideali da incorniciare e guardare con nostalgia; ma

persone capaci nella realtà della vita familiare di fare

discernimento, per scoprire e custodire la presenza

del Dio con noi (Valentino Bulgarelli).

Le rubriche, ciascuna dal proprio punto di vista,

riprendono molti di questi temi. I Sermoni mariani di

Guerrico d’Igny, per esempio, mettono in luce come

chi ascolta la parola di Dio genera il Cristo, perché

giunge a «concepire dentro l’utero del cuore» (Marcello

Panzanini). “Men at work” ci regala una riflessione-

racconto di come può essere avere un figlio reale

e non immaginato, un figlio che non avrà di sicuro

la vita perfetta che madri e padri desiderano per i

propri ragazzi eppure sarà sempre amato, anche nella

sua incomprensibilità (Valeria Poletti). “La Bibbia

nella Riforma” ci racconta il percorso complicato attraverso

il quale si è giunti alla Authorized Version (o

King James Version), una traduzione ufficiale in inglese

della Bibbia per le comunità della Riforma; anche

in questo caso ci si deve incontrare-scontrare con una

realtà più complicata delle belle idee di partenza (Mara

La Posta). L’“Apostolato biblico” porta l’esperienza

della diocesi di Padova. L’inserto staccabile continua

con una riflessione sul ruolo che la Bibbia può

avere nella scuola: quando diciamo che è importante

che la Bibbia ci sia, non è scontato che intendiamo

la stessa cosa… (Marco Tibaldi).

Come congedo riprenderemo l’immagine di copertina,

la celebre Madonna del parto di Piero della

Francesca. Originariamente il dipinto doveva stare in

un cimitero: la Madre, raffigurata nell’atto di guardare

in basso, verso la bara, garantisce fino alla fine

la sua presenza (Marcello Panzanini). Il nostro augurio

è che queste pagine siano non solo uno strumento

per conoscere meglio Maria e Giuseppe, ma anche

un invito discreto a lasciarsi accompagnare da coloro

che hanno saputo aver cura di Gesù.

Carlo Broccardo



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023064
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Editoriale

2 D. Piazzi

Morire oggi in Europa:

sfida per l’evangelizzazione

Studi

4 L. Karrer

La morte in Occidente

9 E. Segatti

L’evocazione dei defunti

15 A. Brusco

Pubblico e privato nella morte

19 P. Tomatis

Teologia della morte

e culto dei defunti

23 G. Cavagnoli

Rileggere il Rito delle esequie

32 M. Baldacci

La veglia funebre

Formazione

37 L. Gazzoni

Catechesi adulti:

il suffragio dei defunti

41 F. Feliziani Kannheiser – M. Roselli

L’alfabeto della preghiera: Le mani

Chiese della riforma

49 E. Genre

I protestanti pregano per i vivi

Chiese ortodosse

53 A. Dobos

Rito funebre e preghiera

per i defunti nelle chiese ortodosse

Segnalazioni

Inserto

D. Piazzi

Invitati a una festa senza fine



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300023002
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Editoriale

2 G. Ambrosio

Diocesi senza parrocchie?

Studi

6 S. Noceti

«Vino nuovo in otri nuovi»

14 D. Vitali

Laici e ministerialità liturgica

20 D. Gianotti

Assemblee domenicali

in assenza del presbitero

24 M. Baldacci

Il segno - assemblea

alla prova della contemporaneità

Esperienze

30 D. Pesenti

Le équipe liturgiche

nelle diocesi svizzere

34 S. Guiziou

La formazione dei laici

per celebrare i funerali

e un Pardon bretone

Formazione

37 P. Bignardi

Laici nella Chiesa

41 F. Feliziani Kannheiser – M. Roselli

L’alfabeto della preghiera: Il pane

Sussidi e testi

48 P. Chiaramello

Liturgia festiva della parola di Dio

Chiese della riforma

57 A. Zell

«Ciascuno metta il dono ricevuto

a servizio degli altri»

Chiese ortodosse

61 A. Dobos

Assemblee di fedeli senza presbitero

nelle chiese ortodosse

Cronaca

65 G. Tornambé

Abitare – Celebrare – Trasformare

Segnalazioni

_______________________________________

Gianni Ambrosio

Diocesi senza parrocchie?

1. Parrocchia: un solo termine

per realtà diverse

Molti anni fa, quando ero studente

a Parigi, la parrocchia che mi ospitava

aveva più di 42.000 abitanti. Quando

sono rientrato in Italia, insieme all’insegnamento

e altre occupazioni pastorali,

divenni parroco di una parrocchia

di un centinaio. Poi andai parroco in

centro città: la parrocchia era di circa

1.000 abitanti ed era frequentata da

molte persone che non risiedevano nel

territorio parrocchiale.

I pochi cenni personali evidenziano

ciò che sappiamo: il termine ‘parrocchia’

vale per realtà molto diverse.

Una varietà dovuta alla storia, alla geografia,

al tipo di attività prevalente,

in particolare alla capacità della parrocchia

di adattarsi e di trasformarsi.

Con lo stesso termine, si denominano

enti assai diversi, ma ogni singola parrocchia

ha la sua personalità giuridica

pubblica, con la propria iscrizione nel

registro delle persone giuridiche e con

il proprio parroco, in qualità di legale
rappresentante. È evidente la tensione

del dispositivo canonico fra l’immagine

tridentina della parrocchia e la sua

figura comunitaria: «Una comunità di

fedeli che viene costituita» nella diocesi,

recita il Codice di Diritto Canonico

(can. 515). Comunque, la parrocchia,

sorta più dalla vita che dai decreti, è

sempre rimasta in piedi nonostante le

molte crisi e i diversi annunci della sua

morte. Ed è sempre stata legata al territorio,

vicina ai cristiani di quel luogo.

2. Flessibilità e adattabilità

La flessibilità e adattabilità della

parrocchia non è solo una sua caratteristica

fondamentale, ma è anche la

sua risorsa. In un certo senso, la parrocchia

riconosce di essere ‘pellegrina’,

vicina alla ‘casa’ dei cristiani che sono

in cammino verso la ‘casa’ definitiva.

Questo dinamismo è la forza di questa

presenza ecclesiale nel territorio.

Papa Francesco lo sottolinea: «La

parrocchia non è una struttura caduca;
proprio perché ha una grande plasticità,

può assumere forme molto diverse

che richiedono la docilità e la creatività

missionaria del pastore e della comunità.

Sebbene certamente non sia l’unica

istituzione evangelizzatrice, se è

capace di riformarsi e adattarsi costantemente,

continuerà ad essere la chiesa

stessa che vive in mezzo alle case

dei suoi figli e delle sue figlie» (Evangelii

gaudium 28, in EV 29, 2134).

Il ‘riunirsi cristiano’ ha conosciuto

e conosce espressioni differenti lungo

la storia. Tuttavia con una stessa definizione

e con una identica normativa

si caratterizza l’aggregazione del ‘noi’

cristiano in una forma che intreccia la

missione e la realtà locale.

3. Parrocchia e assetto

territoriale diocesano

Facendo leva sulla capacità adattiva

della parrocchia, l’assetto territoriale è

stato oggetto di un esercizio di discernimento

teologico-pastorale che ha

favorito la ricomposizione dei luoghi

di aggregazione dei cristiani. La ridefinizione

del ‘noi’ ecclesiale ha mirato a

configurare diversamente l’assetto territoriale

diocesano: si va dalle unità pastorali,

alle nuove parrocchie, alle comunità

pastorali. Il riassetto ha cercato

innanzitutto di favorire la relazione, la

collaborazione e la cooperazione tra

comunità parrocchiali vicine. Inoltre si

è fatta emergere quella ministerialità

diffusa e concreta, spesso già in atto,

mettendo insieme le diverse risorse di

ogni comunità.

Infine ogni realtà parrocchiale è

stata sospinta ad esprimere la corresponsabilità

dei fedeli laici, chiamati a

dare continuità alla vita della propria

comunità, naturalmente lavorando insieme

alle comunità vicine.

Le motivazioni di questi tentativi,

già fatti o in corso, possono essere sintetizzate

in due istanze: da un lato, vi

è l’istanza pastorale, l’esigenza cioè di

incarnarsi nel territorio, abitandolo e

animandolo con l’annuncio e la testimonianza

del vangelo; dall’altro, vi è

l’istanza sociale e culturale che esige

di tener conto della realtà che cambia

profondamente e rapidamente.

Il significato stesso del territorio

è cambiato: non esiste più ‘la’ parrocchia

com’era intesa e vissuta un

tempo, con i suoi confini e le sue tradizioni,

con la sua chiesa, il suo prete

e i suoi beni.

4. Il cammino fatto

è sufficiente?

Ci si chiede se il cammino attuato

sia sufficiente per le esigenze pastorali

odierne, tenendo conto di tutti i dati

in gioco, dalla riduzione drastica dei

sacerdoti alla diminuzione altrettanto

drastica della popolazione, soprattutto

– ma non solo – in contesti collinari

o montani, come anche dei processi

culturali in corso.

Se la parrocchia è stata capace di

reagire alle sopravvenienti situazioni

critiche con ripetuti adattamenti, sarà

in grado di superare quella che è stata

definita «la fine della civiltà parrocchiale

»?

Il cambiamento che è avvenuto

e sta avvenendo sotto i nostri occhi

pare risultare – a noi, che lo stiamo
vivendo – assai più problematico dei

molti cambiamenti avvenuti nel passato,

forse non meno problematici per

chi li ha vissuti. In ogni caso, anche

rispetto alla questione della parrocchia,

vale l’affermazione molto cara

a papa Francesco, espressa anche nel

novembre 2015 durante il Convegno

ecclesiale di Firenze: «Si può dire che

oggi non viviamo un’epoca di cambiamento

quanto un cambiamento d’epoca.

Le situazioni che viviamo oggi

pongono dunque sfide nuove che per

noi a volte sono persino difficili da

comprendere».

5. Ricalibrare solo

le piccole parrocchie

o ‘la’ parrocchia?

Il discernimento della pratica pastorale

rispetto alle nuove sfide è in

atto da tempo nella nostra realtà italiana.

Ma si può dire che i diversi risvolti

del ‘cambiamento d’epoca’ siano

effettivamente considerati? Si può

ritenere che una qualche riscrittura

della parrocchia, anche sotto il profilo

giuridico, sia stata pensata, non solo in

rapporto alle piccole parrocchie, ma a

ogni parrocchia? Occorre riconoscere

che le realizzazioni attuate, spesso anche

coraggiose, sono ancora tentativi

embrionali.

La forza di una ecclesiologia di

comunione ha fornito le giuste motivazioni

per riformulare non solo

l’organizzazione parrocchiale, ma

l’idea stessa dell’istituzione parrocchiale.

Tuttavia sorge l’interrogativo:

nonostante le correzioni di rotta e

gli ampliamenti del ‘noi’, nonostante

l’appello alla corresponsabilità dei fedeli

laici, quel ‘cambiamento d’epoca’

di cui parla papa Francesco non dovrebbe

comportare una fuori-uscita

dal ‘paradigma clericale’, sotteso al

modello parrocchiale?

Più semplicemente: una certa fissazione

sulle problematiche di vita interna

della chiesa non suscita qualche

perplessità? È certamente doverosa

la riorganizzazione delle risorse sia

umane sia culturali e finanziarie, ma

essa appare limitata e insufficiente.

L’esempio concreto viene dalla mia

diocesi di Piacenza-Bobbio. Con fatica,

si sta cercando di accorpare alle

parrocchie più consistenti quelle che

sono quasi prive di vita comunitaria e

spesso anche della celebrazione festiva.

Si cerca anche di unificare alcune

unità pastorali, oggi già insufficienti.

Soprattutto si cerca di favorire la

convergenza pastorale verso un punto

unitario (un ‘centro’, di solito il comune)

che, all’insegna delle antiche

pievi, sia il punto di riferimento e di

convergenza attorno cui costruire la

vita ecclesiale, senza dimenticare le

parrocchie più piccole.

Insieme a papa Francesco, con onestà

«dobbiamo riconoscere che l’appello

alla revisione e al rinnovamento

delle parrocchie non ha ancora dato

sufficienti frutti perché siano ancora

più vicine alla gente, e siano ambiti di

comunione viva e di partecipazione,

e si orientino completamente verso

la missione» (Evangelii gaudium 28,

in EV 29, 2134). Certamente occorre

attendere i frutti con fiducia e con speranza.

Il pellegrino deve tendere verso

la meta senza soffermarsi troppo sulle

difficoltà che il cammino stesso com
porta. Il recupero della dimensione

pellegrinante delle parrocchie aiuterà

ad alleggerire il bagaglio.

L’istanza missionaria della chiesa –

e dunque delle comunità parrocchiali

in uscita – aiuterà a riscoprire ciò che

è fondamentale per non distrarci in

questioni secondarie. Sempre riconoscendo

che non si dà conversione

pastorale e riforma, se non vi è la

conversione sia personale sia comunitaria.

6. Verso nuove modalità

di appartenenza ecclesiale?

L’azione pastorale che realizza qui

e ora il progetto di Dio nella storia

personale e collettiva ha bisogno di

una riflessione saggia e coraggiosa per

rivedere i limiti del ‘noi’ nella forma

parrocchiale. Occorre superare diversi

ostacoli e aiutare la comunità parrocchiale

a svolgere la missione che finora

ha saputo svolgere.

Da tempo ci s’interroga se l’indubbia

‘crisi’ della parrocchia non sia, almeno

per molti aspetti, il riverbero

concreto della ‘crisi’ del cristianesimo

nella nostra società. Nello stesso tempo

alcuni si chiedono, rovesciando la

prospettiva, se la ‘crisi’ del cristianesimo

non sia anche dovuta alla poca

attenzione della parrocchia (e della

chiesa) al rapporto tra vita cristiana e

territorio/spazio pubblico.

Il contesto odierno è diverso da

quello che in altri tempi ha propiziato

lo strutturarsi del ‘noi’ cristiano in

forma parrocchiale. I due interrogativi,

però, si intrecciano e invitano a tenere

insieme i molti aspetti della stessa

questione. Se risulta difficile rendere

praticabile la forma comunitaria della

fede cristiana in una realtà segnata dal

forte individualismo, appare urgente

riconsiderare seriamente tutta l’importanza

dell’appartenenza alla comunità

ecclesiale nel favorire l’identità

cristiana e contrastare la diffusa crisi

della fede.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 488"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022913
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

RUBRICA

PER COMUNICARE MEGLIO

36. I casi difficili/5. Parlare di soldi (Roberto Laurita)

DOSSIER

LE NOSTRE GRANDI PAROLE

71 Purezza

1. Purezza: l’uso diffuso del termine e la prospettiva cristiana

(Valeria Boldini)

2. Il significato biblico di purezza a confronto

con la sensibilità diffusa nella nostra cultura (Rosanna Virgili)

3. Purezza: la “totalità” e la “profondità” dell’esistenza cristiana

(Claudio Stercal)

4. Purezza: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Purezza: breve antologia di testi

(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

SUSSIDIO

Le nostre mani, i nostri occhi. Celebrare con i bambini

della scuola dell’infanzia (Roberto Laurita)

PREPARARE LA MESSA

Dalla 17ª domenica alla 22ª domenica del Tempo ordinario

17ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Giancarlo Paris, Pierino Boselli)

Trasfigurazione del Signore (Gabriele Corini, Guido Genero, Pierino Boselli)

19ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Luciano Manicardi, Pierino Boselli)

Assunzione di Maria (Gabriele Corini, Pierino Boselli)

20ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Giancarlo Paris, Angelo Lameri)

21ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Umberto Folena, Angelo Lameri)

22ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Paola Bignardi, Angelo Lameri)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Archivum Franciscanum Historicum"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022906
Prezzo: € 20.00

Descrizione:

INDEX

 

1517 • 2017

familia franciscana inter reformas et reformationem (continuabitur)

LUDOVIC VIALLET. – 1517, l’année des brisures. Franciscanisme, luthé -

risme, évangélisme à l’âge des réformes

PACIFICO SELLA, oFM. – alcuni documenti inediti riguardanti il capitolo

“generalissimo” di Roma del 1517

ADAM MCZKA, oFMconv. – i frati Minori conventuali in Polonia prima

e dopo la scissione del 1517

JOHANNES K. SCHLAGETER, oFM. – oberdeutsche Franziskaner in der

frühen reformatorischen Bewegung

 

Discussiones et documenta

PAUL BÖSCH. – die Vita brevior und drei verslegenden als Spiegel verschollener

Franziskus-viten

ANTONIO MURSIA. – il convento di S. Maria di gesù di adernò dei frati

Minori osservanti e i lavori del suo ampliamento (1593-1631)

CAROLINE GALLAND - PieRRe MoRacchini. – Le Mortuologe de la province

Saint-denys des récollets (xviie siècle) (à suivre)

 

Summaria

Recensiones

MOLINA PARRA, NÉSTOR BERNARDO, oFMcap. – el reino de dios en el

pensamiento eclesiológico y escatológico de San Francisco de asís,

según sus escritos y las fuentes hagiográficas de los siglos xiiixiv.

– (Rafael Sanz)

HEINRICH VON AVRANCHES. – die verslegende vom heiligen Franziskus

(Legenda sancti Francisci versificata). – (Florian Mair)

Sedda, FiLiPPo (a cura). – Franciscus Liturgicus. editio fontium saeculi

xiii. – (Johannes Schneider)

Works of St. Bonaventure. commentary on the Sentences: Sacraments. –

(Johannes B. Freyer)

JOHN DUNS SCOTUS. – the Report of the Paris Lecture, Reportatio iv-a.

Latin text and english translation. – (Michael Robson)

ROMANO, MARTA M.M. (a cura). – il Lullismo in italia: itinerario storico-

critico. – (coralba colomba)

LARA, JAIME. – Birdman of assisi: art and the apocalyptic in the colonial

andes. – (Francisco Morales)

ANDERSEN, CLAUSA. – Metaphysik im Barockscotismus. untersuchungen

zum Metaphysikwerk des Bartholomaeus Mastrius. – (thomas

Marschler

MILANESI, MARICA. – vincenzo coronelli cosmographer (1650-1718). –

(giuseppe Buffon)

ZWINGLER, IRMGARD ELISABETH. – zwischen ordensdisziplin und Selbstbehauptung.

der Fall der Münchener klarissin Magdalena Paumann

(1734-1778). – (gisela Fleckenstein)

PIERACCINI, PAOLO. – Padre girolamo golubovich (1865-1941): l’attività

scientifica, il diario e altri documenti inediti. – (giuseppe Buffon)

 

Notae bibliographicae

Libri ad nos missi



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "il convento di S. Maria di Gesù di Adernò dei frati Minori osservanti e i lavori del suo ampliamento (1593-1631) (pp. 195-213)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Antonio Mursia
Pagine:
Ean: 2484300022937
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Abstract

The present contribution aims at throwing light on the refurbishment and extension of the Observant friary complex S. Maria di Gesù at Adrano (the ancient Adernò, Sicily), which occurred between 1593 and 1631. In order to better explain the reasons that led the friars to undertake these works, the introduction recalls the spread of the Observant movement in Sicily, the foundation of the Adernò friary in 1466 and the urban restyling of this Etnean town, between the 16th and 17th centuries. The construction work in the church and friary of S. Maria di Gesù can be explored thanks to unpublished records conserved in the Catania State Archives.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Alcuni documenti inediti riguardanti il capitolo generalissimo di Roma del 1517 (pp. 29-40)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Pacifico Sella, OFM
Pagine:
Ean: 2484300022968
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Abstract

The capitulum generalissimum of 1517, attended by both the Conventuals and the Franciscan Reform branches, led to an institutional split and the creation of the independent Franciscan Order de regulari observantia. The article explores and publishes the correspondence of two ambassadors who reported their observations on the chapter negotiations back home to the Republic of Venice and the Duchy of Ferrara. Another letter published here was written by Cristoforo Numai, the newly elected Observant Minister General and Cardinal, and addressed to his sponsor, the Marquis of Mantua. This correspondence could serve as an incentive to explore new sources to help shed more light on this major event in Franciscan history.  



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "1517, lannée des brisures. Franciscanisme, luthé - risme, évangélisme à lâge des réformes (pp. 9-28)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Ludovic Viallet
Pagine:
Ean: 2484300022975
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Abstract

This essay highlights some of the factual and motivational affinities between the Reform initiated by Martin Luther and the Franciscan reform movement. In this light, the opposition of the Franciscan reformers sub ministris in France and in Germany (mainly Coletans and Martinians) against the pressure exercised by the Italian Observants sub vicariis, can be considered as an expression of a more general reserve against a centralized Roman catholicity and papal supremacy. This ultramontane Franciscan concern was partly shared by the national and local political powers and fell on fertile ground among Protestant thinkers. 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I frati Minori conventuali in Polonia prima e dopo la scissione del 1517 (pp. 41-74)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Adam Mczka, OFMconv
Pagine:
Ean: 2484300022951
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Abstract

The urgent need for reform made the Polish Conventual friars take action before and especially after 1517. The protagonists to initiate and promote the needed reforms were three Italian provincials of the Polish province in the first half of the 16th century: Alberto Fantini, Marco Turri and Franceso Lismanini. As the author of this article shows, Franciscan reform was implemented thanks to a dense network of ecclesial, diplomatic, academic and institutional relationships which led the Conventuals to represent a valid alternative to the rise and affirmation of the Franciscan Observance in Poland. All this did not happen without serious clashes between the two institutional expressions of Franciscanism, clashes which the norms issued by both Order and Papacy only partially managed to contain.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Die Vita brevior und drei Verslegenden als Spiegel verschollener Franziskus-Viten (pp. 125-194)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Paul Bösch
Pagine:
Ean: 2484300022944
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Abstract

The author analyzes four 13th-century Lives of St Francis which explicitly claim to have as their source the Vita which was written by Thomas of Celano and approved by Pope Gregory IX. He includes the recently found Vita brevior, two legends in Old French verse, and, finally, the Middle High German life written by Lambert of Ratisbon. The article tries to establish a genealogical tree of the oldest Lives of St Francis by examining more than 300 small text units. As a result, the hagiographical development after the canonization of 1228 seems to have been longer and more complex than has been presumed. According to the author, the source for the Vita brevior must have been a provisional version of the Vita beati Francisci, this latter having been completed only after 1232.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Oberdeutsche Franziskaner in der frühen reformatorischen Bewegung (pp. 75-124)"
Editore: Frati Editori di Quaracchi
Autore: Johannes K. Schlageter, OFM
Pagine:
Ean: 2484300022920
Prezzo: € 5.00

Descrizione:

Abstract

Within the Upper German Franciscan Province, several friars responded positively to the ideas of the early Reformation and finally left the Order. The article focusses on the 1520s as a decade of transition and presents the life and literary production of John Eberlin of Günzburg, Henry of Kettenbach, John Rott and Conrad Pellikan. The chronicle written by the latter is particularly apt to witness to the personal struggles these friars went through as they first tried to integrate the theology and mindset of the Reformers into their own Franciscan horizon, before they finally left behind their former religious life and eventually became the vanguard of anti-Franciscan polemics.




VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022838
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Per una liturgia che includa, senza smarrirsi

Una riscrittura del concilio

Si può individuare chiaramente che cosa è chiesto al linguaggio liturgico oggi? E il magistero, a quale discernimento chiama? Papa Francesco ha ribadito a più riprese e con grande chiarezza che, se un centro strategico si deve individuare nel progetto del suo ponti_cato, questo è senza dubbio in Evangelii gaudium (= EG). Così si è espresso parlando ai Gesuiti nell’ottobre 20161:

 «Vi raccomando l’Evangelii gaudium, che è una cornice. Non è originale, su questo voglio essere molto chiaro.

Mette insieme l’Evangelii nuntiandi e il documento di Aparecida. Pur essendo venuta dopo il Sinodo sull’evangelizzazione, la forza dell’Evangelii gaudium è stata di riprendere quei due documenti e di rinfrescarli per tornare a offrirli su un piatto nuovo. L’Evangelii gaudium è la cornice apostolica della chiesa di oggi. […] Credo che l’Evangelii gaudium vada

approfondita, che ci si debba lavorare nei gruppi di laici, di sacerdoti, nei seminari, perché è l’ariavangelizzatrice che oggi la chiesa vuole avere. Su questo bisogna andare avanti. Non è qualcosa di concluso, come se dicessimo: è andata, ora tocca a Laudato si’. E poi: è andata, adesso c’è Amoris laetitia…».

Evangelii gaudium è dunque la cornice. Le tele si succedono (sia le maggiori, sia gli altri atti e prese di posizione), ma il contesto che le sorregge è questo corposo documento che rilegge l’intera vita ecclesiale con l’ottica della missione. Secondo l’interessante lettura che ne offre Theobald2, EG sarebbe una riscrittura libera e originale del concilio, fatta non da uno dei padri, ma da uno dei _gli del Vaticano II. Questa è l’ipotesi: vista la distanza dal concilio, e la prospettiva di non celebrare un Vaticano III, pare urgente una ripresa stilistica, preparata da Paolo VI, rimasta in latenza per un tempo più preoccupato dell’ossatura dottrinale. EG non è chiaramente un testo dedicato alla liturgica: è notevole che l’unica costituzione conciliare non citata sia Sacrosanctum concilium. Nel progetto di rinnovamento missionario però diventa molto esplicito cosa si chiede al celebrare della chiesa. Nel noto passaggio del n. 24, le azioni ecclesiali (prendere l’iniziativa, coinvolgersi, accompagnare, frutti_care, festeggiare) culminano nella liturgia:

«La comunità evangelizzatrice gioiosa sa sempre ‘festeggiare’. Celebra e festeggia ogni piccola vittoria, ogni passo avanti  ell’evangelizzazione. L’evangelizzazione gioiosa si fa bellezza nella liturgia in mezzo all’esigenza quotidiana di far progredire il bene. La chiesa evangelizza e si evangelizza con la bellezza della liturgia, la quale è anche celebrazione dell’attività  vangelizzatrice e fonte di un rinnovato impulso a donarsi».

Nel cap. III su «L’annuncio del vangelo », una parte considerevole delle proposte di vita per il popolo di Dio, in [...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022845
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

Editoriale

Giovanni Battista è il terzo personaggio del

Nuovo Testamento che andiamo a conoscere

meglio, nelle pagine della nostra rivista.

I primi a parlare di lui sono gli evangelisti,

per cui non abbiamo dubbi a porlo tra i personaggi del

Nuovo Testamento; anche se forse – leggendo attentamente

i nostri articoli – ci faremo l’idea di un uomo che

sta sulla soglia, tra i due Testamenti. Chiude l’Antico e

apre il Nuovo, appartenendo ad entrambi.

Come di consueto dedicheremo il grosso degli articoli

ad approfondire alcuni aspetti che emergono dai

testi che parlano di lui. Anzitutto cerchiamo di capire

quali sono questi testi. Le fonti a cui attingere, per avere

un quadro storico della sua persona e del suo messaggio,

sono i vangeli, gli Atti degli apostoli (per quel che riguarda

i suoi discepoli) e l’opera dello storico ebreo Flavio

Giuseppe, vissuto nel I secolo d.C.; si tratta di testi in

cui aspetti storici, letterari e teologici si intrecciano insieme

(Benedetta Rossi). Qual è il ritratto che ne emerge?

Guardiamo anzitutto a quello che scrivono di lui i

quattro vangeli. Essi lo dipingono come un uomo dai

molti volti e sfaccettature: profeta, precursore, battezzatore,

amico dello sposo… È un ritratto complesso, ma

affascinante (Donatella Scaiola). Mettendo a fuoco il

suo rapporto con l’autorità, lo vediamo come un grande

tra i grandi; l’opinione pubblica aveva un’alta considerazione

di lui, perché era capace di parlare agli uomini

del suo tempo – di ogni status e credo – lasciando

un segno nel contesto palestinese del I secolo d.C. Non

ha avuto paura di ergersi come coscienza critica, fedele

alla verità anche quando il rischio era elevato (Sebastiano

Pinto). Il suo rapporto con Gesù, di cui ci parlano

specialmente i vangeli (difficile da interpretare il cosiddetto

Testimonium flavianum, come vedremo), è diverso

a seconda del testo a cui ci si appella: si va dalla sicurezza

con cui il Battista indica in Gesù l’agnello di Dio

nel Vangelo secondo Giovanni all’incertezza inquieta dei

sinottici. Da come si rapporta a Gesù vediamo anche

qual è la sua idea su Dio e sul suo regno che deve compiersi

(Giulio Michelini).

Non è cosa semplice mettere insieme tutti questi dati

in un ritratto unitario. Giovanni Battista, infatti, è il

personaggio del Nuovo Testamento (escluso Gesù, ovviamente!)

su cui abbiamo il maggior numero di dati

purtroppo si tratta spesso, però, di elementi disparati.

Alla fine chi era? Un profeta esigente, forse anche lontano

da Gesù; oppure un amico attento, tutto proiettato

a suscitare la fede in lui (Annalisa Guida)? Di questi

aspetti, il contributo di rilettura catechetico-spirituale

sottolinea la dimensione profetica, che ci spinge a

rivalutare quel sensus fidelium di cui si parlava molto in

teologia fino a qualche anno fa (Valentino Bulgarelli).

Come si può intuire dalle fonti antiche, Giovanni

Battista era un uomo conosciuto e stimato. E lo è stato

a lungo, nei secoli. Lo mostreranno alcuni contributi

in cui viene esplorata la figura di Giovanni oltre i testi

e le epoche bibliche. Non stupisce che di lui parli

Dante, né che la liturgia vi dedichi ben due feste; magari,

però, non ci aspettavamo che fosse così citato nel

Corano, che ne parla in più di una sura (Guido Benzi).

Un monaco cistercense vissuto a cavallo tra il 1100 e il

1200 vi dedica dei bellissimi sermoni, in cui il Battista

appare come l’esempio che ogni monaco deve seguire

(Marcello Panzanini). Per quel che riguarda l’arte, poi,

c’è solo l’imbarazzo della scelta tra tutte le possibili interpretazioni

di questo o quell’episodio della vita – e ancor

più della morte – di Giovanni; i due che abbiamo scelto

sono un dipinto del Domenichino (che fa da copertina

al fascicolo; Marcello Panzanini nella rubrica “Arte”)

e la “confusione” tra Erodiade, Salomè e Giuditta

in alcune rappresentazioni (c’è chi tende a trasformare

tutte le donne in vampiri affamati di vita, come mostra

Valeria Poletti nella rubrica “Men at work”).

Ci staccheremo per un po’ dalla figura del Battista

in alcune rubriche: “Apostolato biblico” porta la testimonianza

della diocesi di Massa Marittima - Piombino;

“La Bibbia nella Riforma” ci racconta la traduzione

italiana della Bibbia fatta da Giovanni Diodati, esule

a Ginevra ma «di nazione lucchese» (Valdo Bertalot);

“Vetrina biblica” spazia, come di consueto, tra le novità

in libreria; infine l’inserto staccabile “La Bibbia a

scuola”, dopo aver proposto alcuni elementi teorici, offre

un esempio di utilizzo della Scrittura, preso dalla vocazione

di Abramo.

Carlo Broccardo



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 487"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022821
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

RUBRICA

PER COMUNICARE MEGLIO

35. I casi difficili/4. Parlare di soldi (Roberto Laurita)

 

DOSSIER

LE NOSTRE GRANDI PAROLE

70 Umiltà

1. Umiltà: il significato nell’uso comune e nel linguaggio

della fede (Valeria Boldini)

2. L’umiltà negli insegnamenti dei Libri sapienziali

(Flavio Dalla Vecchia)

3. L’umiltà come virtù e come valore (Giuseppina De Simone)

4. Umiltà: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Umiltà: breve antologia di testi

(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

 

SUSSIDIO

Una celebrazione per la conclusione dell’anno scolastico

(Roberto Laurita)

 

PREPARARE LA MESSA

Dalla solennità della SS. Trinità alla 16ª domenica del Tempo ordinario

Santissima Trinità (Gabriele Corini, Alessandro Ghersi)

SS. Corpo e Sangue di Cristo (Gabriele Corini, Alessandro Ghersi)

12ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Gianni Colzani, Fabio Trudu)

13ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Ina Siviglia, Fabio Trudu)

14ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Giuseppe Sovernigo,Fabio Trudu)

15ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Mario Torcivia, Vittorio Brunello)

16ª domenica ordinaria (Gabriele Corini, Giancarlo Bruni, Vittorio Brunello)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Servizio della Parola - n. 486"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022807
Prezzo: € 7.00

Descrizione:

INDICE

PER COMUNICARE MEGLIO

34. I casi difficili/3. Parlare di soldi (Roberto Laurita)

DOSSIER

LE NOSTRE GRANDI PAROLE

69 Memoriale

1. Memoriale: il significato del termine nell’uso comune

e nel linguaggio della fede (Valeria Boldini)

2. Memoriale: il significato nelle Sacre Scritture (Sebastiano Pinto)

3. “Celebrando il memoriale”: analisi del termine “memoriale”

in alcuni testi liturgici (Doriano Locatelli)

4. Memoriale: indicazioni per la predicazione (Chino Biscontin)

5. Memoriale: breve antologia di testi

(Benedettine del Monastero «Mater Ecclesiae»)

SUSSIDIO

Celebrazione dell’Eucaristia di prima comunione.

Suggerimenti e avvertenze (Alberto Carrara)

PREPARARE LA MESSA

Dalla domenica di Pasqua alla domenica di Pentecoste

Domenica di Pasqua (Luigi Nason, Simone Toffolon)

2ª domenica di Pasqua (Luigi Nason, Simone Toffolon)

3ª domenica di Pasqua (Luigi Nason, Simone Toffolon)

4ª domenica di Pasqua (Luigi Nason, Simone Toffolon)

5ª domenica di Pasqua (Luigi Nason, Simone Toffolon)

6ª domenica di Pasqua (Luigi Nason, Simone Toffolon)

Ascensione del Signore (Luigi Nason, Simone Toffolon)

Domenica di Pentecoste (Luigi Nason, Simone Toffolon



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022791
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

EDITORIALE

Fanciulli, famiglia, eucaristia: tre

parole che nella pastorale della chiesa

sono correlate e interdipendenti più di

quanto abitualmente si pensi. La crisi

della famiglia è la crisi della chiesa. Infatti

nel Nuovo Testamento la famiglia

è considerata la «chiesa che si riunisce

nella casa» (cfr. 1 Cor 16,19; Rm 16,5;

Col 14,15). Non solo, ma la famiglia è

anche la prima sede della celebrazione

eucaristica, cioè «della presenza di Cristo

seduto alla stessa mensa» (Amoris

laetitia, n. 15). La famiglia è, pertanto,

pure la prima sede della trasmissione

della fede ai figli, «è il luogo dove i genitori

diventano i primi maestri della fede

per i loro figli» (Amoris laetitia, n. 16).

A questa immagine biblica della famiglia,

cioè a questo progetto di Dio sulla

famiglia che noi siamo chiamati a realizzare,

quale concreta situazione corrisponde?

Ci sembra di parlare di un

altro pianeta. Come la pastorale tiene

veramente presente questo ideale e le

mutate situazioni della nostra società?

Non c’è forse il rischio di esaurire le

energie pastorali delle nostre comunità

nel continuare a proporre con zelo

e tenace insistenza attività e schemi

pastorali che non si armonizzano più

con gli stili di vita, né con i diversi linguaggi

del nostro tempo?

La catechesi ai fanciulli può essere

assunta come una cartina di tornasole

per verificare le contraddizioni dell’odierna

pastorale che dovrebbe tenere

strettamente uniti fanciulli, famiglia

ed eucaristia. Ci si rende sempre

più conto che la tradizionale ‘ora di

catechismo’ settimanale per il completamento

dell’iniziazione cristiana

dei fanciulli e dei ragazzi dai sette ai

quattordici anni, non sembra affatto

produrre i frutti tanto sperati. Da oltre

mezzo secolo ci si lamenta, e con

ragione, che dopo il completamento

dell’iniziazione cristiana i ragazzi,

pienamente ‘introdotti’ nella chiesa,

per la stragrande maggioranza paradossalmente

scompaiono… E con

loro anche quei genitori che durante

gli anni di catechismo si erano resi abbastanza

presenti sia agli incontri di

formazione sia all’assemblea eucaristica

domenicale. Se poi qualche parroco,

con tanto zelo e tanta speranza, ha

pensato di collocare l’ora settimanale

di catechismo la domenica mattina

così da favorire (o costringere?) genitori

e figli a partecipare alla messa

domenicale, sembra che la medicina

sia risultata sovente poco efficace se

non addirittura peggiore della malattia

da curare. Infatti, il catechismo rischia

in tal modo di apparire una specie di

subdolo ricatto. Chi ricorda ancora la

ricorrente esortazione che almeno da

alcuni decenni sollecita una profonda

«conversione pastorale» (cfr. Comunicare

il vangelo in un modo che cambia, n.

46)? Conversione che non può prescindere

dall’esperienza dell’eucaristia

domenicale, vertice di quella liturgia

che è «luogo educativo e rivelativo» della

fede, della chiesa e dell’identità del

cristiano (cfr. ibid., n. 47).

Pertanto, questo numero della nostra

rivista, come mostra la stessa

sequenza degli argomenti affrontati,

pone alcuni interrogativi per orientare

una più radicale riflessione sull’iniziazione

cristiana dei fanciulli a partire

dalla loro progressiva partecipazione

all’assemblea eucaristica domenicale.

L’iniziazione cristiana è fondamentalmente

iniziazione all’eucaristia, come

dimostra l’originaria successione dei

tre sacramenti. Per questo la graduale

e attiva partecipazione dei fanciulli

alla messa è più importante dell’ora di

catechismo. Come attuare questo fondamentale

itinerario di carattere esperienziale?

Non si tratta di cambiare la

messa e tanto meno di infantilizzarla

come purtroppo talvolta succede in

tutta buona fede. Fin dal 1975 la Congregazione

per il culto divino ha emanato

un Direttorio, quale appendice

autorevole del Messale Romano, per la

celebrazione della messa con fanciulli.

In esso si offrono ampie possibilità

di adattamento per quanto riguarda

i testi, i gesti, gli atteggiamenti e gli

elementi visivi. È, tuttavia, opportuno

tenere ben presente che il Direttorio

distingue le messe celebrate nei giorni

feriali, con finalità propedeutiche, dalla

messa domenicale dove i fanciulli,

previamente formati, partecipano insieme

agli adulti alla messa della comunità.

Distinzione di cui non sempre

si è tenuto sufficientemente conto con

il rischio di infantilizzare tutto il rito.

Presentiamo quindi alcune esperienze,

italiane ed estere, per la preparazione

dei fanciulli e dei ragazzi a

un’attiva e consapevole partecipazione

alla messa. Sono tentativi e, come

tali, non privi di aspetti discutibili, ma

che possono suggerire nuove esperienze

in questo settore.

Alcuni interventi allargano lo sguardo

al linguaggio simbolico che non riguarda

solo i fanciulli, ma anche gli

adulti. Siamo proprio sicuri che certi

riti e certi simboli dicano ai cristiani

di oggi quello che dicevano ai cristiani

del primo millennio o dell’epoca barocca?

Da quale età è bene che i fanciulli

prendano parte alla messa con

gli adulti e a quali condizioni? Le problematiche

pastorali che riguardano lo

stretto e inscindibile rapporto tra fanciulli,

famiglia ed eucaristia non sono

presenti solo nel mondo cattolico, ma

anche nelle comunità ortodosse ed

evangeliche come dimostrano le testimonianze

riportate. Come sempre

la nostra rivista, oltre a favorire l’approfondimento

del tema, offre anche

sussidi pratici per cercare di dare una

risposta ai tanti interrogativi. La pastorale

è sempre e fondamentalmente ricerca.

È la dinamica dell’incarnazione.

Silvano Sirboni



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium 2-2017 - La Riforma"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022814
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Editoriale

Il 1517 segna l’inizio della cosiddetta Riforma: il monaco

agostiniano tedesco Martin Lutero pubblica 95 tesi con le

quali intende sollecitare una discussione sull’indulgenza e sul

sacramento della penitenza. Le tesi mostrano che le domande

teologiche di Lutero riguardavano direttamente anche le strutture

del potere ecclesiastico. Infatti, per fermarci soltanto alla

controversia sull’indulgenza: come potrebbe essere annunciata

la libera grazia di Dio nei confronti dell’umana colpa del peccato

se le lettere di indulgenza dovevano essere acquistate, in

modo da aiutare i dignitari ecclesiastici a ripianare dei debiti

finanziari? Ma poi anche: come potrebbe essere coltivata la

parola di Dio in una chiesa in cui il popolo di Dio fosse escluso

dall’interpretazione della sacra Scrittura, della testimonianza

della parola di Dio, e non potesse mai accostarsi alla Bibbia

nella propria madrelingua? Il fatto che i processi avviati su tali

questioni avessero effetti che non si limitarono all’ambito intraecclesiale,

trasformò la Riforma in un evento che ha cambiato

il mondo, dando impulso alla formazione degli stati nazionali,

all’elaborazione di differenti concezioni della separazione

tra stato e chiesa, alla tolleranza religiosa (anche a prezzo di

cruente guerre di religione), al riconoscimento della libertà

dell’individuo.

Rispetto a una lunga tradizione che prevedeva un controprofilo

cattolico e una marcata differenziazione nei confronti

del protestantesimo, il concilio Vaticano II ha rappresentato

una svolta, in quanto con esso si è affermato un approccio

ecumenico e sono state riprese impellenti questioni teologiche

e pratiche che sono comuni a tutte le confessioni cristiane. Se

ne può addirittura ricavare l’impressione che alcune richieste

centrali di Lutero – il primato della parola di Dio, l’accessibilità

alla sacra Scrittura nelle molte lingue del mondo, il sacerdozio

di tutti i fedeli, la concezione del ministero come servizio nella

chiesa, solo per nominarne alcune – siano finalmente entrate

nella chiesa cattolica!

Il presente fascicolo di Concilium si colloca su questa linea

ecumenica e cerca di proseguirla in una prospettiva globale e

inclusiva. I primi tre contributi si occupano della Riforma come

avvenimento storico e ne esaminano le conseguenze. Heinz

Schilling ricolloca il riformatore di Wittenberg nel contesto

storico della sua entrata in scena, in un’epoca di cui si sottolinea

con vigore l’estraneità rispetto all’attuale percezione del

mondo, postmoderna e occidentale. Come conseguenze della

Riforma, Schilling descrive un’antagonizzazione confessionale,

ma così facendo delinea allo stesso tempo lo sviluppo di una

differenziazione religiosa e culturale. Erik Borgman esamina

le ricostruzioni storiche della Riforma e delle sue conseguenze

partendo dall’ambito anglosassone. Egli utilizza questo

passaggio per dischiudere e preparare questioni teologiche

fondamentali che oggi andrebbero ulteriormente elaborate.

Borgman si preoccupa in modo particolare di ricordare i rivoluzionari

radicali che hanno fortemente richiamato l’attenzione

sul problema di un mondo violento e quindi irredento. Daniel

Jeyaraj delinea la storia della missione protestante in India e

con ciò illustra, come esempio di un caso specifico, le conseguenze

della Riforma molto al di là dell’Europa. Jeyaraj pone

un accento particolare sulla storia di un rispettoso rapporto dei

missionari europei con le tradizioni indiane e sulle molteplici

forme dell’inculturazione del cristianesimo nel subcontinente

indiano.

I tre contributi successivi affrontano la teologia di Martin

Lutero. Manuel Santos Noya si dedica ad alcuni versetti

delle lettere di Paolo, nei quali la traduzione tedesca di Lutero

diverge in modo marcato dal testo greco o latino, e collega la

riformulazione alla nuova certezza di Lutero circa il senso più

profondo della Scrittura, ma rimanda anche a possibili problemi

di trasmissione del testo. Lidija Matoševi riprende il tema

dell’indulgenza con un interesse sistematico-teologico. Ella fa

vedere che nella critica di Lutero al sistema delle indulgenze

del suo tempo si possono riscoprire due visioni non negoziabili

della teologia medievale: l’idea della chiesa come una comunione

dei santi e, collegata a questa, la solidarietà con gli uomini

e le donne che vivono veramente in condizioni di indigenza.

Ulrich Duchrow si adopera empaticamente a radicalizzare la

Riforma. Se, attingendo ai vari scritti di Lutero, si raccoglie la

sua radicale critica al primo capitalismo e la si collega alla critica

sociale della Bibbia, si può ottenere una base per una critica

radicale dell’economia in prospettiva protestante, una critica

che è ricca inoltre di collegamenti interreligiosi. In considerazione

dei giudizi distruttivi di Lutero su ebrei e musulmani è

indispensabile invece operare una critica radicale dello stesso

riformatore.

Le chiese luterane di tutto il mondo sono unite nella Federazione

luterana mondiale. L’attuale presidente della FLM, il

vescovo Munib Younan, descrive questa comunione di chiese

nelle sue strutture fondamentali, presenta le sfide attuali e,

in particolare, prende posizione sul problema della rilevanza

che può spettare anche per il futuro alla differenziazione del

cristianesimo nelle sue diverse confessioni. Come aspetto

centrale della realizzazione della giustizia che deriva dalla

giustificazione per la fede, egli cita la giustizia di genere e

il documento programmatico della FLM emanato su questo

tema nel 2015. Vi si ricollega il contributo di Elaine Neuenfeldt,

la quale presenta i primi risultati di una ricerca che la

FLM ha compiuto nel 2015/16 tra le sue chiese membri e nella

quale è stata affrontata la questione dell’inclusione delle donne,

sia nel ministero ordinato sia nelle sedi decisionali delle

rispettive chiese. Si intravvedono in molte chiese del mondo

promettenti sviluppi, come pure si osservano ancora presenti

degli ostacoli strutturali o si assiste addirittura a dei passi

indietro nella disponibilità a consentire alle donne la piena

partecipazione al ministero ordinato.

I contributi di Dorothea Sattler e Jürgen Moltmann possono

essere letti come un dialogo ecumenico. Dorothea Sattler

delinea gli sviluppi avutisi nel dialogo tra luterani e cattolici

dopo il concilio Vaticano II, e lo fa come rappresentante cattolica

di una teologia ecumenica: riassume quindi i risultati

centrali del dialogo tra la FLM e il Pontificio Consiglio per la

promozione dell’unità dei cristiani, auspicando la prosecuzione

dei dialoghi sui diversi piani. Jürgen Moltmann ricorda dal

canto suo che Lutero non ha invitato al dialogo, ma ha sfidato

alla disputa, e si batte da una prospettiva protestante perché si

continui ad affrontare col coraggio della controversia le grandi

questioni aperte che si pongono nel confronto con la chiesa cattolica,

ma anche tra le stesse chiese nate dalla Riforma.

Il Forum del presente fascicolo riporta due contributi che

si confrontano col tema, oggi attuale nella chiesa cattolica, del

diaconato femminile e mostrano così, a modo loro, che il tema

della giustizia di genere possiede una dimensione ecumenica.

Lo studio di natura storica di Sarah Röttger ricorda donne

con poteri vescovili; il contributo seguente, di carattere praticoteologico,

a firma di Phyllis Zagano, considera una inevitabile

necessità il diaconato femminile collegato all’ordinazione

sacramentale. Infine troviamo una breve commemorazione

dell’arcivescovo di São Paulo (Brasile) e teologo della liberazione

noto in tutto il mondo, Paulo Evaristo Arns, che è mancato

nel dicembre del 2016.

 

Marie-Theres Wacker - Münster (Germania)

 Felix Wilfred - Madras (India)

Andrés Torres Queiruga - Santiago de Compostela (Spagna)



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022784
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

EDITORIALE

Gesù. Come non dedicare un fascicolo al

più importante dei personaggi del Nuovo

Testamento? Tutti gli altri, infatti, in un

modo o nell’altro ruotano attorno a lui,

che del Nuovo Testamento è senza dubbio il centro.

Detto questo, rimane la fatica di decidere da che

parte guardare a Gesù; sono così tanti gli scritti che

ogni anno escono su di lui, in tutte le parti del mondo,

da ogni punto di vista – anche dai più strampalati…

Appartenente ad un popolo che all’epoca non

aveva alcun valore nello scacchiere internazionale, infatti,

ha trascorso una vita tutto sommato breve e per

la maggior parte “nascosta”, senza attirare l’attenzione

delle masse; ma quando ha iniziato ad agire e parlare

in pubblico, ha dato origine ad un movimento

(di persone e di idee) che duemila anni dopo non si

è ancora fermato. È senza dubbio uno dei personaggi

più importanti della storia universale (Carlo Broccardo).

Da che punto di vista approcciare una figura

così complessa? In queste pagine rimarremo fedeli

all’impostazione della nostra rivista e approfondiremo

la persona di Gesù a partire dalla sacra Scrittura;

ci fermeremo prevalentemente sul Nuovo Testamento,

sebbene non si possa capire Gesù senza considerare

anche le Scritture di Israele (Annalisa Guida).

Pensando a Gesù, i primi libri che vengono in

mente sono i vangeli; sono infatti una specie di biografia

del Nazareno. Sono quattro: la tradizione della

chiesa ci ha lasciato non un unico ritratto di Gesù,

ma quattro schizzi del suo volto. Così ci ricordiamo

che Gesù è sempre “altrove”, che nessuna biografia

– per quanto autorizzata – “dice tutto” di lui (Laura

Invernizzi). Avendo a nostra disposizione solo poche

decine di pagine, abbiamo scelto di soffermarci su un

aspetto in particolare di Gesù, e cioè sul fatto che è

stato un uomo di relazioni. Quel tratto della sua vita

che i vangeli ci raccontano è scandito da molti incontri:

con le folle, gli amici, gli avversari (Paolo Mascilongo).

La relazione sicuramente più importante, su

cui tutte le altre si fondano, è quella con Dio, il Padre.

Per approfondire questo aspetto dovremo tenere

insieme non solo i quattro vangeli, ma anche gli

altri scritti del Nuovo Testamento, dove la “figliolanza

divina” di Gesù viene approfondita a più riprese (Edoardo M. Palma). Questa apertura agli altri scritti

del Nuovo Testamento ci porterà a leggere alcuni dei

più famosi testi cristologici; sono passi molto belli e

densi di significato, che tutt’oggi trovano ampio spazio

nella celebrazione liturgica – oltre che nella riflessione

teologica (Guido Benzi).

Tutti questi contributi, chi in un modo chi nell’altro,

riportano continuamente l’attenzione su un

aspetto centrale: il mistero dell’incarnazione; Gesù

cioè è una persona, e una persona umana. La nostra

fede non si può ridurre ad un capire qualche cosa, né

ad un comportarsi in un certo modo; l’esperienza di

fede è l’incontro con la persona di Gesù, incontro che

genera gioia (Valentino Bulgarelli). Non è facile tenere

insieme questo aspetto, cioè la vera umanità di Gesù,

con il fatto che Gesù non è semplicemente una persona

umana; è veramente uomo, ma non è solamente

uomo. Gesù è anche Dio. È un mistero grande, su

cui noi ci affacciamo solo un po’ attraverso la rubrica

“Per saperne di più” (Marcello Panzanini), che racconta

alcuni passaggi storici dolorosi (ma necessari?), in

cui si è arrivati a discussioni anche molto accese, che

talora sono sfociate perfino nella violenza, proprio a

proposito della natura umana e divina di Gesù. Non

c’è niente da fare: la persona di Gesù ha creato molte

discussioni; ma non solo nel senso problematico appena

evidenziato. Ha anche ispirato molti artisti, come

ci ricordano la rubrica “Men at work”, che spazia

da Alda Merini a Bruce Springsteen (Valeria Poletti),

e la rubrica “Arte”, che si concentra sul protiro della

cattedrale di Ferrara (Marcello Panzanini).

Come già nel numero precedente, avremo ancora

un approfondimento su “La Bibbia nella Riforma”,

che ci presenterà questa volta la Bibbia di Martin Lutero

(Valdo Bertalot); l’“Apostolato biblico” ci racconterà

invece l’esperienza della diocesi di Andria. Sono

due ciliegine su una torta che può essere solo un assaggio,

essendo dedicata al più bello e complesso dei

personaggi che affronteremo quest’anno. Nella speranza

– anzi, nella certezza – che tutti noi vi ritorneremo

ancora, più volte, nel corso della nostra vita.

Carlo Broccardo



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium 1-2017: Come praticare il dialogo fra culture e religioni"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300022562
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Editoriale

 

Il nostro pianeta è formato da universi culturali e religiosi

molto differenti. Che cosa accade quando essi si trovano

a confronto? Come si incontrano e dialogano quando il loro

approccio razionale e la loro percezione del mondo sono singolari?

Che cosa accade quando un cinese recepisce un modo

di pensare europeo le cui strutture linguistiche e raziocinanti

sono state costruite, elaborate, nel corso dei secoli? E reciprocamente?

Più in generale, come si pensa e si comunica in una

cultura particolare, in una tradizione religiosa specifica, in un

mondo determinato? Come farsi comprendere dagli altri? Ed è

possibile comprenderli?

Questi interrogativi, onnipresenti nel mondo contemporaneo

globalizzato e sottoposto alla prova della moltiplicazione

e dell’accelerazione degli incontri, possono trasformarsi in

autentici shock culturali, ma sono di una importanza primordiale

per la ricerca teologica e anche per numerosi altri ambiti,

a cominciare dalla riflessione politica. Infatti, se le comunicazioni

rendono le persone apparentemente sempre più vicine,

i conflitti basati su visioni del mondo diverse non cessano, allo

stesso tempo, di svilupparsi. Per reazione essi conducono a ripiegamenti,

a rifiuti e a forme di esclusione, alla costruzione di

chiusure, di barriere, di muri.

Questo numero di Concilium intende trattare la questione

della singolarità delle razionalità culturali e religiose, del loro

possibile dialogo e della sua importanza per la teologia del

nostro tempo. Scegliamo di designare con “razionalità” una

visione, un approccio, una percezione razionale singolare della

realtà. Una razionalità è qui compresa come un insieme di

grammatiche intrecciate tra di loro, di strutture mentali acquisite

per apprendere e rendere conto di ciò di cui si fa esperienza

e che si viene a conoscere.

Il tema non è nuovo. Se ne sono impadronite discipline

molto differenti, dalla filosofia alla sociologia, passando per

l’antropologia, la linguistica e la storia, nel cercare di determinare

ciò che porta all’incontro di razionalità diverse e, per

alcuni studi, quali sarebbero le modalità di un dialogo costruttivo.

Tuttavia, sono ancora pochi i lavori collettivi disponibili

rispondenti alla duplice necessità di incrociare gli approcci e le

discipline, da una parte, e di rendere conto delle aree culturali

e religiose differenti, dall’altra. Inoltre, la questione è raramente

considerata dal punto di vista dell’incontro religioso – o la

religione vi appare come una semplice categoria della cultura.

Quanto alla teologia, ha scarsamente affrontato la questione

di petto, quand’anche la chiesa vi si confronti da tempo per

forza di cose. La missione, la storia dei testi e delle dottrine,

l’ermeneutica, l’inculturazione, l’evangelizzazione, per citare

solo questi, sono altrettanti campi che tale dinamismo agita in

profondità.

I/ Proporre un cambiamento di paradigma

Il Congresso tenuto a Parigi nel giugno 2016, organizzato

da Concilium insieme con l’Istituto di scienze e di teologia delle

religioni (ISTR) del Theologicum (la Facoltà di teologia e scienze

religiose dell’Institut Catholique di Parigi) e con l’Ordine dei

domenicani nel quadro del suo ottavo centenario, si è proposto

di partire dall’ipotesi che il riconoscimento della singolarità

culturale e religiosa di un mondo, con i suoi aspetti irriducibili

ad altri mondi, non è un problema o un ostacolo ad un dialogo

autentico. Al contrario, prendere coscienza della singolarità

altrui è uno degli atteggiamenti decisivi per avanzare in una

conoscenza più adeguata di sé e per la costruzione di un progetto

comune di società.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU