Articoli religiosi

Ebook



Titolo: "#Lockdown. Il giorno dopo"
Editore: Il Sole 24 Ore
Autore: Aa.vv.
Pagine:
Ean: 9788863457094
Prezzo: € 9.99

Descrizione:Il tempo scorre in fretta, troppo in fretta. E spesso manca l'occasione per riflettere sia su cosa si stia davvero facendo sia in quale direzione si stia andando.
Per questo le drammatiche vicende della pandemia hanno forse un solo aspetto positivo: l'isolamento forzato spinge a farci domande non solo di tipo esistenziale ma che riguardano le scelte necessarie per uscire dall'emergenza e sui modelli da seguire.
Nelle settimane scorse, a partire da quando è risultato evidente che la crisi era destinata a cambiare la vita di tutti noi, abbiamo dato spazio sulle pagine del quotidiano Il Sole 24 Ore ai contributi di economisti, professori, esperti che hanno colto l'occasione per andare oltre la cronaca e alzare lo sguardo dai singoli alberi alla foresta.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sfogliare il passato"
Editore: Viella
Autore: Barbara Bracco
Pagine:
Ean: 9788833134017
Prezzo: € 11.99

Descrizione:Già un secolo fa, in un’Italia alle prese con la prova della Grande guerra, lo storico Gioacchino Volpe, autore anche di articoli per i quotidiani milanesi, si chiedeva quale funzione politico-culturale potessero svolgere il passato e la sua narrazione nel turbinio del presente, e quale potesse essere il ruolo sociale dei giornalisti/storici e degli storici professionisti. Quello tra storia e giornalismo è infatti un rapporto che non è mai stato facile. Oggi quella relazione si è ulteriormente complicata; ma sembra che la storia, ormai onnipresente, abbia trionfato. Scuola di complessità o semplice intrattenimento, adesso la storia si offre come un ingrediente essenziale della comunicazione pubblica. E dalle pagine culturali alle cronache politiche, dall’istituzione di un canale Rai interamente dedicato alla musa Clio alle molte società che si occupano della costruzione di eventi di sapore storico, almeno in apparenza il passato sembra dominare l’orizzonte culturale degli italiani. Ma è davvero così?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Sfogliare il passato"
Editore: Viella
Autore: Barbara Bracco
Pagine:
Ean: 9788833134024
Prezzo: € 11.99

Descrizione:Già un secolo fa, in un’Italia alle prese con la prova della Grande guerra, lo storico Gioacchino Volpe, autore anche di articoli per i quotidiani milanesi, si chiedeva quale funzione politico-culturale potessero svolgere il passato e la sua narrazione nel turbinio del presente, e quale potesse essere il ruolo sociale dei giornalisti/storici e degli storici professionisti. Quello tra storia e giornalismo è infatti un rapporto che non è mai stato facile. Oggi quella relazione si è ulteriormente complicata; ma sembra che la storia, ormai onnipresente, abbia trionfato. Scuola di complessità o semplice intrattenimento, adesso la storia si offre come un ingrediente essenziale della comunicazione pubblica. E dalle pagine culturali alle cronache politiche, dall’istituzione di un canale Rai interamente dedicato alla musa Clio alle molte società che si occupano della costruzione di eventi di sapore storico, almeno in apparenza il passato sembra dominare l’orizzonte culturale degli italiani. Ma è davvero così?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Martin Lutero a Roma"
Editore: Viella
Autore: Michael Matheus, Arnold Nasselrath, Martin Wallraff
Pagine:
Ean: 9788833134130
Prezzo: € 35.99

Descrizione:Cinquecento anni fa circa Martin Lutero visitò Roma. In che misura questo viaggio pose le premesse per la Riforma protestante? Questa domanda, su cui si è costantemente interrogata la storiografia, ha spesso gettato un pregiudizio decisamente negativo sul modo di percepire la città e l’esperienza qui vissuta da Lutero. Il presente volume intende svincolare la ricerca storiografica da un paradigma dimostratosi inadeguato, restituendo al lettore l’immagine complessa e variegata di Roma come doveva presentarsi alla vigilia della Riforma. E se il punto di partenza è il viaggio stesso, il suo svolgimento e i ricordi a esso legati, parte del volume è dedicata alla necessaria ricostruzione della Roma rinascimentale, grazie a contributi dedicati al papa e alla Curia, alla teologia, all’arte, alla cultura e alle scienze dell’inizio del XVI secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Martin Lutero a Roma"
Editore: Viella
Autore: Michael Matheus, Arnold Nasselrath, Martin Wallraff
Pagine:
Ean: 9788833134147
Prezzo: € 35.99

Descrizione:Cinquecento anni fa circa Martin Lutero visitò Roma. In che misura questo viaggio pose le premesse per la Riforma protestante? Questa domanda, su cui si è costantemente interrogata la storiografia, ha spesso gettato un pregiudizio decisamente negativo sul modo di percepire la città e l’esperienza qui vissuta da Lutero. Il presente volume intende svincolare la ricerca storiografica da un paradigma dimostratosi inadeguato, restituendo al lettore l’immagine complessa e variegata di Roma come doveva presentarsi alla vigilia della Riforma. E se il punto di partenza è il viaggio stesso, il suo svolgimento e i ricordi a esso legati, parte del volume è dedicata alla necessaria ricostruzione della Roma rinascimentale, grazie a contributi dedicati al papa e alla Curia, alla teologia, all’arte, alla cultura e alle scienze dell’inizio del XVI secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Malattia, sofferenza e unzione degli infermi"
Editore: Edizioni Dehoniane Bologna
Autore: Papa Francesco
Pagine:
Ean: 9788810976067
Prezzo: € 5.99

Descrizione:«La malattia, soprattutto quella grave, mette sempre in crisi l’esistenza umana e porta con sé interrogativi che scavano in profondità. Il primo momento può essere a volte di ribellione: perché è capitato proprio a me? Ci si potrebbe sentire disperati, pensare che tutto è perduto, che ormai niente ha più senso... In queste situazioni, la fede in Dio è, da una parte, messa alla prova, ma nello stesso tempo rivela tutta la sua potenzialità positiva. Non perché la fede faccia sparire la malattia, il dolore o le domande che ne derivano, ma perché offre una chiave con cui possiamo scoprire il senso più profondo di ciò che stiamo vivendo; una chiave che ci aiuta a vedere come la malattia può essere la via per arrivare ad una più stretta vicinanza con Gesù, che cammina al nostro fianco, caricato della Croce» (Papa Francesco).

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rivista di Pastorale Liturgica"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300025297
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Editoriale

 M. Gallo

Il tempo estivo: assemblee vuote o liturgie che sanno respirare?

Studi

 E. Finzi

Tempo rurale e tempi postmoderni

 D. Cravero

Anno liturgico o anno scolastico?

 D. Messina

Domenica, assemblea, estate

 F. Zaccaria

Estate, feste e pietà popolare

 M. Roselli

Catechismo d’estate?

 F. Feliziani

Estate con la famiglia

e liturgia dei sensi

 M. Belli

Il tempio e il pellegrino

Formazione

 M. Ghiazza – M. Belli

Schede

2. Preghiera al Campo

 D. Pancaldo

Liturgia e disabilità: percorsi

2. Tempo estivo alla Fondazione M. Assunta in cielo

 G. Lo Bue

Pietà popolare e liturgia

2. Pietà mariana e pellegrinaggi

Sussidi e testi

 C. Laffranchini

Dal pregare al celebrare

 G. Tornambé

Esperienze di evangelizzazionetra mari e monti

 

Marco Gallo

Il tempo estivo: assemblee vuote o liturgie che sanno respirare?

 

Si direbbe che le nostre comunità articolano con non poche acrobazie ben tre calendari: quello liturgico, prima di tutto, sapiente con il suo ripetersi e variare in tempi forti, feste ed ordinario; quello civile-solare, che incrocia nel suo cambio di data il tempo di Natale, ed inserisce con discrezione memorie civili e scadenze; infine, sempre più dirompente, il calendario scolastico. Fra i tre, dobbiamo riconoscere come sia proprio quest’ultimo a scandire i tempi della vita liturgica. Secondo i ritmi dell’anno scolastico, le assemblee cambiano volto. Dell’iniziazione cristiana dei bambini e dei fanciulli si ripete spesso la necessità di rompere l’ambigua analogia con la formazione scolastica. Nella pratica sembra invece che si possa fare catechismo solo quando c’è la scuola! Prima di tutto, la fascia fertilissima per l’iniziazione che va da 0 a 6 anni risulta per lo più scoperta, quasi che l’annuncio si possa fare solo quando le coraggiose maestre hanno già svezzato i piccoli cuccioli. Soprattutto, dobbiamo riconoscere che l’abbraccio stretto con il sistema scolastico non si sta sciogliendo, rispetto ai ritmi dell’iniziazione. Quali conseguenze ha questa prassi? In un tempo in cui, sin da piccolissimi, le agende dei bambini non conoscono più tempi liberi per il gioco destrutturato, per il cortile dell’oratorio senza attività, i nostri incontri e celebrazioni devono faticosamente sgomitare con infiniti altri appuntamenti. Non è forse il tempo per de-localizzare in estate almeno una parte delle nostre pratiche di iniziazione? Decongestionare, senza perdere il ritmo, gli altri mesi, per dei progetti di educazione al rito, alla preghiera, alla vita comunitaria, di catechesi con più tempo a disposizione: i campiscuola, le attività estive sono occasioni che non valorizziamo abbastanza in senso iniziatico, quasi che fossero meno efficaci rispetto ai mesi “del catechismo”. Le parrocchie in città spesso hanno un orario delle celebrazioni estivo ed uno invernale. Esso non è legato solo al variare delle ore di luce, ma soprattutto al mutare delle assemblee liturgiche in estate. I cori, i ministranti ed altre ministerialità laicali, così generosi durante tutto l’anno, si fanno più sottili o spariscono. Alcune celebrazioni sono addirittura sospese, con una certa arrendevolezza. È vero che in luoghi di villeggiatura le assemblee si fanno più robuste ed attive, e non mancano lodevoli iniziative anche ricche di proposte di qualità. È giusto domandarsi, come avviene in questo numero, come può vivere questo cambiamento di fisionomia una comunità cristiana non arrendevole. Abbiamo giocato tutte le carte per organizzare una vita di celebrazione e spiritualità sufficiente? Le solennità estive sono occasione per una proposta da valorizzare. Ci sembra che l’estate meriti, invece, uno spirito di iniziativa assai diverso. Prima di tutto nel valorizzare i tempi più vivi della pietà popolare, con le sue feste patronali e devozioni. Nel suo bel testo, Francesco Zaccaria introduce tre dinamiche per una liturgia attenta a più occasioni: riscoprire il tempo del riposo, che non significa disimpegno; riscoprire le emozioni e la gioia, che non significa concentrarsi su sé stessi; riscoprire la comunità, che non significa etnocentrismo. A questo si può utilmente aggiungere un tempo di catechesi e predicazione prima delle ferie, in cui si offre alla comunità l’invito a gustare un tempo di riposo in cui ai figli è finalmente concessa un’occasione più tranquilla di compagnia con i genitori, spesso rapiti dai ritmi di lavoro – se i villaggi vacanze non riproducono la deprecabile vacanza parallela, intrattenendo i piccoli con attività lontano dai genitori. Si può suggerire di inserire nei viaggi una visita a qualche luogo di fede o di arte cristiana, di riscoprire la cattedrale della natura in montagna, in cui i sensi soffocati dalle stanze chiuse tornano a risvegliarsi, celebrando il Creatore. Per queste ragioni, ci è sembrato utile dedicare questo numero di RPL al tema della liturgia e tempo estivo. Dalla lettura del testo risulterà una miniera di suggestioni e riflessioni propositive. Esse si aprono, tuttavia, con uno studio che spiazza chi si aspettasse una riflessione immediatamente pastorale e liturgica, affidato a Enrico Finzi. Occorreva, prima di questi approfondimenti che poi abbondantemente si trovano, porre seriamente la questione sociologica della trasformazione delle nostre assemblee liturgiche e comunità che subiscono così radicalmente il cambio fra estate e resto dell’anno. La parrocchia rurale di alcuni decenni fa, infatti, non conosceva esodi e ferie, potendo quindi godere di una certa stabilità nel tempo. Oggi, anche fuori città, la popolazione abita il territorio in modo assai diverso, non vi si radica, ma normalmente lo elegge come abitabile per ragioni di altro tipo. Tutto questo non è immediatamente competenza della pastorale liturgica, ma senza alcun dubbio la influenza pesantemente.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "#noistiamoacasa"
Editore: Paoline Edizioni
Autore: Anselm Grün
Pagine:
Ean: 9788831565011
Prezzo: € 6.99

Descrizione:

Pandemia! E all’improvviso, tutto cambia. Ci ritroviamo a vivere in uno stesso luogo,
spesso ristretto, con le stesse persone e senza poter “cambiare aria”.
Anselm Grün offre suggerimenti adatti a chiunque, che si tratti di single, famiglie o
coinquilini, per evitare litigi e sfruttare bene il tempo, creare spazi di libertà ed elaborare
nuovi obiettivi e riti comuni. Un testo fondamentale non solo per questi
tempi di quarantena, ma per qualunque situazione di crisi.

 

Anselm Grün, monaco benedettino tedesco, è uno degli autori spirituali di maggior successo. Molti i suoi libri con
Paoline, l’ultimo: Ogni giorno un nuovo inizio. La saggezza dei Padri del deserto (2019).

 

Simon Biallowons, giornalista, ha vissuto in Medio Oriente e scritto reportage da vari Paesi del mondo. Tra i suoi libri
in italiano: Mosè. Lezioni di deserto per partire e rinascere, con Heiner Wilmer, 2019.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Bambini a casa e felici"
Editore: Longanesi
Autore: Annalisa Perino
Pagine:
Ean: 9788830456273
Prezzo: € 4.99

Descrizione:

Una pedagogista montessoriana propone 24 attività semplici, creative e divertenti, da fare in casa con i bambini da 0 a 10 anni:


· Giocare ad abbinare nomi e immagini rafforza e amplia il vocabolario dei più piccoli.
· Improvvisare un concerto con i bicchieri è una magia affascinante e allo stesso tempo affina il senso dell’udito e dell’armonia.
· Costruire una linea del tempo della propria famiglia permette ai bambini più grandi di scoprire storie appassionanti sul passato familiare e di sviluppare un senso di continuità.
· Travasare acqua colorata con una spugna o setacciare lenticchie miste a farina aiuta il bambino a rilassarsi e concentrarsi, mentre allena il suo coordinamento motorio.
· Dipingere con l’acqua su superfici lisce, scabre o porose sviluppa l’espressività.

Nel tempo nuovo e strano della quarantena l’ordine è stato stravolto e le famiglie devono ridisegnare le giornate insieme ai loro figli, organizzando lavoro, gioco, privacy, faccende domestiche e impegni scolastici, prendendo decisioni continue, improvvisando. Affinché i più piccoli non soffrano di questa situazione occorre programmare con cura orari, spazi e attività che siano adeguati per tutti e per ognuno.
Annalisa Perino guida i genitori nel delicato compito di ricostruire l’ordine domestico per i propri bambini, proponendo programmi settimanali e 24 attività di ispirazione montessoriana suddivise per fasce d’età. Seguendo i suoi suggerimenti, anche l’esperienza di isolamento che stiamo vivendo potrà rivelarsi, per piccoli e grandi, un’occasione unica di vicinanza, condivisione e confronto in grado di farci crescere come famiglia.
 
Clouds Longanesi è la serie di instant ebook che offre ai lettori strumenti agili per affrontare i nuovi bisogni sorti dall’emergenza che stiamo vivendo. Una proposta di letture autorevoli e di qualità per comprendere i nostri tempi, trovare nuovi spunti di riflessione, ottenere un aiuto concreto per la vita quotidiana.
Altre uscite della serie: Valerio Rossi Albertini, Conosci il tuo nemico. Cos’è, da dove viene e cosa ci insegna il coronavirus e Vera Gheno, Parole contro la paura.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Virus sovrano?"
Editore: Bollati Boringhieri
Autore: Donatella Di Cesare
Pagine:
Ean: 9788833935768
Prezzo: € 6.99

Descrizione:Un quadro suggestivo dell’evento epocale che ha già segnato il ventunesimo secolo. Dalla questione ecologica al governo degli esperti, dallo stato d’eccezione alla democrazia immunitaria, dal dominio della paura al contagio del complotto, dalla distanza imposta al controllo digitale: come sta già cambiando l’esistenza, quali potranno essere gli effetti politici nel futuro.
Il coronavirus è un virus sovrano che aggira i muri patriottici, le boriose frontiere dei sovranisti. E rivela in tutta la sua terribile crudezza la logica immunitaria che esclude i più deboli. La disparità tra protetti e indifesi, che sfida ogni idea di giustizia, non è mai stata così sfrontata. Il virus ha messo allo scoperto la spietatezza del capitalismo e mostra l’impossibilità di salvarsi, se non con l’aiuto reciproco, costringendo a pensare un nuovo modo di coabitare.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Virus sovrano?"
Editore: Bollati Boringhieri
Autore: Donatella Di Cesare
Pagine:
Ean: 9788833935751
Prezzo: € 6.99

Descrizione:Un quadro suggestivo dell’evento epocale che ha già segnato il ventunesimo secolo. Dalla questione ecologica al governo degli esperti, dallo stato d’eccezione alla democrazia immunitaria, dal dominio della paura al contagio del complotto, dalla distanza imposta al controllo digitale: come sta già cambiando l’esistenza, quali potranno essere gli effetti politici nel futuro.
Il coronavirus è un virus sovrano che aggira i muri patriottici, le boriose frontiere dei sovranisti. E rivela in tutta la sua terribile crudezza la logica immunitaria che esclude i più deboli. La disparità tra protetti e indifesi, che sfida ogni idea di giustizia, non è mai stata così sfrontata. Il virus ha messo allo scoperto la spietatezza del capitalismo e mostra l’impossibilità di salvarsi, se non con l’aiuto reciproco, costringendo a pensare un nuovo modo di coabitare.


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il potere antistress del respiro"
Editore: Vallardi A.
Autore: Mike Maric
Pagine:
Ean: 9788855053075
Prezzo: € 8.99

Descrizione:«Maric è il nutrizionista del respiro.»
Gazzetta dello Sport

«Il maestro dell’arte di respirare»
Corriere della Sera

«Finalmente qualcuno che spiega in linguaggio occidentale ciò che le pratiche orientali dicono da secoli.»
Vanity Fair

Curare lo stress senza farmaci è possibile. Il miglior rimedio è nel nostro corpo:
questo libro straordinario, che unisce la scienza più aggiornata con l’esperienza diretta, ci mostra come riprendere in mano la nostra vita.
Consigli, suggerimenti, esercizi, ricette per sconfiggere l’ansia e la fatica e rinascere nel corpo e nella mente.
 
Le conseguenze dello stress cronico sulla salute sono note: danni al sistema immunitario, ipertensione, infertilità, depressione. Per combatterlo, sempre più esperti concordano sui vantaggi di un approccio dolce e non farmacologico. Uno degli strumenti più potenti per attivare la nostra capacità di autoguarigione è anche il più sottovalutato: il respiro.
Scienziato, accademico, coach, campione di apnea, Mike Maric ha sperimentato su se stesso e sugli atleti con cui lavora un metodo innovativo per combattere il sovraffaticamento, la tensione e l’ansia attraverso tecniche di respirazione per tutti i livelli, dai principianti ai professionisti. Partendo dal gesto più naturale, questo libro ci insegna a intraprendere un percorso che ci riconnetta con le nostre risorse migliori per raggiungere gli obiettivi che contano. Usare al meglio i nostri polmoni può cambiarci la vita.
 
 
SCOPRIAMO LE FANTASTICHE 4 AREE DEL BENESSERE:
BREATHNESS. La gestione del respiro per ritrovare la nostra forza
MINDNESS. Il lavoro mentale come pratica di rigenerazione
FOODNESS. La corretta alimentazione amica di corpo e mente
BEWATERNESS. L’attività fisica, nell’acqua e sulla terra
 
La scienza del respiro ha vinto il 1° premio Sezione Tecnica del Concorso Letterario CONI 2018


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il potere antistress del respiro"
Editore: Vallardi A.
Autore: Mike Maric
Pagine:
Ean: 9788855053068
Prezzo: € 8.99

Descrizione:«Maric è il nutrizionista del respiro.»
Gazzetta dello Sport

«Il maestro dell’arte di respirare»
Corriere della Sera

«Finalmente qualcuno che spiega in linguaggio occidentale ciò che le pratiche orientali dicono da secoli.»
Vanity Fair

Curare lo stress senza farmaci è possibile. Il miglior rimedio è nel nostro corpo:
questo libro straordinario, che unisce la scienza più aggiornata con l’esperienza diretta, ci mostra come riprendere in mano la nostra vita.
Consigli, suggerimenti, esercizi, ricette per sconfiggere l’ansia e la fatica e rinascere nel corpo e nella mente.
 
Le conseguenze dello stress cronico sulla salute sono note: danni al sistema immunitario, ipertensione, infertilità, depressione. Per combatterlo, sempre più esperti concordano sui vantaggi di un approccio dolce e non farmacologico. Uno degli strumenti più potenti per attivare la nostra capacità di autoguarigione è anche il più sottovalutato: il respiro.
Scienziato, accademico, coach, campione di apnea, Mike Maric ha sperimentato su se stesso e sugli atleti con cui lavora un metodo innovativo per combattere il sovraffaticamento, la tensione e l’ansia attraverso tecniche di respirazione per tutti i livelli, dai principianti ai professionisti. Partendo dal gesto più naturale, questo libro ci insegna a intraprendere un percorso che ci riconnetta con le nostre risorse migliori per raggiungere gli obiettivi che contano. Usare al meglio i nostri polmoni può cambiarci la vita.
 
 
SCOPRIAMO LE FANTASTICHE 4 AREE DEL BENESSERE:
BREATHNESS. La gestione del respiro per ritrovare la nostra forza
MINDNESS. Il lavoro mentale come pratica di rigenerazione
FOODNESS. La corretta alimentazione amica di corpo e mente
BEWATERNESS. L’attività fisica, nell’acqua e sulla terra
 
La scienza del respiro ha vinto il 1° premio Sezione Tecnica del Concorso Letterario CONI 2018


VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Meno è di più"
Editore: Terra Santa
Autore: Francesco Antonioli
Pagine:
Ean: 9788862407656
Prezzo: € 5.99

Descrizione:«MENO non significa affatto decrescere. Vuol dire arretrare, questo sì: nell’indifferenza, nell’individualismo, nella conflittualità, nella bulimìa del consumismo e della ricchezza. Ma per essere più. Più civili, più realizzati, più umani, più felici. Sì, meno è di più. Occorre creatività, e anche un po’ di follia, occorre essere affamati di futuro. E tutto questo, non è forse proprio nelle corde della iniziativa THE ECONOMY OF FRANCESCO?» (Francesco Antonioli). Con l’iniziativa THE ECONOMY OF FRANCESCO, papa Bergoglio ha convocato ad Assisi cinquecento giovani economisti e imprenditori sotto i 35 anni, invitati a scrivere un “patto” per cambiare l’attuale economia e dare un’anima all’economia di domani. Occorre correggere i modelli di crescita incapaci di garantire il rispetto dell’ambiente, l’equità sociale, la dignità dei lavoratori, i diritti delle generazioni future. Questo libro è una provocazione. Ricco di spunti e di originali suggestioni, apre uno sguardo sul significato dei valori e delle spinte ideali per la vita economica. Ma lo fa ritornando all’antico, a due santi carismatici, a due manager ante litteram, inventori di prototipi finanziari e di organizzazione aziendale a cui si ispira la nuova “economia civile”, una teoria che è responsabilizzante e parla a tutta la società: alle imprese, ai consumatori, ai decisori pubblici.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Parole di Vita"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300025303
Prezzo: € 4.50

Descrizione:

Editoriale

Marco Zappella

MENO DI BERÌT, OLTRE BERÌT

Germano Galvagno

IL FONDAMENTO IRREVOCABILE:

NOÈ E LA PRIMA ALLEANZA

Giulio Michelini

DALL’«ALLEANZA TRA I PEZZI»

A QUELLA DELLA CIRCONCISIONE

Dionisio Candido

IL SABATO, L’ARCOBALENO

E LA CIRCONCISIONE

Laura Invernizzi

SANTITÀ DIVINA E LIBERTÀ UMANA

AL SINAI (ES 19–24)

Paolo Mascilongo

QUANTO È NUOVA

LA «NUOVA ALLEANZA»?

Furio Biagini

L’ALLEANZA: UN CAMMINO PER LA VITA

Alessandro Cortesi

LE TEOLOGIE DELLA SOSTITUZIONE

Marco Tibaldi

IL PENTATEUCO NELLA SCUOLA:

LE ALLEANZE

PER SAPERNE DI PIÙ

Marcello Panzanini

La nave di Dio:

La seconda Omelia sulla Genesi di Origene

RILETTURE

Valeria Poletti

Il diluvio

APOSTOLATO BIBLICO

Alessandro Zavattini

Bibbia e metodi attivi: il Bibliodramma

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

Un’alleanza che viene da lontano:

Il mosaico della basilica di S. Pudenziana

 

EDITORIALE

Dobbiamo agli studi biblici la riscoperta della centralità della alleanza, che funge da impalcatura per i due corpi letterari della Bibbia. Non c’è un’immagine biblica più strutturante e pervasiva, ma proprio per questo più soggetta a fraintendimenti. Per evitarli bisogna prendere in considerazione anzitutto l’aspetto terminologico. Non sempre le parole ebraiche hanno un corrispettivo esatto in italiano. Così, non sempre berit equivale ad «alleanza» (perciò nel presente fascicolo si ricorrerà di frequente al sostantivo ebraico). Indica di volta in volta un certo tipo di relazione, la cui natura e peculiarità si ricavano dal contesto. Servono dunque sensibilità e riguardo per individuare la parola italiana più indicata. Di fronte al medesimo dilemma si trovarono i primi traduttori in greco e in latino, e le loro scelte ci condizionano fino ad oggi. Se parliamo di Antico/ Nuovo Testamento al posto di «alleanza» lo dobbiamo a loro (Marco Zappella e Paolo Mascilongo). Quando si parla di «alleanza» nel Pentateuco il pensiero corre subito a quella stipulata alle falde del monte Sinai. La promulgazione della legge (tora) come suo elemento centrale e costitutivo induce a enfatizzare l’aspetto legale, fino a distorcerlo in legalismo. Eppure una lettura scrupolosa dei capitoli centrali di Esodo non può non cogliere come la legge sia lo strumento offerto a Israele per rimanere nella relazione che Dio gli propone. La santità divina non annulla la libertà umana; l’impegno assunto da Israele poggia sulla stabilità dell’offerta di Yhwh. Il sapore liturgico della narrazione, la presenza determinante del sangue e il pasto finale come suggello dell’accordo avvenuto sollecitano le parti a condividere un destino e ad accettare responsabilità reciproche (Laura Invernizzi). Ma tale propensione divina a vincolarsi (possibile significato della radice di berit) con l’uomo e a farsi garante del suo futuro (della sua benedizione, nel linguaggio biblico) non sorprende il lettore; l’aveva già riscontrata in almeno due casi precedenti: con Noè (o più precisamente la discendenza noachica), poi con Abramo (due volte). Nel primo caso berit si allontana dal campo
semantico politico-giuridico dell’alleanza per transitare in quello della promessa (Gen 9). I beneficiari sono l’intera umanità e l’intera creazione. Con loro Dio si impegna in modo unilaterale e incondizionato a non scuotere più i fondamenti dell’essere e dell’esistere. A prescindere da qualsiasi futura condotta umana, anche la più malvagia, Dio rinuncia a porsi come minaccia letale per i viventi (Germano Galvagno). Qualcosa di simile, ma rivolto a un singolo, si ripete con Abramo: a lui, avanti negli anni e roso dall’ossessione di avere una discendenza, si assicura che questa sarà numerosa come le stelle del cielo (Gen 15). Non solo: a lui, nomade sradicato, verrà data un’intera regione. Se al Sinai si richiede l’obbedienza, qui si esige la fiducia. La stessa che si richiede nel cap. 17, questa volta con il taglio del prepuzio a sancirla (Giulio Michelini). Perciò anche oggi Israele definisce berit mila, «alleanza del taglio », la circoncisione, cioè il segno di appartenenza al popolo. Uno dei tanti segni che esprimono il rapporto con Dio l’arcobaleno, il sabato, le tavole della legge ecc. e che vanno decodificati (Dionisio Candido). Infine, l’alleanza da categoria pervasiva s’è mutata in categoria divisiva. A partire da Paolo, la ripresa in chiave polemica della «nuova alleanza» annunciata dai profeti (Paolo Mascilongo) ha alimentato le varie teologie della sostituzione (Alessandro Cortesi). Dall’altra parte il popolo ebraico si autocomprende come il vero «popolo dell’alleanza» (Is 49,8); assumendo su di sé il giogo della tora, si fa collaboratore nell’opera di redenzione dell’Eterno (Furio Biagini). Perciò il rapporto tra cristiani ed ebrei va ripensato in termini di legame fraterno di amicizia e di comune testimonianza della fede. Insomma, più che un tema, la alleanza si dimostra un punto prospettico che determina la visione e la valutazione dell’intero panorama. Aiutare a collocarsi nella giusta posizione è lo scopo del presente fascicolo. Dunque, buona lettura.

Marco Zappella



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Concilium - 2020/2"
Editore: Queriniana Edizioni
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300025310
Prezzo: € 10.00

Descrizione:

Indice

Susan Abraham – Geraldo L. De Mori

Stefanie Knauss, Editoriale.

Abstracts

I. Maschilità plurali: riflessioni teologiche

1. Studi sulla maschilità: questioni attuali, nuove piste di ricerca

1.1 Raewyn Connell, Gli uomini, la maschilità e Dio.

Possono le scienze sociali aiutare a risolvere

il problema teologico?

I/ Introduzione

II/ L’emergere di un campo di studi

III/ I concetti

IV/ Pensare su scala mondale

V/ Il paradosso di Lutero

1.2 Herbert Anderson, Una teologia

per reimmaginare le maschilità

I/ Introduzione

II/ Il bisogno urgente di cambiamento

III/ Le sfide per ripensare le maschilità

IV/ Una cornice teologica per maschilità molteplici

V/ Postscriptum euristico

2. Maschilità: all’incrocio fra religione,

politica e cultura

2.1 Manuel Villalobos Mendoza, Disfare la maschilità.

Leggere Mc 14,51s. da el otro lado

I/ Introduzione

II/ Giovani e belli? La virilità in pericolo

III/ Vestire la tunica (non) virile

IV/ Non ho nulla da indossare

V/ Scappa se vuoi salvarti!

VI/ Cosa ci fa un trasgressore della mascolinità

tra i seguaci di Gesù?

VII/ Conclusioni: le implicazioni odierne del neanískos

2.2 Ezra Chitando, Maschilità, religione, sessualità .

I/ Introduzione

II/ I temi principali della ricerca sulle maschilità

III/ Confini contestati: religioni, maschilità e sessualità

1/ Le religioni, le maschilità e le sessualità eterosessuali

2/ Religioni, maschilità e sessualità omosessuali

3/ Religioni, maschilità e la sessualità delle persone celibi

IV/ Religioni, maschilità e sessualità:

costanti dimensioni di possibilità

V/ Conclusioni

2.3 Vincent Lloyd, Maschilità, razza, paternità

I/ Gli estremi della maschilità

II/ Stanley Tookie Williams nel ruolo di Dio-Padre

III/ Redenzione della paternità, redenzione della maschilità

IV/ Redenzione bianca, mistero nero

2.4 Nicholas Denysenko, Dottrina ortodossa e maschilità

nella Russia di Putin

I/ Introduzione

II/ La virilità nelle istituzioni, nell’ideologia

e nei rituali ortodossi

III/ L’ortodossia russa post-sovietica e il neoimperialismo

IV/ Le sfide al Mondo Russo e le reazioni machiste

V/ Conclusione

2.5 Shyam Pakhare, Trascendere il genere.

Il colonialismo, Gandhi e la religione

I/ Introduzione

II/ Il cristianesimo muscolare

III/ Invasione psicologica e dilemma

IV/ La religione di Gandhi: un’esperienza globale

V/ La ragione maschile contro la fede femminile

VI/ Spiritualizzare la politica

VII/ Conclusioni

2.6 Angélica Otazú, La maschilità

nella tradizione religiosa guaraní

I/ Introduzione

II/ Aspetti culturali che determinano la maschilità

III/ La loro religiosità

IV/ La divisione del lavoro in base al genere

V/ La medicina tradizionale

VI/ Caratteristiche della lingua

VII/ A mo’ di conclusione

3. Maschilità e Chiesa cattolica

3.1 Theresia Heimerl, Uomini essenzialmente diversi?

Sulla maschilità clericale

I/ Introduzione

II/ Breve storia del chierico come figura maschile a sé

III/ «Non gradu tantum, sed essentia»:

l’alterità essenziale della maschilità clericale

IV/ Maschilità clericali: presente e futuro

3.2 Julie Hanlon Rubio, Maschilità e abuso sessuale

nella Chiesa

I/ Introduzione

II/ Il genere come lente per capire la violenza sessuale

III/ L’abuso sessuale da parte del clero

come marcato dal genere

II/ Disfare il genere come pratica di resistenza

V/ Conclusioni: dal cuore del seminario

3.3 Leonardo Boff, Le maschilità clericali

e il paradigma della relazionalità

II. Forum teologico

1. Filipe Maia, Il sinodo panamazzonico

2. Benoît Vermander, Il Vaticano, la Cina e il futuro

della Chiesa cattolica cinese

I/ Cina-Vaticano: il contesto

II/ Dalla Lettera di Benedetto XVI a quella di Francesco

III/ Dopo l’Accordo

III. Rassegna bibliografica internazionale

 

Editoriale

Nell’attuale momento politico, è importante riflettere sulle maschilità facendo ricorso alle risorse specifiche della teologia. In Oriente, in Occidente e nel Sud del mondo la scena politica di molti paesi è dominata da “uomini forti”; i movimenti del #MeToo e del #ChurchToo hanno dato voce alle vittime di abusi sessuali che erano state costrette al silenzio, abusi perpetrati principalmente da uomini; le aziende industriali e finanziarie sono, per la stragrande maggioranza, in mano agli uomini, che così detengono il controllo delle risorse economiche, ambientali e sociali. Ancora oggi, i ruoli di genere tradizionali influiscono in misura considerevole sulle vite dei maschi: quando è possibile, circa un terzo dei giovani padri chiedono il congedo di paternità, ma negli ultimi anni il tasso è rimasto invariato o è addirittura diminuito e, in generale, gli uomini continuano a investire meno tempo nel lavoro di accudimento dei familiari o in quello domestico1. Ma comincia anche a emergere un ventaglio più ampio di espressioni della maschilità socialmente accettate: per le persone che negoziano la propria soggettività di genere, il “maschio alfa” egocentrico e aggressivo, l’uomo emotivamente integrato, il ragazzo eterosessuale che si dedica a facili flirt o l’uomo gay che vive in una relazione monogama sono tutti modelli possibili, così come ogni altra combinazione di tratti che concorrano a far parte della performance di genere di un individuo. Il saggio di Ezra Chitando sulle sessualità e le maschilità nel contesto africano illustra tale pluralità di discorsi normativi (formative), ovvero in questo caso le tradizioni religiose africane, il cristianesimo e l’islam. Inoltre, anche se su scala globale sono le nozioni occidentali di maschilità a dominare, chiaramente non si presentano come gli unici modelli disponibili a livello locale o regionale2, come rivela Angélica Otazú nella sua analisi del sistema di genere dei guaraní, un popolo indigeno della zona del Río de la Plata (fra Argentina e Uruguay). Un simile quadro dimostra che i discorsi sulla maschilità sono molteplici e contraddittori, e che in un dato contesto sociale non è possibile definire in modo univoco neppure un’immagine idealizzata di «maschilità egemonica» (Raewyn Connell); di qui peraltro la scelta di declinare “al plurale” il termine “maschilità” nel titolo di questo fascicolo. A ciò si aggiunge il fatto che ogni ideale egemonico di maschilità contiene in sé anche incoerenze e contraddizioni: l’uomo armato ipervirile può apparire come l’espressione estrema della supremazia maschile, ma, come sostiene Connell in questo stesso volume, se un uomo ha bisogno di una pistola per affermare il proprio potere, in realtà manca di credibilità. Gli studi sulle maschilità dimostrano che fare ricorso a un semplicistico binarismo uomo/donna non è di alcuna utilità, anche se spesso è difficile sottrarvisi: persino gli ideali di maschilità che appaiono meno tossici possono alla fin fine consolidare stereotipi essenzialisti problematici plasmati dalle gerarchie patriarcali se, per esempio, l’emotività continua a essere identificata con la femminilità anche quando viene incorporata in un’identità maschile, diventando sintomo di una mancanza di virilità (o persino di “effeminatezza”) invece diessere intesa semplicemente come elemento di una delle tante possibili versioni della maschilità. Anche i contributi a questo fascicolo esplicitano la lotta costante contro le facili presunzioni dell’essenzialismo binario, sebbene gli autori e le autrici possano concordare sull’impatto normativo dei discorsi sociali che riguardano le maschilità. Lo studio critico sulle maschilità tiene quindi conto del fatto che le nozioni di genere circolano all’interno di e s’intrecciano a complesse strutture di potere e a più ampi sistemi sociali di dominio (il patriarcato, la supremazia bianca, il colonialismo, l’eteronormatività e così via). Tutto ciò ha un’influenza su quegli individui che vivono la propria identità maschile in termini di potere o vulnerabilità al crocevia tra questi «sistemi di dominio a incastro», come scrive Vincent Lloyd nella sua analisi dell’autobiografia di Stanley Tookie Williams, leader di una gang nera, autobiografia in cui delinea la sua lotta con la maschilità e la paternità all’interno di un sistema razzista. Ma questo intreccio plasma anche le dinamiche sociali e politiche: scrivendo da una posizione postcoloniale, Shyam Pakhare discute i modi in cui le nozioni di «maschilità muscolare» incarnate dal colonizzatore occidentale cristiano hanno sostenuto il potere coloniale in India e il ruolo giocato nella lotta per l’indipendenza dal ricorso di Gandhi a modelli alternativi di maschilità radicati nell’hinduismo. In un contesto più contemporaneo, Nicholas Denysenko traccia i modi attraverso cui le narrazioni religiose della superiorità maschile e della subordinazione femminile (o del maschile femminilizzato) s’intrecciano alla politica del governo di Putin per legittimare e consolidare l’imperialismo russo. Quale contributo può offrire la riflessione religiosa e teologica a tutto ciò? Come può una prospettiva teologica sulle costruzioni storiche e contemporanee delle maschilità aiutare a creare relazioni, a livello micro e macroscopico, che permettano alle persone di realizzarsi nell’uguaglianza e nella giustizia? Può Gal 3,28, con la sua visione di un’unità ultima nel corpo di Cristo dove le distinzioni sociali di genere, etnia e status non hanno più valore, essere un punto di riferimento quando negoziamo i discorsi sulla maschilità nelle nostre società da un punto di vista teologico? O quel passo si limita semplicemente […]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Human Digital Enterprise"
Editore: Egea
Autore: Emanuela Prandelli, Gianmario Verona
Pagine:
Ean: 9788823818019
Prezzo: € 20.99

Descrizione:La rivoluzione digitale richiede che tanto le imprese consolidate quanto le startup siano pronte a rispondere alla sfida di creare valore con strategie e strumenti adeguati al nuovo contesto. La prima risposta a cui sono chiamate è un profondo cambiamento organizzativo. Il digitale non è un canale da aggiungere al mondo fisico e nemmeno una catena del valore che si affianca all’attuale sdoppiando funzioni, divisioni e processi: le tecnologie digitali attivano una vera e propria nuova organizzazione che si riflette nell’esigenza di rinnovare competenze e processi per una sintesi immediata tra reale e virtuale. La seconda risposta è un cambiamento strategico. L’impresa digitale non ha più al centro i prodotti e i servizi venduti, ma i clienti serviti: la funzione marketing diventerà sempre più quantitativa e algoritmica ma accanto ad essa tutti, a partire dal CEO, dovranno prendere dimestichezza con le logiche della user experience, del customer journey e del marketing funnel. La terza risposta comporta un ridisegno della filiera di produzione del valore, a partire da una nuova concezione dinamica di frame quali l’open innovation, l’e-commerce e il CRM. La quarta e ultima risposta risiede in un cambiamento culturale: alla luce di parole-chiave come sostenibilità e purpose aziendale, l’efficienza della macchina dovrà coniugarsi con l’umanesimo della creatività. Su questo punto esistono ancora poche certezze scientifiche. Una cosa però è certa: la complessità delle sfide di domani potrà essere affrontata solo da un nuovo manager-imprenditore in una nuova human digital enterprise.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le Cucinelle"
Editore: Liguori
Autore: Luisa Cavaliere
Pagine:
Ean: 9788820768379
Prezzo: € 5.99

Descrizione:Questo libro spiega perché intorno a una tavola imbandita con cura, o al cospetto di uno spaghetto al pomodoro e basilico, bevendo un vino dal nome antico, si possa essere felici. E di momenti d felicità raccontano “Le cucinelle”. Donne giovani e “ragazze” che giovani non sono più, raccontano le loro vite, il loro preparare pranzi e cene per chi viene da fuori curioso di cogliere l’anima dei luoghi che attraversa. Qui si raccontano storie, di cibi e di cucine, di culture antiche e di inedite e moderne combinazioni senza nostalgie. Storie sull’impareggiabile esperienza che il mangiare, bene e insieme, regala. Storie di donne e di orti, di emozioni che diventano ricordi, ma anche nuovi desideri. Dalle fornacelle bianche e blu ai modernissimi “fuochi senza fiamme”, verso la riconquista dei piatti che compongono le nostre identità meridionali e mediterranee.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Insonnia"
Editore: Gribaudo
Autore: Enrico Rolla
Pagine:
Ean: 9788858027332
Prezzo: € 11.99

Descrizione:Il “buon” dormitore è chi aspetta che il sonno lo raggiunga (e, secondo alcuni studi, passa dalla veglia al sonno in un periodo che dura da uno a sette minuti). Il “cattivo” dormitore è chi insegue sempre il sonno. Questa semplice “formula” esprime una grande verità ed è il primo passo per capire e affrontare l’insonnia. L’insonnia è un male che affligge quasi dieci milioni di italiani nella sua forma cronica, e il 45% della popolazione nella sua forma transitoria. Questo libro, che attinge dalla grande esperienza dell’autore e si basa sulla Terapia cognitivo comportamentale, offre la chiave per tornare a dormire finalmente sonni sereni. Esercizi - Test - Casi di studio - Consigli e informazioni utili

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Instant moda"
Editore: Gribaudo
Autore: Andrea Batilla
Pagine:
Ean: 9788858027349
Prezzo: € 17.99

Descrizione:Tutti nuotiamo nel grande mare della moda, anche se a volte non ce ne rendiamo conto. Ecco perché, leggendo questo libro, scoprirai che la Riforma protestante e gli abiti della serie televisiva Mad Men sono più vicini di quanto pensi, e che un filo invisibile lega i Sex Pistols e lo streetwear. Capirai che il made in Italy non è un fenomeno – solo – italiano, e che proprio la moda ha avuto un ruolo fondamentale nell’affermazione dei diritti femminili. Scoprirai perché una felpa può costare come un’automobile e che quel vestitino da 19,99 euro in poliestere che hai appena comprato resterà in giro per il mondo per i prossimi due secoli. Perché, semplicemente, tutto è moda, e per capire davvero il mondo bisogna prima di tutto osservare come si veste.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Di grano in grano"
Editore: Gribaudo
Autore: Antonio Polzella, Sara Papa
Pagine:
Ean: 9788858027356
Prezzo: € 12.99

Descrizione:Al di là del grano, sono moltissimi i tesori che si possono trovare in un campo: farro e avena, ma anche segale, mais, riso. Questo libro unisce due veri e propri monumenti gastronomici italiani, il pane e la pizza, e li rivisita utilizzando grano e altri pregiati cereali, spesso poco considerati ma dalle inestimabili virtù. Oltre 50 ricette, nate dall’incontro fra Sara Papa e Antonio Polzella, restituiscono sapori “come natura comanda”. Il risultato è un libro che afferma e insieme reinventa la tradizione, grazie a ingredienti quali il mais corvino o l’aronia e a tecniche di lievitazione innovative come la fermentazione con la frutta, il kefir d’acqua e molto altro. Un viaggio nel mondo del gusto, guidato dalle mani sapienti di due maestri dell’arte bianca, per la prima volta presenti nello stesso libro.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il ricettario di Marianna"
Editore: Gribaudo
Autore: Marianna Pascarella
Pagine:
Ean: 9788858027370
Prezzo: € 11.99

Descrizione:«Mi chiamo marianna, sono felicemente sposata e mamma di due meraviglie della natura, Alessandro e Noemi, i miei capolavori meglio riusciti! Sono una grande appassionata di cucina. Lo sono da quando ero bambina, da quando ho iniziato a sporcarmi le mani di farina, prima per gioco, poi per pasticci, pian piano capendo che quello era il modo migliore per esprimere la mia creatività, per fare nuove esperienze, creare da elementi semplici e naturali qualcosa di straordinario, che incantasse occhi e palato. Ho avuto la fortuna di avere una nonna meravigliosamente brava in cucina e due genitori che non se la cavano per niente male e forse qualcosa l’hanno trasmessa anche a me. Ma sono convinta che la cucina sia anche sperimentazione, costanza, pazienza e perseveranza, ed è proprio questo quello che vorrei trasmettere, ai miei bambini, ai miei amici e a tutti voi.» Dal popolare sito www.ricettedalmondo.it, e dalla creatività di Marianna, nasce un ricettario speciale, pensato per chi cerca un libro di cucina completo. Antipasti, primi, secondi, pane e pizza, dolci, piatti etnici… Il tutto sempre spiegato in modo semplice e chiaro, grazie anche alle tantissime foto. Un libro perfetto per chi vuole iniziare a cucinare e ha bisogno di una guida, ma anche per chi , semplicemente, vuole portare in tavola ogni giorno piatti ricchi di gusto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Voltaire contro Shakespeare"
Editore: Laterza
Autore: Mara Fazio
Pagine:
Ean: 9788858141663
Prezzo: € 11.99

Descrizione:

La storia del rapporto tra Voltaire e l'ingombrante eredità di Shakespeare che, con il suo genio, pose fine alla tradizione del mondo classico e all'egemonia culturale francese, annunciò il Romanticismo e aprì alla modernità. Un capitolo affascinante della storia della cultura europea.

Voltaire è stato il primo grande intellettuale in senso moderno: l'autore più letto, criticato, discusso ed emulato del suo secolo. Grande ammiratore degli inglesi, della loro libertà di pensiero e delle loro istituzioni, giovane esule, tra il 1724 e il 1728, nei teatri di Londra scoprì Shakespeare, allora in Francia del tutto sconosciuto, e contribuì alla diffusione della sua fama in tutta Europa. Solo pochi decenni dopo però – in concomitanza con la guerra dei Sette anni (1756-1763) vinta dagli inglesi – il successo del poeta inglese in Europa crebbe a dismisura, mettendo in crisi la tragedia, il ruolo della Francia nel mondo e, quindi, lo stesso Voltaire, la cui cultura significava regole, norme, principi e, soprattutto, buon gusto. Shakespeare, invece, che trascendeva i limiti aristocratici, metteva in scena non eroi ma uomini moderni, con un linguaggio ora ricercato ora triviale, unendo tragico e comico, alto e basso, divenne emblema del genio. Pur riconosciuto come il teorico della tolleranza, Voltaire vide vacillare il suo mondo e attaccò il poeta inglese, che considerava un barbaro e il cui sorprendente successo gli parve, a un secolo e mezzo dalla morte, uno scandalo intollerabile. Ma sapeva, dal punto di vista letterario e teatrale, di essere ormai uno sconfitto.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Raccontare"
Editore: Laterza
Autore: Alessandro Perissinotto
Pagine:
Ean: 9788858141687
Prezzo: € 10.99

Descrizione:

Non possiamo vivere senza racconti. Ma in un mondo in cui le narrazioni sono diventate sempre più pervasive e sofisticate, è necessario imparare a orientarsi. Questo libro è una mappa preziosa per muoverci tra i tanti campi di impiego dello storytelling.

La parola 'storytelling' è ormai diventata di moda e rischia di perdere i contorni del suo significato. Eppure, lo storytelling e la narrazione in generale si stanno rivelando, al di là delle mode, strumenti comunicativi di eccezionale potenza, tanto da far temere che il loro utilizzo possa trasformarsi in una sorta di manipolazione di massa. Questo libro offre al lettore una visione il più possibile obiettiva del fenomeno storytelling, che mostri quanti e quali possano essere i suoi campi di impiego: dalla pratica quotidiana dei comunicatori professionali – pubblicitari, pianificatori territoriali, addetti stampa, blogger, social media manager, operatori del sociale, insegnanti –, alle necessità informative dei semplici cittadini, costantemente immersi in un flusso di storie. Spaziando dall'antropologia alla semiotica, dalla sociologia alle neuroscienze, il libro mostra come l'attività narrativa sia connaturata all'essere umano e come la nostra organizzazione sociale si fondi anche sul racconto. Partendo da questo presupposto, Raccontare propone una panoramica sulle tecniche di narrazione della realtà e sui loro ambiti di applicazione: dalle organizzazioni ai media, dal teatro al racconto dei territori.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Oro blu"
Editore: Laterza
Autore: Edoardo Borgomeo
Pagine:
Ean: 9788858141700
Prezzo: € 8.99

Descrizione:

Un pianeta più caldo significa ghiacciai che si sciolgono, piogge meno prevedibili, alluvioni più frequenti, deserti che avanzano. Nell'acqua vediamo gli effetti del riscaldamento globale e la probabile causa di guerre future. Oro blu, in nove storie da tutto il mondo, dalla Sicilia al Bangladesh, dall'Olanda al Brasile, ci fa scoprire come l'acqua si intrecci all'economia, alla storia, alla cultura e alla vita di ciascuno di noi.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU