Articoli religiosi

Ebook



Titolo: "Cinema, sorrisi e canzoni"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Claudio Bisoni
Pagine:
Ean: 9788849862720
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Il film musicale italiano degli anni Sessanta è un capitolo significativo e ancora poco studiato della storia del cinema popolare nazionale. Questo libro offre la prima analisi a tutto campo dei cosiddetti musicarelli, una serie di film con i divi musicali dellepoca (Mina, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Rita Pavone) e la loro musica. Tra le pagine emerge il modo in cui i film musicali hanno saputo sfruttare i cambiamenti sociali ai tempi del boom economico e stabilire un dialogo con le nuove generazioni di spettatori appassionati. Attraverso molteplici prospettive danalisi, lo studio si concentra sugli aspetti più rilevanti del filone: le routine produttive dei film a basso costo, le dinamiche economiche che ne spiegano il successo, le forme espressive e narrative. Da un lato la canzone è incorporata nel linguaggio audiovisivo, dallaltro usa il cinema per promuoversi e per rafforzare i riti che la riguardano. Il libro prende inoltre in considerazione le pratiche concrete, troppo spesso trascurate, alla base del consumo quotidiano dei film e delle canzoni, insieme alla capacità di questo cinema di raccontare un capitolo della storia dei giovani, in un decennio di trasformazione dei costumi e dei ruoli di genere.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Decreti Covid19 - Domande e risposte"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Aa.vv.
Pagine:
Ean: 9788863457063
Prezzo: € 5.99

Descrizione:La guida del Sole 24 Ore, contiene una selezione delle principali risposte che sono state fornite dagli esperti del Sole 24 Ore relative agli ultimi decreti varati dal governo sul Covid 19.
Nelle domande pervenute sono emersi, non solo dubbi e incertezze, ma anche uno spaccato dell'Italia ai tempi del coronavirus.
Con domande che sono andate da come accedere ad aiuti e finanziamenti a come regolare le proprie partite con il Fisco in un passaggio così difficile; per arrivare a cercare di comprendere le regole di accesso all'indennità che spetta ai lavori autonomi e ai professionisti, per finire a come gestire spostamenti, aperture delle attività e il difficile equilibrio fra la necessaria permanenza a domicilio e le esigenze lavorative.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Partigiane liberali"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Rossella Pace
Pagine:
Ean: 9788849863062
Prezzo: € 8.99

Descrizione:Esiste una faccia ancora in gran parte nascosta della Resistenza italiana: quella costituita dalle donne appartenenti alle grandi famiglie dellaristocrazia liberale. Colte, raffinate, ma anche dotate di notevoli capacità organizzative, cresciute in salotti aperti ed anticonformisti prima e durante il ventennio fascista, dal 1943 esse furono animatrici di varie reti logistiche alla base della guerra partigiana. Il volume ricostruisce le vicende di alcune di loro, che svolsero ruoli rilevanti nellorganizzazione Franchi di Edgardo Sogno, come in altri nuclei resistenziali attivi in Italia settentrionale. Donne che, in gran parte, nel dopoguerra tornarono alla vita privata, nella generale crisi delle vecchie élites davanti allavanzata dei partiti di massa.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Per qualche gara in più"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Fabio Cintioli
Pagine:
Ean: 9788849863277
Prezzo: € 8.99

Descrizione:La crisi degli appalti pubblici è un fenomeno che si manifesta con linerzia, con la complicazione, col fiorire di troppe gare anche per necessità basilari delle amministrazioni, con un ginepraio di regole e di controlli che hanno come sbocco la difficoltà di fare della nostra amministrazione. Tante riforme nel corso degli anni non hanno migliorato la situazione. Anzi è purtroppo peggiorata. Andare alla ricerca delle cause profonde non è meno importante delle proposte per uscirne. In questo libro si cerca di dire delle prime senza rinunciare ad esporre le seconde, per non perdere la sfida della ripresa dopo lemergenza sanitaria Covid-19. Si devono però fare i conti con alcuni punti fermi del circuito istituzionale amministrativo: il modo in cui è stata declinata la tutela della concorrenza nei pubblici appalti; la prevenzione della corruzione; il mito della semplificazione amministrativa. Anche per questo si sceglie il metodo della conversazione che si snoda tra domande e risposte. Questo dà spazio a dubbi sinora inespressi nel dibattito, senza però dimenticare le obiezioni a questi dubbi basate su quel che è il diritto vivente in Italia. Tutela della concorrenza e prevenzione della corruzione non possono sacrificare linteresse principale: quello di eseguire gli appalti. Il dialogo tra intervistato e intervistatore è la tecnica che si utilizza per dare alle idee maggiore immediatezza. Il dialogo è anche il modo per non rivolgersi solo ai giuristi e per spiegare ai non addetti ai lavori quel che è accaduto, avvertendoli che la manutenzione delle opere pubbliche e lefficienza dei servizi sono beni essenziali e irrinunciabili.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "#Lockdown. Il giorno dopo"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Aa.vv.
Pagine:
Ean: 9788863457087
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Il tempo scorre in fretta, troppo in fretta. E spesso manca l'occasione per riflettere sia su cosa si stia davvero facendo sia in quale direzione si stia andando.
Per questo le drammatiche vicende della pandemia hanno forse un solo aspetto positivo: l'isolamento forzato spinge a farci domande non solo di tipo esistenziale ma che riguardano le scelte necessarie per uscire dall'emergenza e sui modelli da seguire.
Nelle settimane scorse, a partire da quando è risultato evidente che la crisi era destinata a cambiare la vita di tutti noi, abbiamo dato spazio sulle pagine del quotidiano Il Sole 24 Ore ai contributi di economisti, professori, esperti che hanno colto l'occasione per andare oltre la cronaca e alzare lo sguardo dai singoli alberi alla foresta.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pensiero alla morte"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Paolo VI
Pagine:
Ean: 9788868798697
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Il volume accompagna nella lettura di uno dei testi più belli della letteratura religiosa di ogni tempo: Il pensiero alla morte di Paolo VI (1897-1978). Il titolo dell’opera può trarre in inganno: non è una meditazione sulla morte, ma una rifl essione sul senso della vita, scritta dall’allora pontefi ce in un periodo di riposo, a Castelgandolfo, nell’estate del 1965. Tre i temi centrali: la gratitudine per i sempre sorprendenti doni della vita e del mondo; il pentimento per non averli sempre utilizzati a dovere; la scelta di fare del proprio tempo un rinnovato dono d’amore per tutti. Un’occasione per entrare nel cuore di una delle personalità più signifi cative, e ancora da riscoprire, del XX secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Pensiero alla morte"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Paolo VI
Pagine:
Ean: 9788868798680
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Il volume accompagna nella lettura di uno dei testi più belli della letteratura religiosa di ogni tempo: Il pensiero alla morte di Paolo VI (1897-1978). Il titolo dell’opera può trarre in inganno: non è una meditazione sulla morte, ma una rifl essione sul senso della vita, scritta dall’allora pontefi ce in un periodo di riposo, a Castelgandolfo, nell’estate del 1965. Tre i temi centrali: la gratitudine per i sempre sorprendenti doni della vita e del mondo; il pentimento per non averli sempre utilizzati a dovere; la scelta di fare del proprio tempo un rinnovato dono d’amore per tutti. Un’occasione per entrare nel cuore di una delle personalità più signifi cative, e ancora da riscoprire, del XX secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Idilio Dell'Era, ritratto di un sacerdote poeta"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Marco Fioravanti
Pagine:
Ean: 9788868798666
Prezzo: € 13.99

Descrizione:La collaborazione di don Martino Ceccuzzi, alias Idilio Dell’Era, al «Frontespizio» ed al «Giornale del Popolo» di Lugano rappresenta un esempio di cattolicesimo che ha salvaguardato l’integrità della fede intesa come insieme di verità rivelate. Marco Fioravanti delinea il profilo di un sacerdote poeta, del suo cattolicesimo drammatico e mistico, ma al tempo stesso identitario e militante. La poesia è per Dell’Era lo spazio privilegiato di una fede vissuta come relazione, come profonda esperienza personale, senza alcun cedimento ad un soggettivismo svincolato dalla Tradizione. Entro l’orizzonte di un cattolicesimo integrale, nessuna scissione è data fra sacerdote e poeta, e dunque neppure fra il Dio del Credo, che vuole essere creduto, ed il Dio della tenerezza, che vuole essere amato.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "CHIAMATI A LIBERTA'"
Editore:
Autore: Giovanni Barbareschi, Filippo Giganti, Emanuele Ranci Ortigosa, Pietro Ichino, Pippo Ranci, Fabrizio Onida, Valerio Onida, Marco Garzonio, Stefano Beghi
Pagine:
Ean: 9788832047301
Prezzo: € 9.99

Descrizione:A un anno dalla scomparsa, il 4 ottobre 2018, questo libro ci restituisce la parola di don Giovanni Barbareschi. Nel corso dei suoi ultimi trentanni molte volte lho pregato di raccontare le vicende civili ed ecclesiali che aveva vissuto; ha sempre rifiutato. Ora quella storia viene ricostruita, non con la preoccupazione di offrire una biografia completa e puntuale, ma attingendo alle molte occasioni in cui don Giovanni ha parlato di sé, in incontri con gli studenti del Collegio San Carlo, nelle interviste televisive, giornalistiche e radiofoniche, nei numerosi incontri dellAGESCI o dellANPI in cui ha portato la sua testimonianza. Insieme alle sue parole, racchiuse nellautobiografia della prima parte del libro, ci sono alcuni suoi testi illuminanti e molte testimonianze di chi ha condiviso con lui gli anni dello scoutismo giovanile, della scuola al liceo Manzoni di Milano o ha frequentato la Casa Alpina di Motta. Pagine dense di un messaggio che ancora oggi speriamo possa guidare le vite di tanti giovani e meno giovani, interpellati dall'energico appello di don Barbareschi ad essere uomini e donne liberi. Giuseppe Grampa

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gesù in mezzo"
Editore:
Autore: Chiara Lubich
Pagine:
Ean: 9788831121163
Prezzo: € 6.99

Descrizione:In un mondo in cui si moltiplicano le reti di comunicazione sociale, ma in cui, paradossalmente, sembra crescere un senso disolamento e solitudine, risuona forte la domanda sulla realtà dellessere umano: in che cosa consiste la sua realizzazione, la sua vera felicità? Una risposta è celata nella realtà di Gesù in mezzo: la vita di comunione nella quale la presenza di Cristo nella comunità e nei singoli porta a tutti e a ciascuno pace, gioia, luce nelle scelte da fare e nelle decisioni da prendere Affermando: Dove due o tre sono riuniti nel mio nome, ivi sono io in mezzo a loro (Mt 18, 20) Gesù ha promesso la sua presenza ovunque si vive nella radicalità del comandamento nuovo dellamore. Non solo sugli altari delle chiese, ma nelle famiglie, nelle strade, nei luoghi di lavoro, nelle scuole

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Idilio Dell'Era, ritratto di un sacerdote poeta"
Editore: Cantagalli Edizioni
Autore: Marco Fioravanti
Pagine:
Ean: 9788868798673
Prezzo: € 13.99

Descrizione:La collaborazione di don Martino Ceccuzzi, alias Idilio Dell’Era, al «Frontespizio» ed al «Giornale del Popolo» di Lugano rappresenta un esempio di cattolicesimo che ha salvaguardato l’integrità della fede intesa come insieme di verità rivelate. Marco Fioravanti delinea il profilo di un sacerdote poeta, del suo cattolicesimo drammatico e mistico, ma al tempo stesso identitario e militante. La poesia è per Dell’Era lo spazio privilegiato di una fede vissuta come relazione, come profonda esperienza personale, senza alcun cedimento ad un soggettivismo svincolato dalla Tradizione. Entro l’orizzonte di un cattolicesimo integrale, nessuna scissione è data fra sacerdote e poeta, e dunque neppure fra il Dio del Credo, che vuole essere creduto, ed il Dio della tenerezza, che vuole essere amato.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "#Lockdown. Il giorno dopo"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Aa.vv.
Pagine:
Ean: 9788863457094
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Il tempo scorre in fretta, troppo in fretta. E spesso manca l'occasione per riflettere sia su cosa si stia davvero facendo sia in quale direzione si stia andando.
Per questo le drammatiche vicende della pandemia hanno forse un solo aspetto positivo: l'isolamento forzato spinge a farci domande non solo di tipo esistenziale ma che riguardano le scelte necessarie per uscire dall'emergenza e sui modelli da seguire.
Nelle settimane scorse, a partire da quando è risultato evidente che la crisi era destinata a cambiare la vita di tutti noi, abbiamo dato spazio sulle pagine del quotidiano Il Sole 24 Ore ai contributi di economisti, professori, esperti che hanno colto l'occasione per andare oltre la cronaca e alzare lo sguardo dai singoli alberi alla foresta.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "#noistiamoacasa"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Anselm Grün
Pagine:
Ean: 9788831565011
Prezzo: € 6.99

Descrizione:

Pandemia! E all’improvviso, tutto cambia. Ci ritroviamo a vivere in uno stesso luogo,
spesso ristretto, con le stesse persone e senza poter “cambiare aria”.
Anselm Grün offre suggerimenti adatti a chiunque, che si tratti di single, famiglie o
coinquilini, per evitare litigi e sfruttare bene il tempo, creare spazi di libertà ed elaborare
nuovi obiettivi e riti comuni. Un testo fondamentale non solo per questi
tempi di quarantena, ma per qualunque situazione di crisi.

 

Anselm Grün, monaco benedettino tedesco, è uno degli autori spirituali di maggior successo. Molti i suoi libri con
Paoline, l’ultimo: Ogni giorno un nuovo inizio. La saggezza dei Padri del deserto (2019).

 

Simon Biallowons, giornalista, ha vissuto in Medio Oriente e scritto reportage da vari Paesi del mondo. Tra i suoi libri
in italiano: Mosè. Lezioni di deserto per partire e rinascere, con Heiner Wilmer, 2019.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium - 2020/2"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300025310
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Indice

Susan Abraham – Geraldo L. De Mori

Stefanie Knauss, Editoriale.

Abstracts

I. Maschilità plurali: riflessioni teologiche

1. Studi sulla maschilità: questioni attuali, nuove piste di ricerca

1.1 Raewyn Connell, Gli uomini, la maschilità e Dio.

Possono le scienze sociali aiutare a risolvere

il problema teologico?

I/ Introduzione

II/ L’emergere di un campo di studi

III/ I concetti

IV/ Pensare su scala mondale

V/ Il paradosso di Lutero

1.2 Herbert Anderson, Una teologia

per reimmaginare le maschilità

I/ Introduzione

II/ Il bisogno urgente di cambiamento

III/ Le sfide per ripensare le maschilità

IV/ Una cornice teologica per maschilità molteplici

V/ Postscriptum euristico

2. Maschilità: all’incrocio fra religione,

politica e cultura

2.1 Manuel Villalobos Mendoza, Disfare la maschilità.

Leggere Mc 14,51s. da el otro lado

I/ Introduzione

II/ Giovani e belli? La virilità in pericolo

III/ Vestire la tunica (non) virile

IV/ Non ho nulla da indossare

V/ Scappa se vuoi salvarti!

VI/ Cosa ci fa un trasgressore della mascolinità

tra i seguaci di Gesù?

VII/ Conclusioni: le implicazioni odierne del neanískos

2.2 Ezra Chitando, Maschilità, religione, sessualità .

I/ Introduzione

II/ I temi principali della ricerca sulle maschilità

III/ Confini contestati: religioni, maschilità e sessualità

1/ Le religioni, le maschilità e le sessualità eterosessuali

2/ Religioni, maschilità e sessualità omosessuali

3/ Religioni, maschilità e la sessualità delle persone celibi

IV/ Religioni, maschilità e sessualità:

costanti dimensioni di possibilità

V/ Conclusioni

2.3 Vincent Lloyd, Maschilità, razza, paternità

I/ Gli estremi della maschilità

II/ Stanley Tookie Williams nel ruolo di Dio-Padre

III/ Redenzione della paternità, redenzione della maschilità

IV/ Redenzione bianca, mistero nero

2.4 Nicholas Denysenko, Dottrina ortodossa e maschilità

nella Russia di Putin

I/ Introduzione

II/ La virilità nelle istituzioni, nell’ideologia

e nei rituali ortodossi

III/ L’ortodossia russa post-sovietica e il neoimperialismo

IV/ Le sfide al Mondo Russo e le reazioni machiste

V/ Conclusione

2.5 Shyam Pakhare, Trascendere il genere.

Il colonialismo, Gandhi e la religione

I/ Introduzione

II/ Il cristianesimo muscolare

III/ Invasione psicologica e dilemma

IV/ La religione di Gandhi: un’esperienza globale

V/ La ragione maschile contro la fede femminile

VI/ Spiritualizzare la politica

VII/ Conclusioni

2.6 Angélica Otazú, La maschilità

nella tradizione religiosa guaraní

I/ Introduzione

II/ Aspetti culturali che determinano la maschilità

III/ La loro religiosità

IV/ La divisione del lavoro in base al genere

V/ La medicina tradizionale

VI/ Caratteristiche della lingua

VII/ A mo’ di conclusione

3. Maschilità e Chiesa cattolica

3.1 Theresia Heimerl, Uomini essenzialmente diversi?

Sulla maschilità clericale

I/ Introduzione

II/ Breve storia del chierico come figura maschile a sé

III/ «Non gradu tantum, sed essentia»:

l’alterità essenziale della maschilità clericale

IV/ Maschilità clericali: presente e futuro

3.2 Julie Hanlon Rubio, Maschilità e abuso sessuale

nella Chiesa

I/ Introduzione

II/ Il genere come lente per capire la violenza sessuale

III/ L’abuso sessuale da parte del clero

come marcato dal genere

II/ Disfare il genere come pratica di resistenza

V/ Conclusioni: dal cuore del seminario

3.3 Leonardo Boff, Le maschilità clericali

e il paradigma della relazionalità

II. Forum teologico

1. Filipe Maia, Il sinodo panamazzonico

2. Benoît Vermander, Il Vaticano, la Cina e il futuro

della Chiesa cattolica cinese

I/ Cina-Vaticano: il contesto

II/ Dalla Lettera di Benedetto XVI a quella di Francesco

III/ Dopo l’Accordo

III. Rassegna bibliografica internazionale

 

Editoriale

Nell’attuale momento politico, è importante riflettere sulle maschilità facendo ricorso alle risorse specifiche della teologia. In Oriente, in Occidente e nel Sud del mondo la scena politica di molti paesi è dominata da “uomini forti”; i movimenti del #MeToo e del #ChurchToo hanno dato voce alle vittime di abusi sessuali che erano state costrette al silenzio, abusi perpetrati principalmente da uomini; le aziende industriali e finanziarie sono, per la stragrande maggioranza, in mano agli uomini, che così detengono il controllo delle risorse economiche, ambientali e sociali. Ancora oggi, i ruoli di genere tradizionali influiscono in misura considerevole sulle vite dei maschi: quando è possibile, circa un terzo dei giovani padri chiedono il congedo di paternità, ma negli ultimi anni il tasso è rimasto invariato o è addirittura diminuito e, in generale, gli uomini continuano a investire meno tempo nel lavoro di accudimento dei familiari o in quello domestico1. Ma comincia anche a emergere un ventaglio più ampio di espressioni della maschilità socialmente accettate: per le persone che negoziano la propria soggettività di genere, il “maschio alfa” egocentrico e aggressivo, l’uomo emotivamente integrato, il ragazzo eterosessuale che si dedica a facili flirt o l’uomo gay che vive in una relazione monogama sono tutti modelli possibili, così come ogni altra combinazione di tratti che concorrano a far parte della performance di genere di un individuo. Il saggio di Ezra Chitando sulle sessualità e le maschilità nel contesto africano illustra tale pluralità di discorsi normativi (formative), ovvero in questo caso le tradizioni religiose africane, il cristianesimo e l’islam. Inoltre, anche se su scala globale sono le nozioni occidentali di maschilità a dominare, chiaramente non si presentano come gli unici modelli disponibili a livello locale o regionale2, come rivela Angélica Otazú nella sua analisi del sistema di genere dei guaraní, un popolo indigeno della zona del Río de la Plata (fra Argentina e Uruguay). Un simile quadro dimostra che i discorsi sulla maschilità sono molteplici e contraddittori, e che in un dato contesto sociale non è possibile definire in modo univoco neppure un’immagine idealizzata di «maschilità egemonica» (Raewyn Connell); di qui peraltro la scelta di declinare “al plurale” il termine “maschilità” nel titolo di questo fascicolo. A ciò si aggiunge il fatto che ogni ideale egemonico di maschilità contiene in sé anche incoerenze e contraddizioni: l’uomo armato ipervirile può apparire come l’espressione estrema della supremazia maschile, ma, come sostiene Connell in questo stesso volume, se un uomo ha bisogno di una pistola per affermare il proprio potere, in realtà manca di credibilità. Gli studi sulle maschilità dimostrano che fare ricorso a un semplicistico binarismo uomo/donna non è di alcuna utilità, anche se spesso è difficile sottrarvisi: persino gli ideali di maschilità che appaiono meno tossici possono alla fin fine consolidare stereotipi essenzialisti problematici plasmati dalle gerarchie patriarcali se, per esempio, l’emotività continua a essere identificata con la femminilità anche quando viene incorporata in un’identità maschile, diventando sintomo di una mancanza di virilità (o persino di “effeminatezza”) invece diessere intesa semplicemente come elemento di una delle tante possibili versioni della maschilità. Anche i contributi a questo fascicolo esplicitano la lotta costante contro le facili presunzioni dell’essenzialismo binario, sebbene gli autori e le autrici possano concordare sull’impatto normativo dei discorsi sociali che riguardano le maschilità. Lo studio critico sulle maschilità tiene quindi conto del fatto che le nozioni di genere circolano all’interno di e s’intrecciano a complesse strutture di potere e a più ampi sistemi sociali di dominio (il patriarcato, la supremazia bianca, il colonialismo, l’eteronormatività e così via). Tutto ciò ha un’influenza su quegli individui che vivono la propria identità maschile in termini di potere o vulnerabilità al crocevia tra questi «sistemi di dominio a incastro», come scrive Vincent Lloyd nella sua analisi dell’autobiografia di Stanley Tookie Williams, leader di una gang nera, autobiografia in cui delinea la sua lotta con la maschilità e la paternità all’interno di un sistema razzista. Ma questo intreccio plasma anche le dinamiche sociali e politiche: scrivendo da una posizione postcoloniale, Shyam Pakhare discute i modi in cui le nozioni di «maschilità muscolare» incarnate dal colonizzatore occidentale cristiano hanno sostenuto il potere coloniale in India e il ruolo giocato nella lotta per l’indipendenza dal ricorso di Gandhi a modelli alternativi di maschilità radicati nell’hinduismo. In un contesto più contemporaneo, Nicholas Denysenko traccia i modi attraverso cui le narrazioni religiose della superiorità maschile e della subordinazione femminile (o del maschile femminilizzato) s’intrecciano alla politica del governo di Putin per legittimare e consolidare l’imperialismo russo. Quale contributo può offrire la riflessione religiosa e teologica a tutto ciò? Come può una prospettiva teologica sulle costruzioni storiche e contemporanee delle maschilità aiutare a creare relazioni, a livello micro e macroscopico, che permettano alle persone di realizzarsi nell’uguaglianza e nella giustizia? Può Gal 3,28, con la sua visione di un’unità ultima nel corpo di Cristo dove le distinzioni sociali di genere, etnia e status non hanno più valore, essere un punto di riferimento quando negoziamo i discorsi sulla maschilità nelle nostre società da un punto di vista teologico? O quel passo si limita semplicemente […]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I gradi dell'umiltà e della superbia"
Editore:
Autore: Bernardo di Chiaravalle
Pagine:
Ean: 9788831120982
Prezzo: € 8.99

Descrizione:Bernardo pone al centro della vita cristiana lesperienza di Dio amore. Ne Lamore di Dio egli ci presenta Dio come un Padre che ci ama come figli nel Figlio, che vive e parla nel nostro cuore, che ne diviene il tempio vivo, e chiede la risposta del nostro amore, della nostra fiducia, del nostro abbandono, della nostra preghiera, del nostro dono ai fratelli. Ne I gradi dellumiltà e della superbia Bernardo indica lumiltà come un camminare sulla via di Cristo, Verbo di Dio e immagine perfetta del Padre, che nella sua Incarnazione si è presentato come lUmiltà stessa. Limitazione di Cristo rimarrà, dora in poi, il centro focale di ogni autentica spiritualità cristiana.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300025297
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Editoriale

 M. Gallo

Il tempo estivo: assemblee vuote o liturgie che sanno respirare?

Studi

 E. Finzi

Tempo rurale e tempi postmoderni

 D. Cravero

Anno liturgico o anno scolastico?

 D. Messina

Domenica, assemblea, estate

 F. Zaccaria

Estate, feste e pietà popolare

 M. Roselli

Catechismo d’estate?

 F. Feliziani

Estate con la famiglia

e liturgia dei sensi

 M. Belli

Il tempio e il pellegrino

Formazione

 M. Ghiazza – M. Belli

Schede

2. Preghiera al Campo

 D. Pancaldo

Liturgia e disabilità: percorsi

2. Tempo estivo alla Fondazione M. Assunta in cielo

 G. Lo Bue

Pietà popolare e liturgia

2. Pietà mariana e pellegrinaggi

Sussidi e testi

 C. Laffranchini

Dal pregare al celebrare

 G. Tornambé

Esperienze di evangelizzazionetra mari e monti

 

Marco Gallo

Il tempo estivo: assemblee vuote o liturgie che sanno respirare?

 

Si direbbe che le nostre comunità articolano con non poche acrobazie ben tre calendari: quello liturgico, prima di tutto, sapiente con il suo ripetersi e variare in tempi forti, feste ed ordinario; quello civile-solare, che incrocia nel suo cambio di data il tempo di Natale, ed inserisce con discrezione memorie civili e scadenze; infine, sempre più dirompente, il calendario scolastico. Fra i tre, dobbiamo riconoscere come sia proprio quest’ultimo a scandire i tempi della vita liturgica. Secondo i ritmi dell’anno scolastico, le assemblee cambiano volto. Dell’iniziazione cristiana dei bambini e dei fanciulli si ripete spesso la necessità di rompere l’ambigua analogia con la formazione scolastica. Nella pratica sembra invece che si possa fare catechismo solo quando c’è la scuola! Prima di tutto, la fascia fertilissima per l’iniziazione che va da 0 a 6 anni risulta per lo più scoperta, quasi che l’annuncio si possa fare solo quando le coraggiose maestre hanno già svezzato i piccoli cuccioli. Soprattutto, dobbiamo riconoscere che l’abbraccio stretto con il sistema scolastico non si sta sciogliendo, rispetto ai ritmi dell’iniziazione. Quali conseguenze ha questa prassi? In un tempo in cui, sin da piccolissimi, le agende dei bambini non conoscono più tempi liberi per il gioco destrutturato, per il cortile dell’oratorio senza attività, i nostri incontri e celebrazioni devono faticosamente sgomitare con infiniti altri appuntamenti. Non è forse il tempo per de-localizzare in estate almeno una parte delle nostre pratiche di iniziazione? Decongestionare, senza perdere il ritmo, gli altri mesi, per dei progetti di educazione al rito, alla preghiera, alla vita comunitaria, di catechesi con più tempo a disposizione: i campiscuola, le attività estive sono occasioni che non valorizziamo abbastanza in senso iniziatico, quasi che fossero meno efficaci rispetto ai mesi “del catechismo”. Le parrocchie in città spesso hanno un orario delle celebrazioni estivo ed uno invernale. Esso non è legato solo al variare delle ore di luce, ma soprattutto al mutare delle assemblee liturgiche in estate. I cori, i ministranti ed altre ministerialità laicali, così generosi durante tutto l’anno, si fanno più sottili o spariscono. Alcune celebrazioni sono addirittura sospese, con una certa arrendevolezza. È vero che in luoghi di villeggiatura le assemblee si fanno più robuste ed attive, e non mancano lodevoli iniziative anche ricche di proposte di qualità. È giusto domandarsi, come avviene in questo numero, come può vivere questo cambiamento di fisionomia una comunità cristiana non arrendevole. Abbiamo giocato tutte le carte per organizzare una vita di celebrazione e spiritualità sufficiente? Le solennità estive sono occasione per una proposta da valorizzare. Ci sembra che l’estate meriti, invece, uno spirito di iniziativa assai diverso. Prima di tutto nel valorizzare i tempi più vivi della pietà popolare, con le sue feste patronali e devozioni. Nel suo bel testo, Francesco Zaccaria introduce tre dinamiche per una liturgia attenta a più occasioni: riscoprire il tempo del riposo, che non significa disimpegno; riscoprire le emozioni e la gioia, che non significa concentrarsi su sé stessi; riscoprire la comunità, che non significa etnocentrismo. A questo si può utilmente aggiungere un tempo di catechesi e predicazione prima delle ferie, in cui si offre alla comunità l’invito a gustare un tempo di riposo in cui ai figli è finalmente concessa un’occasione più tranquilla di compagnia con i genitori, spesso rapiti dai ritmi di lavoro – se i villaggi vacanze non riproducono la deprecabile vacanza parallela, intrattenendo i piccoli con attività lontano dai genitori. Si può suggerire di inserire nei viaggi una visita a qualche luogo di fede o di arte cristiana, di riscoprire la cattedrale della natura in montagna, in cui i sensi soffocati dalle stanze chiuse tornano a risvegliarsi, celebrando il Creatore. Per queste ragioni, ci è sembrato utile dedicare questo numero di RPL al tema della liturgia e tempo estivo. Dalla lettura del testo risulterà una miniera di suggestioni e riflessioni propositive. Esse si aprono, tuttavia, con uno studio che spiazza chi si aspettasse una riflessione immediatamente pastorale e liturgica, affidato a Enrico Finzi. Occorreva, prima di questi approfondimenti che poi abbondantemente si trovano, porre seriamente la questione sociologica della trasformazione delle nostre assemblee liturgiche e comunità che subiscono così radicalmente il cambio fra estate e resto dell’anno. La parrocchia rurale di alcuni decenni fa, infatti, non conosceva esodi e ferie, potendo quindi godere di una certa stabilità nel tempo. Oggi, anche fuori città, la popolazione abita il territorio in modo assai diverso, non vi si radica, ma normalmente lo elegge come abitabile per ragioni di altro tipo. Tutto questo non è immediatamente competenza della pastorale liturgica, ma senza alcun dubbio la influenza pesantemente.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Meno è di più"
Editore: Terra Santa
Autore: Francesco Antonioli
Pagine:
Ean: 9788862407656
Prezzo: € 9.99

Descrizione:«MENO non significa affatto decrescere. Vuol dire arretrare, questo sì: nell’indifferenza, nell’individualismo, nella conflittualità, nella bulimìa del consumismo e della ricchezza. Ma per essere più. Più civili, più realizzati, più umani, più felici. Sì, meno è di più. Occorre creatività, e anche un po’ di follia, occorre essere affamati di futuro. E tutto questo, non è forse proprio nelle corde della iniziativa THE ECONOMY OF FRANCESCO?» (Francesco Antonioli). Con l’iniziativa THE ECONOMY OF FRANCESCO, papa Bergoglio ha convocato ad Assisi cinquecento giovani economisti e imprenditori sotto i 35 anni, invitati a scrivere un “patto” per cambiare l’attuale economia e dare un’anima all’economia di domani. Occorre correggere i modelli di crescita incapaci di garantire il rispetto dell’ambiente, l’equità sociale, la dignità dei lavoratori, i diritti delle generazioni future. Questo libro è una provocazione. Ricco di spunti e di originali suggestioni, apre uno sguardo sul significato dei valori e delle spinte ideali per la vita economica. Ma lo fa ritornando all’antico, a due santi carismatici, a due manager ante litteram, inventori di prototipi finanziari e di organizzazione aziendale a cui si ispira la nuova “economia civile”, una teoria che è responsabilizzante e parla a tutta la società: alle imprese, ai consumatori, ai decisori pubblici.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Semplice, buttato via, moderno"
Editore: Viella
Autore: Enrica Tedeschi
Pagine:
Ean: 9788833135465
Prezzo: € 21.99

Descrizione:Questa è la storia di come nasce un attore, dall’infanzia vissuta nella cornice delle retoriche fasciste e nutrita dalla vitalità della cultura teatrale milanese, fino agli anni della guerra e della prigionia nei lager nazisti, dove recitare per gli internati italiani era questione di vita o di morte. Dalla lunga, affettuosa intervista condotta dalla figlia, affiora il profilo di Gianrico Tedeschi (Milano, 1920), un grande protagonista e testimone del teatro italiano del dopoguerra. La biografia individuale, inevitabilmente, è anche un affresco storico-antropologico di un’epoca che ha visto affermarsi tutti i principali interpreti, drammaturghi e registi che hanno contribuito a ridefinire in senso moderno la struttura del teatro italiano. La difficoltosa nascita del Piccolo di Milano, le opportunità offerte dal­l’Accademia Silvio D’Amico di Roma, le sinergie fra lotta partigiana e sostegno alla cultura e alla ricostruzione del Paese, la scuola dei grandi maestri, da Costa a Strehler, da Visconti a Ronconi, sono tutti segmenti di un racconto in cui destino personale, carriera artistica e contesto intersoggettivo sono profondamente intrecciati e traggono linfa e significato l’uno dall’altro.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Semplice, buttato via, moderno"
Editore: Viella
Autore: Enrica Tedeschi
Pagine:
Ean: 9788833135472
Prezzo: € 21.99

Descrizione:Questa è la storia di come nasce un attore, dall’infanzia vissuta nella cornice delle retoriche fasciste e nutrita dalla vitalità della cultura teatrale milanese, fino agli anni della guerra e della prigionia nei lager nazisti, dove recitare per gli internati italiani era questione di vita o di morte. Dalla lunga, affettuosa intervista condotta dalla figlia, affiora il profilo di Gianrico Tedeschi (Milano, 1920), un grande protagonista e testimone del teatro italiano del dopoguerra. La biografia individuale, inevitabilmente, è anche un affresco storico-antropologico di un’epoca che ha visto affermarsi tutti i principali interpreti, drammaturghi e registi che hanno contribuito a ridefinire in senso moderno la struttura del teatro italiano. La difficoltosa nascita del Piccolo di Milano, le opportunità offerte dal­l’Accademia Silvio D’Amico di Roma, le sinergie fra lotta partigiana e sostegno alla cultura e alla ricostruzione del Paese, la scuola dei grandi maestri, da Costa a Strehler, da Visconti a Ronconi, sono tutti segmenti di un racconto in cui destino personale, carriera artistica e contesto intersoggettivo sono profondamente intrecciati e traggono linfa e significato l’uno dall’altro.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Francesco profeta"
Editore: Viella
Autore: Pietro Messa
Pagine:
Ean: 9788833135526
Prezzo: € 14.99

Descrizione:Nello scorrere del tempo Francesco d’Assisi fu riconosciuto come profeta, ossia persona dotata di doni profetici. Così, ad esempio, alcune fonti, dopo aver dimostrato che l’Assisiate fu apostolo, avendo imitato la vita di Cristo, ed evangelista, a causa della predicazione, affermano che il santo fu reso dal Signore profeta luminoso e straordinario. Il tema della profezia, che coinvolge non soltanto la religiosità, ma anche diversi ambiti della vita personale e sociale, nel corso degli anni è stato esaminato da storici delle religioni e del cristianesimo sotto molteplici aspetti, fino ad essere approfondito e studiato nei suoi contenuti, contesti specifici ed esiti. Considerando i risultati raggiunti e i diversi metodi di approccio è interessante studiare Francesco d’Assisi e il carisma profetico a lui attribuito

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Francesco profeta"
Editore: Viella
Autore: Pietro Messa
Pagine:
Ean: 9788833135533
Prezzo: € 14.99

Descrizione:Nello scorrere del tempo Francesco d’Assisi fu riconosciuto come profeta, ossia persona dotata di doni profetici. Così, ad esempio, alcune fonti, dopo aver dimostrato che l’Assisiate fu apostolo, avendo imitato la vita di Cristo, ed evangelista, a causa della predicazione, affermano che il santo fu reso dal Signore profeta luminoso e straordinario. Il tema della profezia, che coinvolge non soltanto la religiosità, ma anche diversi ambiti della vita personale e sociale, nel corso degli anni è stato esaminato da storici delle religioni e del cristianesimo sotto molteplici aspetti, fino ad essere approfondito e studiato nei suoi contenuti, contesti specifici ed esiti. Considerando i risultati raggiunti e i diversi metodi di approccio è interessante studiare Francesco d’Assisi e il carisma profetico a lui attribuito

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Martin Lutero a Roma"
Editore: Viella
Autore: Michael Matheus, Arnold Nasselrath, Martin Wallraff
Pagine:
Ean: 9788833134130
Prezzo: € 35.99

Descrizione:Cinquecento anni fa circa Martin Lutero visitò Roma. In che misura questo viaggio pose le premesse per la Riforma protestante? Questa domanda, su cui si è costantemente interrogata la storiografia, ha spesso gettato un pregiudizio decisamente negativo sul modo di percepire la città e l’esperienza qui vissuta da Lutero. Il presente volume intende svincolare la ricerca storiografica da un paradigma dimostratosi inadeguato, restituendo al lettore l’immagine complessa e variegata di Roma come doveva presentarsi alla vigilia della Riforma. E se il punto di partenza è il viaggio stesso, il suo svolgimento e i ricordi a esso legati, parte del volume è dedicata alla necessaria ricostruzione della Roma rinascimentale, grazie a contributi dedicati al papa e alla Curia, alla teologia, all’arte, alla cultura e alle scienze dell’inizio del XVI secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Martin Lutero a Roma"
Editore: Viella
Autore: Michael Matheus, Arnold Nasselrath, Martin Wallraff
Pagine:
Ean: 9788833134147
Prezzo: € 35.99

Descrizione:Cinquecento anni fa circa Martin Lutero visitò Roma. In che misura questo viaggio pose le premesse per la Riforma protestante? Questa domanda, su cui si è costantemente interrogata la storiografia, ha spesso gettato un pregiudizio decisamente negativo sul modo di percepire la città e l’esperienza qui vissuta da Lutero. Il presente volume intende svincolare la ricerca storiografica da un paradigma dimostratosi inadeguato, restituendo al lettore l’immagine complessa e variegata di Roma come doveva presentarsi alla vigilia della Riforma. E se il punto di partenza è il viaggio stesso, il suo svolgimento e i ricordi a esso legati, parte del volume è dedicata alla necessaria ricostruzione della Roma rinascimentale, grazie a contributi dedicati al papa e alla Curia, alla teologia, all’arte, alla cultura e alle scienze dell’inizio del XVI secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sfogliare il passato"
Editore: Viella
Autore: Barbara Bracco
Pagine:
Ean: 9788833134017
Prezzo: € 11.99

Descrizione:Già un secolo fa, in un’Italia alle prese con la prova della Grande guerra, lo storico Gioacchino Volpe, autore anche di articoli per i quotidiani milanesi, si chiedeva quale funzione politico-culturale potessero svolgere il passato e la sua narrazione nel turbinio del presente, e quale potesse essere il ruolo sociale dei giornalisti/storici e degli storici professionisti. Quello tra storia e giornalismo è infatti un rapporto che non è mai stato facile. Oggi quella relazione si è ulteriormente complicata; ma sembra che la storia, ormai onnipresente, abbia trionfato. Scuola di complessità o semplice intrattenimento, adesso la storia si offre come un ingrediente essenziale della comunicazione pubblica. E dalle pagine culturali alle cronache politiche, dall’istituzione di un canale Rai interamente dedicato alla musa Clio alle molte società che si occupano della costruzione di eventi di sapore storico, almeno in apparenza il passato sembra dominare l’orizzonte culturale degli italiani. Ma è davvero così?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sfogliare il passato"
Editore: Viella
Autore: Barbara Bracco
Pagine:
Ean: 9788833134024
Prezzo: € 11.99

Descrizione:Già un secolo fa, in un’Italia alle prese con la prova della Grande guerra, lo storico Gioacchino Volpe, autore anche di articoli per i quotidiani milanesi, si chiedeva quale funzione politico-culturale potessero svolgere il passato e la sua narrazione nel turbinio del presente, e quale potesse essere il ruolo sociale dei giornalisti/storici e degli storici professionisti. Quello tra storia e giornalismo è infatti un rapporto che non è mai stato facile. Oggi quella relazione si è ulteriormente complicata; ma sembra che la storia, ormai onnipresente, abbia trionfato. Scuola di complessità o semplice intrattenimento, adesso la storia si offre come un ingrediente essenziale della comunicazione pubblica. E dalle pagine culturali alle cronache politiche, dall’istituzione di un canale Rai interamente dedicato alla musa Clio alle molte società che si occupano della costruzione di eventi di sapore storico, almeno in apparenza il passato sembra dominare l’orizzonte culturale degli italiani. Ma è davvero così?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU