Articoli religiosi

Santo - Tisane



Titolo: "Malva fiori e foglie 50 gr."
Editore: Herborarium del Santo
Autore:
Pagine:
Ean: 2480877001078
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Uso interno in caso di stipsi, emorroidi, bronchiti, laringiti, faringiti, tracheiti, tosse stizzosa, infiammazioni del tratto gastrointestinale, acidità gastrica, colite ulcerosa; Uso esterno in caso di emorroidi, mucose irritate, gengive sanguinanti, congiuntiviti.

Malva sylvestris L. è una pianta erbacea molto diffusa nel continente europeo, asiatico ed in parte africano. Il fusto, diritto e ramificato, porta foglie a lembo palmato e dentato con picciolo lungo. I fiori, di grandi dimensioni e violacei, sono raggruppati all’ascella delle foglie.

In fitoterapia si utilizzano i fiori e le foglie, rispettivamente nominati nella Farmacopea Ufficiale Malvae flos F.U.IX e Malvae folia F.U.IX, che per il loro alto contenuto in mucillagini esercitano un’intensa azione emolliente e lenitiva sulle mucose infiammate: laringite, faringite, tracheite, tosse stizzosa (favorendo l’espettorazione), acidità gastrica, infiammazioni del tratto intestinale, colite ulcerosa.

Da sempre utilizzata come blando lassativo, la malva è un valido regolatore intestinale per anziani e bambini perché protegge la mucosa intestinale infiammata. Rientra spesso in formulazioni di tisane pettorali ed in particolare tra le quattro specie bechiche delle antiche Farmacopee: malva, altea (Althaea officinalis L.), parietaria (Parietaria officinalis L.), tasso barbasso (Verbascum thapsus L.). Con l’infuso di malva (al 5%) si eseguono semicupi oppure bevande per uso interno che vanno consumate giornalmente nel caso di emorroidi.

L’uso esterno della pianta è in funzione della sua attività antinfiammatoria, lenitiva e  vasoprotettrice: si rende efficace come collutorio in caso di gengive sanguinanti e delicate, per eseguire gargarismi, sottoforma di impacco o lavaggi per lenire scottature ed irritazioni cutanee. 

Modo d’uso:
Le varie patologie per le quali è indicata prevedono preparazioni diverse della droga:

Decotto: 3 g in una tazza d’acqua (150 ml), portare ad ebollizione e lasciare in infusione per 10 minuti. Tale preparazione va assunta 3 volte al giorno lontano dai pasti in caso di stipsi, emorroidi, bronchiti, laringiti, faringiti, tracheiti, tosse stizzosa, infiammazioni del tratto gastrointestinale, acidità gastrica, colite ulcerosa;

Infuso: eseguire un’infusione con 150 ml d’acqua bollente per uso esterno. 

Peso netto:
50 g



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Malva fiori e foglie 50 gr."
Editore: Herborarium del Santo
Autore:
Pagine:
Ean: 2480979000863
Prezzo: € 6.00

Descrizione:Uso interno in caso di stipsi, emorroidi, bronchiti, laringiti, faringiti, tracheiti, tosse stizzosa, infiammazioni del tratto gastrointestinale, acidità gastrica, colite ulcerosa; Uso esterno in caso di emorroidi, mucose irritate, gengive sanguinanti, congiuntiviti.

Malva sylvestris L. è una pianta erbacea molto diffusa nel continente europeo, asiatico ed in parte africano. Il fusto, diritto e ramificato, porta foglie a lembo palmato e dentato con picciolo lungo. I fiori, di grandi dimensioni e violacei, sono raggruppati all’ascella delle foglie.

In fitoterapia si utilizzano i fiori e le foglie, rispettivamente nominati nella Farmacopea Ufficiale Malvae flos F.U.IX e Malvae folia F.U.IX, che per il loro alto contenuto in mucillagini esercitano un’intensa azione emolliente e lenitiva sulle mucose infiammate: laringite, faringite, tracheite, tosse stizzosa (favorendo l’espettorazione), acidità gastrica, infiammazioni del tratto intestinale, colite ulcerosa.

Da sempre utilizzata come blando lassativo, la malva è un valido regolatore intestinale per anziani e bambini perché protegge la mucosa intestinale infiammata. Rientra spesso in formulazioni di tisane pettorali ed in particolare tra le quattro specie bechiche delle antiche Farmacopee: malva, altea (Althaea officinalis L.), parietaria (Parietaria officinalis L.), tasso barbasso (Verbascum thapsus L.). Con l’infuso di malva (al 5%) si eseguono semicupi oppure bevande per uso interno che vanno consumate giornalmente nel caso di emorroidi.

L’uso esterno della pianta è in funzione della sua attività antinfiammatoria, lenitiva e  vasoprotettrice: si rende efficace come collutorio in caso di gengive sanguinanti e delicate, per eseguire gargarismi, sottoforma di impacco o lavaggi per lenire scottature ed irritazioni cutanee. 

Modo d’uso:
Le varie patologie per le quali è indicata prevedono preparazioni diverse della droga:

Decotto: 3 g in una tazza d’acqua (150 ml), portare ad ebollizione e lasciare in infusione per 10 minuti. Tale preparazione va assunta 3 volte al giorno lontano dai pasti in caso di stipsi, emorroidi, bronchiti, laringiti, faringiti, tracheiti, tosse stizzosa, infiammazioni del tratto gastrointestinale, acidità gastrica, colite ulcerosa;

Infuso: eseguire un’infusione con 150 ml d’acqua bollente per uso esterno. 

Peso netto:
50 g

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Semi di finocchio dolce interi 50 gr."
Editore: Herborarium del Santo
Autore:
Pagine:
Ean: 2480979001020
Prezzo: € 6.00

Descrizione:

Sfavorisce i disturbi gastrointestinali (gonfiori e coliche), meteorismo, aiuta a regolarizzare il transito intestinale, stimola la digestione, aumenta la montata lattea in madri in allattamento, lenisce il mal di testa, calma i dolori mestruali.

Il finocchio, Foeniculum vulgare Miller var. vulgare (fam. Apiaceae o Umbelliferae), è una pianta erbacea biennale o perenne che raggiunge l’altezza di due metri. Il latino foeniculum è semplicemente il diminutivo di foenum, fieno, a causa della sottigliezza delle foglie che sono suddivise in lacinie filiformi con guaine molto sviluppate.

Oltre alla varietà vulgare è diffusa la varietà dulce, edule ed ampiamente diffusa nella regione mediterranea. La droga è costituita dai frutti maturi, impropriamente chiamati semi: Foeniculi amari fructus e Foeniculi dulcis fructus F.U.IX.

Sono da sempre impiegati, anche in pediatria, nei disturbi dispeptici, nel meteorismo e negli spasmi del tratto gastrointestinale.  Influenza positivamente l’apparato gastroenterico per le sue proprietà stimolanti ed aromatiche ed aumenta la secrezione salivare, gastrica e biliare. Da ricordare anche l’utilizzo come galattagogo associato a Galega officinalis L., galega, e Trigonella foenum-graecum L., fieno greco.

Peso netto:  50 g




VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU