Articoli religiosi

Varie - Addobbi Per Albero Di Natale



Titolo: "Palla per albero di Natale in plexiglass con Natività - dimensioni 6,5x6 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400022063
Prezzo: € 3.00

Descrizione:

Originale addobbo da albero di Natale a forma di palla appiattita in moderno plexiglass con stampa colorata. L'immagine rappresenta una Sacra Famiglia con bordo dorato e sullo sfondo uno splendido cielo stellato.

La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.
Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Goccia di legno con presepe per albero di Natale - altezza 14 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 8032727684678
Prezzo: € 4.60

Descrizione:

Grazioso addobbo natalizio in legno a forma di goccia con incisa l'immagine stilizzata del presepe.
Un pratico nastrino rosso posto alla sommità permette di appendere l'addobbo all'albero di Natale, ad una finestra, alla porta o ad una parete. 
L'atmosfera natalizia è assicurata.

L'immagine moderna e dal design minimale propone i protagonisti della Sacra Famiglia all'interno della mangiatoia, in cui l'asinello e il bue salutano l'avvento del Salvatore. Un cielo stellato illuminato da una graziosa stella cometa circonda la capanna.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Natività di legno in sfera con doghe - altezza 10 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583014690
Prezzo: € 5.20

Descrizione:

Piccolo addobbo natalizio in legno naturale raffigurante la Natività.
Un nastrino dorato posto alla sommità della sfera permette di appendere la decorazione all'albero di Natale.

Delle doghe in legno naturale racchiudono i protagonisti della Natività, posti al centro di questa sfera dall'aspetto moderno.

Maria, Giuseppe e il Bambinello sono raffigurati su una sagoma bidimensionale di legno nelle posizioni canoniche trasmesse dalla tradizione iconografica cristiana.
La puliziadelle forme, la morbidezza del tratto e la stilizzazione dei personaggi rendono questo articolo adatto al Natale dei più piccoli.

[[desc-238]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cuore da appendere con "Natività" per bambini - dimensioni 13x14 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480519009707
Prezzo: € 10.40

Descrizione:

Bellissimo addobbo natalizio a forma di cuore raffigurante la Natività.
Un nastro colorato permette di appendere il quadretto al muro o, perché no, all'albero di Natale.

Ideale come regalo per il Natale dei bambini.

L'immagine di una moderna Sacra Famiglia accompagna la scritta
"Se hai un sogno, proteggilo".

Il quadretto è molto elegante e lo stile fumettistico con cui sono rappresentati i personaggi rende l'articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere lo spirito natalizio con la giusta predisposizione d'animo.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Angelo in legno da appendere con Natività e pecorelle - dimensioni 10,5x14 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859048946
Prezzo: € 2.56

Descrizione:

Angelo in legno da appendere raffigurante la Natività.
I bordi dorati conferiscono all'articolo un senso di luminosità e di gioia.
L'articolo può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

Nella parte alta dell'addobbo è presente la stella cometa, che saluta l'avvento del Bambinello assieme ai Magi sullo sfondo, a Giuseppe e a Maria raccolti in meditazione.
La grafica fumettistica, l'assenza di sfumature nella stesura del colore e la dolcezza con cui sono rappresentati i protagonisti del presepe rendono questo articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere il tempo di Natale con la giusta predisposizione d'animo.

Sullo sfondo si vedono i Magi guidati dalla stella cometa arrivare in adorazione del Bambinello.
Giuseppe e Maria sono in piedi dietro alla culla e sorvegliano il Bambinello.
Due pecorelle in primo piano assistono all'avvento del Salvatore.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cuore da appendere con dettaglio "Natività" - dimensioni 13x14 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480519009684
Prezzo: € 10.40

Descrizione:

Elegante, grazioso e dal forte impatto emotivo, questo quadretto a forma di cuore raffigura la Natività.
Un nastro colorato permette di appendere il quadretto al muro o, perché no, all'albero di Natale.

Ideale come bomboniera o idea regalo per il matrimonio.

I volti di Giuseppe, Maria e il Bambinello accompagnano la scritta
"L'unità della famiglia è felicità".

Il quadretto è molto elegante e i dettagli dorati sottolineano le movenze dei protagonisti della Sacra Famiglia.
L'abbraccio tra Giuseppe e Maria trasmette serenità, complicità e gli occhi chiusi in preghiera rivelano l'atteggiamento protettivo e riverente nei confronti di Gesù.

La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe a campana in legno d'ulivo per albero di Natale - altezza 8,5 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400306972
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Grazioso addobbo natalizio in legno d'ulivo raffigurante la Natività.
Un pratico nastrino in lurex dorato permette di appendere l'addobbo all'albero di Natale o a parete.

La sagoma di una campana traforata fa da sfondo alla mangiatoia, in cui Giuseppe, Maria, una capretta e la stella cometa salutano l'avvento di Gesù.

I protagonisti della scena sono bidimensionali. I tratti dei volti e delle vesti sono incisi nel legno, dando vita e dinamismo alle figure.

La decorazione è confezionata in un box di cartoncino e pvc.
Sulla parte frontale della confezione compare la scritta Bethlehm, mentre ai lati è scritta in più lingue la certificazione di provenienza del materiale do fabbrcazione.
Sul coperchio compare in pigmento rosso la Croce di Gerusalemme, disegnata su uno sfondo di decorazioni floreali stilizzate.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

La croce di Gerusalemme o di Terra Santa è una croce greca, cioè una croce con i quattro bracci di egual misura, contornata da quattro croci più piccole.
Molto probabilmente le cinque croci rappresentano le cinque piaghe della Passione di Gesù: le ferite ai piedi, alle mani e al costato. Le prime quattro furono provocate dai chiodi, l’ultima dalla lancia di un soldato romano, come si legge nel Vangelo di Giovanni. La croce, da sempre simbolo del cosmo (il numero quattro rimanda ai quattro punti cardinali) e dell’infinito, sta a significare la presenza cosmica della potenza divina.
Molto probabilmente la croce di Gerusalemme è l'evoluzione di una croce greca con dei puntini al posto delle crocette usata dalla primissima comunità cristiana del Medio Oriente in epoca romana. Tanti dei segni ritrovati in diverse località della Terra Santa rimandano alla croce di Gerusalemme, per questo i francescani di Terra Santa l'hanno adottata come simbolo.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Angelo in legno da appendere con Natività - dimensioni 10,5x14 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859048939
Prezzo: € 2.56

Descrizione:

Angelo in legno da appendere raffigurante la Natività. 
I bordi dorati conferiscono all'articolo un senso di luminosità e di gioia.
L'articolo può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

Nella parte alta dell'addobbo è presente la stella cometa, che saluta l'avvento del Bambinello assieme ai Magi, a Giuseppe e a Maria.
La grafica moderna, l'uso compatto dei colori e la dolcezza con cui sono rappresentati i protagonisti del presepe rendono questo articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere il tempo di Natale con la giusta predisposizione d'animo.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Albero di Natale in legno d'ulivo con Natività in resina bianca - dimensioni 9x9 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400308693
Prezzo: € 3.97

Descrizione:

Elegante addobbo sagomato per albero di Natale realizzato in legno d'ulivo e resina bianca.

Un albero bidimensionale in legno d'ulivo marrone fa da sfondo alla Natività, realizzata in resina bianca. 
Sulla parte alta dell'albero è presente un foro in cu è fatto passare un nastrino in lurex dorato, utile per appendere l'addobbo all'albero o a parete.

La scena della Natività è estremamente moderna e stilizzata. I tratti somatici dei protagonisti sono del tutto assenti, ma ogni soggetto è ben riconoscibile dalla posa classica con cui è raffigurato.
Nonostante l'assenza di caratterizzazione, la Natività qui rappresentata trasmette molta tenerezza.

L'articolo è accompagnato da un cartoncino colorato che riporta il certificato di originalità del prodotto.
La Croce di Gerusalemme e la scritta Bethelhem completano la decorazione di vischio.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

La croce di Gerusalemme o di Terra Santa è una croce greca, cioè una croce con i quattro bracci di egual misura, contornata da quattro croci più piccole.
Molto probabilmente le cinque croci rappresentano le cinque piaghe della Passione di Gesù: le ferite ai piedi, alle mani e al costato. Le prime quattro furono provocate dai chiodi, l’ultima dalla lancia di un soldato romano, come si legge nel Vangelo di Giovanni. La croce, da sempre simbolo del cosmo (il numero quattro rimanda ai quattro punti cardinali) e dell’infinito, sta a significare la presenza cosmica della potenza divina.
Molto probabilmente la croce di Gerusalemme è l'evoluzione di una croce greca con dei puntini al posto delle crocette usata dalla primissima comunità cristiana del Medio Oriente in epoca romana. Tanti dei segni ritrovati in diverse località della Terra Santa rimandano alla croce di Gerusalemme, per questo i francescani di Terra Santa l'hanno adottata come simbolo.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Palla di Natale rossa con Natività per bambini - dimensioni 11x10 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859029815
Prezzo: € 2.50

Descrizione:

Grazioso addobbo a forma di palla di Natale appiattita.
Vi è rappresentata la scena della natività: Gesù, Giuseppe e Maria al centro della scena e sulla sinistra il bue e l'asinello. I bordi dorati conferiscono all'articolo un senso di luminosità e di gioia.
Il disegno in stile fumettistico piacerà sicuramente ai più piccoli.

L'addobbo è confezionato in una semplice bustina di nylon trasparente ed è accompagnato da un cartoncino decorato su cui è riportata la preghiera al Bambin Gesù.

Può essere appeso all'albero di Natale al posto della classica sfera, ma anche al muro, oppure al fiocco di un pacco regalo per abbellirne la confezione.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stella in legno rosso da appendere con Natività in lamina oro - dimensioni 10,5x9,5 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859049325
Prezzo: € 2.47

Descrizione:

Stella di Natale in legno rosso da appendere raffigurante la Natività.

I dettagli in lamina oro rendono luminoso l'articolo bordato d'oro, che può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

La rappresentazione della Sacra Famiglia al centro dell'addobbo è molto tenera, con Giuseppe che cinge amorevolmente le spalle di Maria.
Articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere il tempo di Natale con la giusta predisposizione d'animo.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Natività di legno colorato in sfera con doghe - altezza 10 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480583014706
Prezzo: € 5.20

Descrizione:

Piccolo addobbo natalizio in legno naturale raffigurante la Natività.
Un nastrino dorato posto alla sommità della sfera permette di appendere la decorazione all'albero di Natale.

Delle doghe in legno naturale racchiudono i protagonisti della Natività colorata, posti al centro di questa sfera dall'aspetto moderno.

Maria, Giuseppe e il Bambinello sono raffigurati su una sagoma bidimensionale di legno nelle posizioni canoniche trasmesse dalla tradizione iconografica cristiana.
La pulizia e la morbidezza del tratto, la stilizzazione dei personaggi e la campitura piena dei colori rendono questo articolo adatto al Natale dei più piccoli.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Alberello in PVC da appendere con Natività e preghiera sul retro - dimensioni 11x9 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859026692
Prezzo: € .80

Descrizione:

Alberello in PVC da appendere raffigurante la Natività. I bordi dorati conferiscono all'articolo un senso di luminosità e di gioia e lo impreziosiscono. Sul retro è scritta questa preghiera:

Asciuga, Bambino Gesù, la lacrime dei fanciulli!
Accarezza il malato e l'anziano!
Spingi gli uomini a stringersi in un universale abbraccio di pace!
Invita ad abbattere i muri creati dalla miseria e dall'indifferenza.
Sei Tu, Divino Bambino di Betlemme, che ci salvi liberandoci dal peccato.
Sei Tu il vero e unico Salvatore.
Dio della Pace, dono di pace all'intere umanità, vieni a vivere nel cuore di ogni uomo e di ogni famiglia.
Sii Tu la nostra pace e la nostra gioia! Amen

Giovanni Paolo II

 Tramite il piccolo foro può essere appeso al muro, ma visto lo spessore sottilissimo, quasi un cartoncino plastificato, può essere anche appeso all'albero con un filo sottile in modo che possa muovere liberamente facendo vedere da un lato l'immagine della Natività e dall'altro la preghiera di invocazione al Bambin Gesù.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cometa rossa in legno da appendere con Natività e Re Magi - dimensioni 6x12 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859049417
Prezzo: € 1.83

Descrizione:

Cometa in legno rossa da appendere raffigurante la Natività ed i Magi in adorazione. 
Un bordo dorato racchiude i protagonisti del presepe.
L'articolo può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

Sulla sinistra, un alone dorato fa da sfondo ai protagonisti della Natività, rappresentati nelle posizioni canoniche trasmesse dall'arte bizantina.
Molto tenero l'abbraccio di Giuseppe, che cinge affettuosamente le spalle di Maria.
Lungo la coda della stella cometa i Magi stanno portando i loro doni al Bambinello.
Articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere il tempo di Natale con la giusta predisposizione d'animo.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Addobbo per albero di Natale con dettagli in oro a caldo "Natività" - dimensioni 10x10 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400309447
Prezzo: € 2.50

Descrizione:

Grazioso addobbo per albero di Natale rappresentante il presepe.
La decorazione natalizia può essere anche appoggiata su un mobile grazie al piedino in metallo incluso nella confezione.

Lo stile grafico della decorazione è moderno, fumettistico, adatto al Natale dei più piccoli.
Una corona di vischio verde culmina in alto in un fiocco rosso e incornicia i protagonisti della Sacra Famiglia, rappresentati in piedi al centro del quadretto.
Due angioletti, l'asinello e il bue salutano l'avvento del Salvatore.
Il quadretto è impreziosito da molti dettagli impressi in oro a caldo, donando alla scena rappresentata il tipico sapore natalizio.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

 

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Candela traforata in legno d'ulivo per albero di Natale con presepe - altezza 11,5 cm"
Editore: SPLogg
Autore:
Pagine:
Ean: 8032551431226
Prezzo: € 9.20

Descrizione:

Pregiato addobbo in legno d'ulivo a forma di candela traforato a mano con tre rappresentazioni su tre livelli.
Nella parte più alta è rappresentata una Natività stilizzata, al centro un pastore di profilo, sempre stilizzato, e nella parte più bassa i Re magi in cammino alla ricerca di Gesù Bambino.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Tutti gli oggetti "Artigianato di Betlemme" sono prodotti e lavorati a mano. Il materiale utilizzato è esclusivamente il legno d'ulivo.
Tutti gli articoli sono prodotti ed importati da Betlemme.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cuore da appendere con "Natività" - dimensioni 13x14 cm"
Editore: Distribuzione Liturgica
Autore:
Pagine:
Ean: 2480519009660
Prezzo: € 10.40

Descrizione:

Bellissimo addobbo natalizio a forma di cuore raffigurante la Natività.
Un nastro colorato permette di appendere il quadretto al muro o, perché no, all'albero di Natale.

Ideale come bomboniera o idea regalo per il matrimonio.

L'immagine di una moderna Sacra Famiglia accompagna la scritta
"La famiglia è per sempre".

Il quadretto è molto elegante e i dettagli dorati sparsi sulla superficie rendono sontuoso e regale l'abbraccio tra Maria, Giuseppe e il Bambinello.

La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lanterna gialla da appendere con Sacra Famiglia classica - altezza 14 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859024070
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Grazioso addobbo a forma di lanterna. Vi è rappresentata la scena della natività: Gesù, Giuseppe e Maria al centro della scena e sulla destra il bue e l'asinello.
La lanterna è confezionata in una semplice bustina trasparente e accompagnata da una pagellina con la preghiera "Bambino Gesù".

Può essere appeso all'albero di Natale al posto della classica sfera, ma anche al muro o ad una finestra.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Campana in legno "Presepe" per bambini - altezza 10 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859038695
Prezzo: € 2.50

Descrizione:

Pensata per i più piccoli, questa simpatica icona in legno dalla linea sinuosa a forma di campana rappresenta il Presepe.
La stampa dagli angoli stondati presenta dei tratti stilizzati in oro a sottolineare i dettagli dell'immagine. Lo stile fumettistico dell'immagine sdrammatizza il soggetto dell'icona e lo rende accessibile ai bambini che si affacciano per la prima volta al mondo della spiritualità.

Un sottile cordoncino in lurex dorato passa attraverso il foro centrale nella parte alta del quadretto e risulta utile per l'affissione a parete dell'icona, sul cui rovescio sono ben visibili le venature del legno marrone chiaro.
È possibile utilizzare la campana anche come addobbo per l'albero di Natale o come decorazione natalizia da appendere a porte e finestre.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

L'icona è accompagnata da un cartoncino blu di 12x12 cm su cui è possibile leggere la Preghiera di Natale e dell'Avvento, inserita all'interno di una cornice dorata sagomata a forma di campana.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Lanterna blu da appendere con presepe per bambini - altezza 14 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859024087
Prezzo: € 2.40

Descrizione:

Grazioso addobbo a forma di lanterna. Vi è rappresentata la scena dell'adorazione dei Magi: Gesù, Giuseppe e Maria al centro della scena, sulla sinistra due pecorelle e da destra arrivano i Re Magi con i loro doni per adorare Gesù. Lo stile fumettistico del disegno renderà gradito l'articolo ai più piccoli di casa.
La lanterna è confezionata in una semplice bustina trasparente e accompagnata da una pagellina con la preghiera "Bambino Gesù".

Può essere appeso all'albero di Natale al posto della classica sfera, ma anche al muro o ad una finestra.

Il nome presepe deriva dal latino praesaepe, prae/saepire, cingere con siepi, recinto per animali chiuso con siepi, e, per traslato, mangiatoia.
Sebbene le prime rappresentazioni siano comparse nelle catacombe, il presepe, così come lo conosciamo, iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

Due sono i tipi fondamentali di presepe: quello contemplativo che si concentra sul gruppo nella grotta e quello partecipativo, dove i numerosi personaggi sottolineano la partecipazione di tutti gli uomini, rappresentati nella varietà di condizioni e opere.

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stella in legno traforato da appendere con Bambinello in lamina oro - dimensioni 10,5x9,5 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859049318
Prezzo: € 2.47

Descrizione:

Stella di Natale in legno dorato traforato da appendere raffigurante Gesù Bambino.
I dettagli in lamina oro rendono luminoso l'articolo, che può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

Il Bambinello è seduto su un panno bianco al centro della stella e tiene la mano destra alzata in segno di benedizione, mentre con l'altra si tocca il petto, a ricordare l'iconografia del Sacro Cuore di Gesù.
Un nimbo dorato illumina il capo di Gesù, che guarda dritto davanti a sé trasmettendo serenità e calma.
Articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere il tempo di Natale con la giusta predisposizione d'animo.

Il Gesù Bambino, paradosso di un Dio incarnato, è un tema che ha affascinato artisti di tutti i tempi. Benché i Vangeli scrivano poco dell'infanzia di Gesù, ne sono nate molte raffigurazioni. Forse la più famosa e la più utilizzata in natività e presepi è quella del Bambinello in fasce deposto sulla mangiatoia.
Il Gesù Bambino in fasce sottolinea lo sconvolgente sacrificio di un Dio Onnipotente che si fa uomo tra gli uomini, povero tra i poveri, inerme tra i più deboli.
Tale rappresentazione iniziò ad affermarsi dopo il XIII secolo, quando i francescani ne diffusero l'uso nelle chiese in memoria dell'episodio di Greccio.
Nel 1223 san Francesco decise di preparare la messa di Natale in una grotta in mezzo al bosco, con mangiatoia, asino e bue, a ricordo della grotta della nascita che aveva da poco veduto in Terra Santa. Si narra che quella notte in molti ebbero la visione di un Bambino dormiente tra le braccia di san Francesco, che lo svegliava con i suoi baci.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Presepe in legno d'ulivo con scatola Bethlem - altezza 8 cm"
Editore: Fars
Autore:
Pagine:
Ean: 8058400316544
Prezzo: € 7.65

Descrizione:

Presepe in legno d'ulivo, con piccola natività in resina colorata, provvisto di base. Per chi preferisse appenderlo è corredato anche di cordoncino dorato a cui è attaccato un piccolo cartellino in pvc che può essere utilizzato come segnalibro. Il cartellino da una parte ha raffigurato un alberello di Natale, dall'altra riporta una frase natalizia.

Le capanne differiscono leggermente per forma da un modello all'altro, ma non è possibile scegliere una specifica forma.
Sono tutte realizzate in legno d'ulivo. Il materiale grezzo è ottenuto dalla potatura di giovani piante e dai tronchi dei vecchi alberi ormai improduttivi.

L'articolo è completo di preziosa scatolina con decori dorati e a tema natalizio. Sulla scatolina sono riportate anche l'immagine della stella di Betlemme e della croce di Gerusalemme.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Articolo ideato, studiato e prodotto esclusivamente in Italia da un'azienda leader a livello mondiale nella produzione, realizzazione e commercializzazione di articoli religiosi da oltre 40 anni, che si distingue per la cura nei dettagli e la qualità dei materiali e delle lavorazioni.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Stella cometa in legno da appendere - lunghezza 11 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 2483599007168
Prezzo: € 3.30

Descrizione:

Grazioso addobbo a forma di stella cometa con laccio dorato.
Sulla stella è rappresentata la Natività di Gesù con Maria e Giuseppe in adorazione del piccolo appena nato.
La famiglia di Nazareth rappresenta un soggetto iconografico semplice e complesso al tempo stesso, in cui i tre protagonisti principali sono raffigurati in pose canoniche, a prototipo della famiglia ideale. Maria è una donna giovane e premurosa, Giuseppe è vicino alla Vergine e sorveglia con fare protettivo Gesù Bambino.

Sulla coda della cometa, invece, sono rappresentati i Re magi in viaggio alla ricerca del Bambin Gesù.
Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.

La stella cometa può essere appesa all'albero di Natale al posto della classica sfera, ma anche al muro, ad una porta, alla finestra...

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Albero della Vita in legno da appendere con Natività - dimensioni 14x13 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859049295
Prezzo: € 2.93

Descrizione:

Albero della Vita in legno sagomato da appendere raffigurante la Natività.
La fusione dei colori sullo sfondo - il rosso e il blu, i colori che indicano la doppia natura di Cristo - crea un'atmosfera di raccoglimento e intimità famigliare.
L'articolo può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

I protagonisti della Sacra Famiglia sono rappresentati sulla destra nelle posizioni canoniche tramandate dall'arte bizantina, che vede Giuseppe e Maria vegliare insieme sulla culla dove giace il Bambinello avvolto in un manto bianco, colore della purezza.
Giuseppe cinge teneramente le spalle di Maria, che sta avvolgendo in un panno bianco il bambinello.
L'Albero della Vita fa da cornice alla scena rappresentata.
Una bellissima stella cometa saluta l'avvento del Salvatore.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

L'Albero della Vita, più volte nominato nelle Sacre Scritture, è simbolo dell'immortalità e della croce di Cristo.

Nella prefazione della liturgia dell'Esaltazione della Santa Croce si dice: "Nell'albero della Croce tu hai stabilito la salvezza dell'uomo, perché donde sorgeva la morte di là risorgesse la vita, e chi dell'albero traeva vittoria, dall'albero venisse sconfitto, per Cristo nostro Signore".

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cometa blu in legno da appendere con Natività e Re Magi - dimensioni 6x12 cm"
Editore: Egim
Autore:
Pagine:
Ean: 8018859049400
Prezzo: € 1.83

Descrizione:

Cometa in legno blu da appendere raffigurante la Natività ed i Magi in adorazione. 
Un bordo dorato racchiude i protagonisti del presepe.
L'articolo può essere appeso al muro o all'albero di Natale, così da potersi muovere liberamente.

Sulla sinistra, un alone rosso fa da sfondo ai protagonisti della Natività, rappresentati nelle posizioni canoniche trasmesse dall'arte bizantina.
Molto tenero l'abbraccio di Giuseppe, che cinge affettuosamente le spalle di Maria.
Lungo la coda della stella cometa i Magi stanno portando i loro doni al Bambinello.
Articolo adatto ai più piccoli, affinché possano vivere il tempo di Natale con la giusta predisposizione d'animo.

Sono i Vangeli di Matteo [2,1-12] e di Luca [2,1-20] a fornirci le prime informazioni sulla natività di Gesù, di cui i Vangeli apocrifi daranno poi ulteriori dettagli.
Le rappresentazioni della natività scarseggiano fino al 431 d.C, anno del Concilio di Efeso che proclama la maternità divina di Maria. Questo evento, unito a quello dell'istituzione del 25 dicembre come festività del Natale, dà il via libera all'arte per cimentarsi sul soggetto della natività, che dal XV secolo in poi privilegia il momento dell'adorazione di Gesù rispetto a quello della nascita.

Il Vangelo di Matteo [2,1-12] è l'unico a riportare l'episodio dell'adorazione dei Magi, che tuttavia non vengono qui qualificati come "re". La presenza dei Magi nelle rappresentazioni liturgiche occidentali inizia nel X secolo, anche se i nomi dei tre si incontrano a partire dal IX secolo.
La parola Mag significa dono e fa riferimento all'incenso, all'oro e alla mirra portati rispettivamente da Gaspare, Melchiorre e Baldassarre.
Secondo i Vangeli apocrifi, i tre rappresentano le stirpi di Sem, Caf e Jafet, ovvero le tre parti del mondo allora conosciute - Asia, Europa ed Africa.
Un'altra interpretazione vede i Magi simboleggiare le tre età dell'uomo.
Sempre secondo i Vangeli apocrifi, i Magi furono avvisati della nascita di Gesù da un angelo e, una volta giunti presso il Golgota, iniziarono il loro viaggio insieme verso Betlemme.

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». (Mt, 2,1-2)

Secondo le sacre scritture, come riportato nel brano del Vangelo di Matteo appena citato, la stella cometa guidò i Re Magi alla grotta di Betlemme.
L'immagine,  già di per sé molto suggestiva, è carica di significati simbolici e spirituali. Gli astri con la loro luce illuminano l'oscurità e sono per questo simbolo della lotta eterna tra bene e male. Quella vista dai Re Magi è una cometa, un vero e proprio segno del cielo, simbolo della speranza, della luce che viene dall'alto; stella che con la sua luce conduce a Colui che è fonte della luce stessa.

 

Articolo ideato e prodotto in Italia da un’azienda milanese leader nella realizzazione di articoli religiosi dal 1914, rinomata a livello mondiale per la qualità dei materiali e la cura nei dettagli e nella lavorazione.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU