Libreria cattolica

Libri - Politica E Scienze Politiche



Titolo: "Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici."
Editore: Terra Santa
Autore: Fabio Pizzul
Pagine: 160
Ean: 9788862407403
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Tra cattolici e politica non è mai stata luna di miele. Eppure oggi, più che in passato, il mondo cattolico sembra essere diventato terreno fertile per le scorribande di uomini di potere pronti a strumentalizzarlo trascinandolo su posizioni lontane dal Vangelo. Dall'ostentazione dei simboli cristiani per catturare consenso alla fine dell'unità politica dei cattolici, dalla politica razionale alla politica emozionale, dalla volatilità del voto all'astensionismo, nulla sembra far presagire il ritorno del «moriremo democristiani». E questo è certamente un bene per Fabio Pizzul, che in pagine ricche di spunti e sollecitazioni si chiede: quanto contano oggi i cattolici in politica? Ma soprattutto: quanto conta la politica per i cattolici? Se i cosiddetti "atei devoti" si fanno paladini di valori non negoziabili, il rischio per i cosiddetti "cattolici democratici" è di ridursi a una minoranza inattuale, conservatrice e non più comprensibile, che insiste sui soliti temi, barcamenandosi fra un Family Day, un Vaffa Day e un ritrovo delle Sardine. L'ormai innegabile marginalità dei credenti nel rapporto tra cattolicesimo e politica apre per l'autore prospettive nuove, tutte da esplorare. E il tema, tornato recentemente alla ribalta, continuerà a infiammare il dibattito: dai mass media ai social, dai partiti ai movimenti, dalle parrocchie alle più alte gerarchie.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Storia delle dottrine politiche"
Editore: Jaca Book
Autore: Dunn John
Pagine: 112
Ean: 9788816415348
Prezzo: € 12.00

Descrizione:"Storia delle dottrine politiche" di John Dunn, pubblicato per la prima volta in italiano da Jaca Book nel 1992, può essere considerato un classico della riflessione sulle finalità e i metodi d'indagine propri della storiografia sul pensiero politico. Introdotto ora da un nuovo saggio del prof. Davide Cadeddu che lo contestualizza all'interno della produzione scientifica dell'autore, questo scritto è ancora in grado di suscitare domande profonde e suggerire risposte originali e attuali sul significato di un approccio peculiare all'analisi delle teorie politiche. Con un testo di Davide Cadeddu.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il populismo gesuita"
Editore: Laterza
Autore: Loris Zanatta
Pagine: 142
Ean: 9788858141281
Prezzo: € 16.00

Descrizione:

Perón, Castro, Chávez, i grandi leader populisti dell’America Latina sono uniti da un filo rosso che attraversa la storia del continente: l’utopia cristiana del Regno di Dio sulla terra. Una teologia politica che ora, con papa Francesco, è arrivata fino al soglio di Pietro.

Un filo rosso attraversa la storia latinoamericana. Risale alla Conquista, passa per le missioni del Paraguay, subisce l’espulsione borbonica, incrocia le spade col liberalismo, risorge coi populismi fino ad approdare a Roma, al soglio pontificio. È il filo gesuita, custode di una poderosa visione del mondo che impregna l’universo morale e materiale dell’America Latina.Suo cardine è l’utopia cristiana, il sogno del Regno di Dio in terra, impermeabile alla corruzione del mondo e della storia; suo modello la cristianità coloniale, Stato cristiano dove si fondevano unità politica e unità spirituale, suddito e fedele. L’ordine sociale? Un organismo naturale conforme alla volontà di Dio. Gerarchia, unanimità, corporativismo erano i pilastri; la fede il collante; lo Stato etico il guardiano. Peronismo, castrismo, chavismo: i più potenti populismi latini sono uniti da quel filo. Da esso emana la teologia del popolo che ispira papa Francesco. C’era una volta, predicano, un popolo puro che viveva in armonia e condivideva una cultura formata dalla sua fede. Ma ecco le idee ‘straniere’, il liberalismo senza patria, i protestanti individualisti, il capitalismo egoista, il secolarismo indifferente a Dio corromperne l’anima, disgregarne l’unità, minacciarne l’identità. Contro tali eterni nemici dei popoli d’America s’erge il leader populista, redentore che brandendo la croce della fede e la spada della giustizia sottrae il popolo eletto alla schiavitù e lo conduce alla terra promessa. Non tutti i populismi latini sono gesuiti, né tutti i gesuiti sono populisti. In tutti i ‘populismi gesuiti’ è però evidente l’impronta gesuita. Per tutti combattere la ricchezza, fonte di corruzione, è più importante che estirpare la ‘santa povertà’, garanzia di moralità. Studiandoli, questo libro indaga le radici culturali delle grandi piaghe storiche dell’America Latina: autoritarismo, povertà, disuguaglianza.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Salvatore. Una riflessione teologico-politica"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Guardini Romano
Pagine: 96
Ean: 9788837233709
Prezzo: € 12.00

Descrizione:

Dal 1933 al 1945 Hitler si presenta come l'autentico "portatore di salvezza". A due anni dal suo avvento al potere Romano Guardini decide di reagire a questa commistione di religione e politica affrontando il tema del salvatore in chiave esclusivamente religiosa. Dopo la fine della guerra esce una seconda versione del testo - riportata anch'essa in questa edizione - corredata da una parte sul regime nazista e sull'Europa.
La religione politica del nazionalsocialismo si è rilevata come il più minaccioso tentativo di negazione del cristianesimo, il quale per Guardini significa liberazione dell'uomo dalle catene del potere e della natura perché gli offre una possibilità personale di salvezza. La negazione del cristianesimo si accompagna a quella delle sue grandi creazioni: l'umanesimo e la civiltà europea. L'ispirazione cristiana deve allora tornare a fornire la propria linfa all'Europa per proteggerla dai miti dei falsi salvatori. Il fatto che oggi siano tornate in auge rende questo scritto guardiniano ancora attuale: un classico del dibattito telogico-politico.

ROMANO GUARDINI (1885-1968) è stato uno dei protagonisti della storia culturale europea del sec. XX.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rosario Livatino"
Editore: Il Pozzo di Giacobbe
Autore: Pio Sirna
Pagine: 136
Ean: 9788861248243
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Il 21 settembre 1990 un commando di killer mafiosi intercetta un giovane magistrato che sta per recarsi, come ogni mattina, al suo ufficio di Agrigento su una modesta utilitaria, senza scorta, e lo assassina. La sua unica "colpa": aver teorizzato, e praticato, la funzione di giudice come mite, ma inflessibile, custode della legalità democratica. La sua vicenda è stata raccontata più volte in articoli, libri, sceneggiati televisivi e anche in un film. Qui, per la prima volta, ne viene proposta una lettura teologica che inserisce la figura e l'opera del magistrato nel contesto storico-culturale del Concilio Vaticano II e, coerentemente, ne evidenzia i caratteri paradigmatici del battezzato, maturo spiritualmente, responsabile civicamente, impegnato sino al dono della propria vita nella testimonianza dei valori evangelici. L'Autore si basa sui documenti originari sia di Livatino sia di quanti lo hanno conosciuto e ne hanno narrato la personalità, lo stile, i gesti. La monografia, pur redatta con severi criteri scientifici, è impregnata da un sincero afflato di ammirazione e si direbbe di affetto nei confronti di Livatino, tanto più amabile in quanto rappresentato, senza retorica agiografica, anche nei suoi momenti di incertezza e di apprensione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Odio pubblico"
Editore: Castelvecchi
Autore: Corrado Fumagalli
Pagine: 144
Ean: 9788832829174
Prezzo: € 11.50

Descrizione:Il discorso d'odio è presente un po' dappertutto: nei social, sulle prime pagine dei giornali, alla radio, nei dibattiti televisivi, in piazza e allo stadio. Si preferisce l'incitamento all'odio perché, oggi, è uno dei modi più incisivi per assecondare e rappresentare le disposizioni degli ascoltatori. Odio pubblico spiega le ragioni e le tensioni normative del discorso d'odio, analizza la parola intollerante attraverso gli strumenti della filosofia politica contemporanea e riporta i cittadini al centro della discussione. Perché se è lecito indignarci di fronte al proliferare dei discorsi d'odio, non dobbiamo solo reclamare la capacità sanzionatoria delle istituzioni, ma, con il medesimo zelo, interrogarci anche sulle responsabilità di chi ascolta e vive in una società liberale e democratica.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La tirannia dell'algoritmo"
Editore: Vita e Pensiero
Autore: Miguel Benasayag
Pagine: 112
Ean: 9788834341421
Prezzo: € 13.00

Descrizione:Miguel Benasayag, il filosofo e psicanalista di origine argentina che ci ha insegnato a difen­derci dalle 'passioni tristi' alimentate dalla no­stra società, in questo libro-intervista con Régis Meyran ci mette in guardia dal rischio che siano gli algoritmi dei Big Data a guidare le nostre de­mocrazie. Nella vita di tutti i giorni siamo ormai messi continuamente a confronto con le 'macchine', in una interazione non più cancellabile con le nuove tecnologie: dall'uso del Gps per i nostri viaggi all'immersione ludica nella realtà vir­tuale, dalle relazioni personali mediate dai so­cial network al controllo costante delle nostre azioni e dei nostri comportamenti su internet. E il punto non è tanto rifiutare questa 'ibridazio­ne' ormai avvenuta, ma sapere come esistere in quanto umani in un tale mondo, fare in modo che, sia pure nell'integrazione utile con l'intelli­genza artificiale, non vengano meno le partico­larità del vivente, il suo essere imprevedibile e libero, irriducibile a una somma di informazioni, ai parametri della pura efficienza e della perfor­mance. Se questo vale sul piano individuale, è altrettan­to importante prendere coscienza dell'impatto che il mondo digitale e algoritmico esercita sul­le società. Stimolato da domande che tutti noi vorremmo porgli, Benasayag fa qui emergere chiaramente come anche le decisioni rilevan­ti a livello sociale, politico ed economico sono oggi legate alla logica lineare delle macchine, affidate ai calcoli e alla raccolta abnorme dei dati, alla gestione pseudo-razionale di un rap­porto causa-effetto che non tiene conto della complessità dei 'corpi' individuali e sociali e che insidia mortalmente le nostre democrazie. Fino all'ultimo interrogativo: in questo contesto inedito e oscuro, è possibile un agire che assu­ma la sfida di proteggere il vivente, la cultura, la buona politica? Più che una ricetta infallibile, Benasayag propone un percorso, un itinerario di riappropriazione creativa del rapporto con l'arti­ficiale, un insieme di 'soluzioni singolari' di pic­cole dimensioni e grandissimo impatto umano, qui e ora, capaci di costruire esperienze e prati­che di ibridazione con la tecnica che rispettino il vivente e la sua libertà.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Insegnare l'umano"
Editore: Vita e Pensiero
Autore: Pierluigi Malavasi
Pagine: 200
Ean: 9788834341001
Prezzo: € 19.00

Descrizione:Che ne è oggi dell'umano? Che cos'è vivere, essere vivi? Crescono nel mondo le disuguaglianze e il cambiamento climatico, a cui non riusciamo a trovare una soluzione comune, minaccia la sopravvivenza dell'umanità intera. Si nasce umani e si deve imparare ad esserlo. In un mondo che cambia rapidamente, ricostruire il patto educativo tra culture e generazioni vuol dire sviluppare le relazioni della solidarietà e della pace. Significa far fiorire le persone, che non pos­sono essere schiacciate da avidità ed egoismo. Insegnare l'umano. È la sfida da affrontare nei diversi contesti in cui si svolge la vita quotidiana. Per la libertà, la giustizia e il futuro di tutti i membri della famiglia umana. Di fronte all'odio e alle persecuzioni, ai campi di concentramento e alle guerre è necessario te­stimoniare valore spirituale e materiale dell'agire umano. Tra sistemi naturali e dispositivi tecnolo­gici, insegnare la bellezza e la fragilità dell'essere al mondo chiama in causa genitori e insegnanti, politici ed economisti. Interpella chi svolge attività educative e formative, nelle aziende o nei servizi. Possiamo custodire gli altri e salvarci attraverso il rispetto dei diritti fondamentali di ogni persona, specialmente di quelle 'invisibili', che vivono ai margini della società o ne sono scartate. A cia­scuno è chiesto di imparare a vivere e di riscoprire ogni giorno il sentimento e la dignità dell'umano. Tra ambiguità e contraddizioni, si deve essere umani per sconfiggere la raccapric­ciante e brutale disumanizzazione della civiltà.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I folli di Dio"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Mario Lancisi
Pagine: 224
Ean: 9788892219663
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Chi sono i Folli di Dio? Nella spiritualità russa, sono i portatori di una sapienza che vive nella stoltezza. Ma con questa espressione sono indicati anche gli esponenti della Chiesa cristiana nella Firenze del dopoguerra: il cardinale Elia Dalla Costa, don Giulio Facibeni, Giorgio La Pira, padre Balducci, don Milani, padre Turoldo, padre Vannucci sono alcuni dei protagonisti di quella stagione religiosa e civile. Una stagione, per tutta l'Italia, di profonde trasformazioni socioeconomiche (dalla ricostruzione al boom) , politiche (l'avvento del centrosinistra) e religiose (il Concilio Vaticano II). Ogni personaggio che si incontra in questo libro ha il proprio percorso, un'origine e un destino diversi, ma tutti sono accomunati da uno spirito "folle- che -- come ha riconosciuto di recente anche papa Francesco -- arde nel nome della giustizia, in terra ancor prima che in cielo, e della Verità divina. Mario Lancisi sceglie una scrittura in cui mescola sapientemente il racconto della storia nazionale e quello delle storie locali a curiosità, retroscena e aneddoti personali, restituendo un'immagine nitidissima della storia della Chiesa e del nostro Paese nel Novecento.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dio? In fondo a destra"
Editore: EMI Editrice Missionaria Italiana
Autore: Iacopo Scaramuzzi
Pagine: 144
Ean: 9788830724594
Prezzo: € 13.00

Descrizione:

Roma, Washington, Mosca, Budapest, Brasilia, Parigi. Unendo i puntini di questa mappa si individua il percorso che i partiti di destra stanno portando avanti: puntellare la propria prospettiva ideologica, fatta di posizioni «contro» (l'islam, i migranti, la modernità), con un uso del cristianesimo. È quello che Jean-Claude Hollerich, capo dei vescovi europei, bolla come «nazional-cattolicesimo». Un virus - non solo cattolico - che di qua e di là dell'Atlantico infetta la politica strumentalizzando la fede. In queste pagine, intessute di interviste con esperti dei vari Paesi e suffragate da autorevoli studi, Scaramuzzi ci conduce nel cuore di questa strategia: fa i nomi di chi manipola la religione, ricostruisce genealogie intellettuali, svela connessioni ideologiche. L'onda della destra si allarga anche grazie all'abuso della fede cristiana. Ma c'è chi non ci sta. E dal cuore di Roma alza la voce. Prefazione di Gad Lerner.

 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Bubble Democracy"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Damiano Palano
Pagine: 224
Ean: 9788828401124
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Protagoniste di buona parte del Novecento, a partire dagli anni Sessanta e Settanta le "masse" iniziano a perdere la loro centralità politica, insidiate da nuovo soggetto emergente, il "pubblico" formato dalla sterminata platea televisiva. Oggi i social media innescano la frammentazione del "pubblico" in una pluralità di segmenti privi di radicamento in una sfera comunicativa comune. Dopo esserci lasciati alle spalle la vecchia democrazia dei partiti, ci stiamo così allontanando anche dal modello della democrazia del pubblico. Forse ci troviamo già in una bubble democracy, un nuovo assetto in cui il "pubblico" si dissolve in una miriade di "bolle" in larga parte autoreferenziali e in cui vengono rafforzati i meccanismi di polarizzazione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le politiche del popolo"
Editore: San Paolo Edizioni
Autore: Francesco Occhetta
Pagine: 224
Ean: 9788892221437
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Dopo Ricostruiamo la politica, Francesco Occhetta approfondisce le categorie di popolo e di giustizia, di spiritualità e di comunità applicate alla politica, per offrire ai territori e alle diocesi un metodo formativo concreto, ormai collaudato con centinaia di giovani. Il cuore del volume si sviluppa su due polmoni pensati come un unico spartito diretto dal curatore: le politiche della città e le politiche dell'Europa attraverso diciannove brevi studi, affidati ad altrettanti esperti in materia che fanno parte di Comunità di Connessioni. Il lettore sarà accompagnato in un percorso tematico di ricostruzione della politica al tempo dei populismi: dai nuovi linguaggi all'urbanistica, dai beni comuni al terzo settore, dalla giustizia ai nuovi lavori nelle città. In tema europeo, si parlerà di funzionamento delle istituzioni e di riforme possibili, dalla gestione dei dati e della privacy fino alle normative di bilancio che condizionano lo sviluppo del continente. Proposte che nascono dai fondamenti della Dottrina sociale della Chiesa e da una comunità credente che da anni si riunisce per leggere spiritualmente i temi della politica, mettere in comune le singole competenze, approfondire un nuovo modello di sviluppo, ricostruir-si per ricostruire il Paese.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Abitare questo tempo"
Editore: Vivere In
Autore: Cosimo Posi
Pagine: 218
Ean: 9788872636107
Prezzo: € 15.00

Descrizione:In quali termini possono configurarsi la posizione dei credenti nella società e l'impegno dei cristiani in politica? C'è ancora posto per il Dio di Gesù Cristo ed è ancora ragionevole credere in una società fortemente secolarizzata e in gran parte indifferente al fatto religioso? C'è ancora spazio per verità assolute in un mondo nel quale tutto sembra lecito e tutto è opinabile? Sono alcune domande a cui si tenta di dare una risposta nei cinque saggi contenuti in questo volume. Scritti in occasioni diverse, essi affrontano argomenti teologico-spirituali di varia natura che, se pur eterogenei almeno in apparenza, trovano organicità nell'intento di offrire alcune essenziali coordinate interpretative con le quali abitare da credenti questo nostro tempo senza disperdersi nei meandri di un legittimo, sebbene talvolta disorientante, pluralismo di ordine culturale, etico e religioso. Nel crollo attuale di molte evidenze etiche un libro per riorientare il cammino Un libro per abitare questo tempo sbrogliando il filo della speranza Nei labirinti opachi di questo nostro tempo un libro come un piccolo segnale di luce

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Per il futuro delle democrazie"
Editore: AVE
Autore:
Pagine: 140
Ean: 9788832711899
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Quale futuro per le democrazie contemporanee? Ci troviamo certamente in un momento di svolta, non privo di incognite, alle prese con le derive dei populismi, le involuzioni prodotte dai sovranismi e i rischi crescenti di manipolazione dell'informazione. Il volume, attraverso la voce di esperti autorevoli e specificamente qualificati, intende offrire un contributo alla riflessione sulle sfide epocali che investono il nostro vivere comune e sulle trasformazioni della cultura e delle prassi democratiche, nella prospettiva di una politica "educata" e di una formazione alla cittadinanza responsabile.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Terra di conquista. Ambiente e risorse tra conflitti"
Editore:
Autore: Simoncelli Maurizio
Pagine: 160
Ean: 9788831175517
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Papa Francesco ha parlato di terza guerra mondiale a pezzi. Le tensioni internazionali nel XXI secolo infatti aumentano, mentre i cambiamenti climatici affliggono l'intero pianeta e i movimenti migratori diventano globali. Cosa sta succedendo e perché? Il libro, con un linguaggio chiaro e a volte ironico, cerca di offrire al lettore una chiave di lettura per comprendere una realtà complessa e difficile come quella contemporanea, indicando alcuni elementi geopolitici che spesso sono alla base delle tensioni e che condizionano i rapporti internazionali. Questioni e temi spesso ignorati o taciuti, che però servono per orizzontarsi in un mondo sempre più interconnesso. Dalle contese per i confini terrestri e marittimi a quelle per le risorse alimentari ed energetiche, dall'accaparramento di vaste zone nell'Africa per le monocolture alle lotte per l'acqua, l'autore ci aiuta a capire cosa sta avvenendo e perché, offrendoci uno strumento utile per definire le dinamiche del XXI secolo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I fili della memoria"
Editore: Rubbettino Editore
Autore:
Pagine: 204
Ean: 9788849862515
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Le ACLI di Roma hanno voluto attingere alla ricchezza della memoria con questo volume che ne rintraccia i fili e le risonanze, fino al presente. La memoria è un patrimonio comune che chiede di essere rivisitato e riletto, conservato e reinterpretato, perché possa alimentare la visione del futuro. Una narrazione che affonda le sue radici nelle origini, interrogando le "carte" e alcuni protagonisti di un tempo che è passato e tuttavia vivente, non solo nel ricordo, ma soprattutto nella passione. Emerge da queste pagine un ritratto delle ACLI di Roma che ci restituisce la loro specificità, in una realtà territoriale che è unica, per il valore della presenza della Chiesa universale a cui le ACLI sono legate da una storica fedeltà, per la presenza delle Istituzioni e per essere la sede della Capitale. Le ACLI romane si collocano, oggi come nel passato, al fianco delle fragilità umane, materiali e sociali, valoriali e spirituali. Una sfida che in questo volume appare nella sua antica origine ideale e nella sua attuale crucialità. La concretezza delle opere e la lungimiranza della visione sono i due tratti identitari che le ACLI di Roma consegnano, come un prezioso testimone, alle future generazioni.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Unione europea nell'era post-liberale"
Editore: Vita e Pensiero
Autore: Sonia Lucarelli
Pagine: 284
Ean: 9788834340066
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Che cos'è l'ordine internazionale liberale e perché è a rischio di estinzione? Dai suoi esordi, all'in­domani del primo dopoguerra, l'ordine liberale ha significativamente mutato trama, attori e toni della politica internazionale, mirando a creare istituzioni e norme che imbrigliassero le forze che per secoli hanno condotto le comunità politiche a farsi la guerra. Mai realizzato compiutamente, l'ordine liberale ha prodotto la più significativa rete di connessioni tra le società, giungendo a ren­dere la guerra improbabile nelle aree nelle quali si è affermato più in profondità. Un modello ambizioso che, rifiutandosi di separare lo spazio pa­cifico della democrazia liberale e quello interna­zionale degli stati vestfaliani, promette benessere diffuso, sicurezza e prospettive di progresso per i singoli individui e per i gruppi. Oggi, tuttavia, molto del liberalismo delle origini sembra essersi perduto. Al libero mercato si sono sostituiti oligo­poli globali, alla centralità dell'individuo la politica dell'identità che ipostatizza l'appartenenza di gruppo; alla promessa di benessere per tutti sono subentrate crescenti ineguaglianze. Promesse mancate del liberalismo che lo hanno delegittimato, originando manifestazioni antagoniste che sosti­tuiscono la fiducia nel progresso con lo scettici­smo nei confronti delle forze che lo rendono pos­sibile (la scienza, la tecnica, il sapere). Gli effetti sono evidenti sia internamente alle democrazie liberali sia a livello internazionale. Il volume analizza le fondamenta, l'evoluzione e la crisi dell'ordine liberale, sottolineando le sfide rappresentate dalle ricette neoliberiste all'economia globale, dalla rivoluzione digitale e dalla necessità di combinare sicurezza e diritti, riven­dicazioni particolaristiche e vocazione univer­salista. L'elezione di Donald Trump, la Brexit, il populismo sovranista, la crisi del multilaterali­smo, l'euroscetticismo vengono interpretati nel quadro complessivo di un ordine vittima delle proprie mancate promesse. Il risultato è un qua­dro complesso e articolato, nel quale processi di natura tecnologica, sociale, politica ed econo­mica si intrecciano, a livello globale, regionale e nazionale. L'esito finale induce più di una preoc­cupazione per le sorti dell'ordine internazionale fondato sul diritto, delle istituzioni nazionali ba­sate sulla democrazia liberale e dei processi di integrazione politica come l'Unione europea. Le sfide sono tali per cui non basterà la capacità di resistere, ma occorrerà quella di adattarsi e tra­sformarsi. Solo così il sipario sull'ordine liberale potrà restare aperto.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Intorno a Peppino. Tempo, idee, testimonianze su Peppino Impastato"
Editore: Di Girolamo
Autore: Salvo Vitale
Pagine: 208
Ean: 9788897050575
Prezzo: € 18.00

Descrizione:Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di Cinisi nel 1978, non era un "eroe solitario" in lotta contro le cosche: era un militante politico dell'estrema sinistra che aveva coagulato intorno a sé, nella Cinisi del capomafia Tano Badalamenti, un gruppo di giovani e di collaboratori che, in tempi e modi diversi, lo hanno affiancato sino alle ultime ore di vita, continuando dopo la battaglia per riabilitarne la memoria, contro il depistaggio delle indagini. Salvo Vitale, che ha condiviso il percorso politico e culturale di Peppino, ha raccolto, inquadrandoli nel loro momento storico, ricordi e testimonianze di alcuni compagni, ai quali la vicenda umana e politica del militante siciliano dell'Antimafia ha lasciato un segno indelebile.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "USA 2020. Tracce storico-politiche & istituzionali."
Editore: Ares Edizioni
Autore: Mauro Della Porta Raffo
Pagine: 472
Ean: 9788881559183
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Davvero il 3 novembre 2020 sarà eletto il Presidente degli Stati Uniti d'America? Ovviamente no. In quella data verranno votati i Grandi Elettori che il 14 del seguente dicembre effettivamente eleggeranno il Capo dello Stato USA. Ciò considerato, gli States sono la massima rappresentazione della democrazia? Un Paese nel quale i cittadini non votano direttamente per il loro Presidente ma delegano altri a farlo, lo è? È veramente il Capo dello Stato USA la persona più potente al mondo? Gerald Ford non lo pensava e ha detto che «l'unica cosa che può decidere da solo è quando andare al gabinetto!». Ma perché nel 2020 si vota il 3 novembre? E perché il Presidente verrà invece eletto il successivo 14 dicembre?

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'Europa senza ebrei. L'antisemitismo e il tradimento dell'Occidente"
Editore: Lindau Edizioni
Autore: Giulio Meotti
Pagine: 180
Ean: 9788833531014
Prezzo: € 16.00

Descrizione:Ebrei uccisi o costretti a lasciare la Francia, zone in cui non sono «graditi» in Germania, simboli ebraici che scompaiono in Olanda e in Belgio, bombe molotov contro le scuole ebraiche in Svezia... È la triste realtà di un antisemitismo che è tornato a infuriare, frutto dell'islamizzazione e di altri estremismi nati dall'odio che serpeggia nel Vecchio Continente. Gli ebrei hanno ancora un futuro in quell'Europa che tanto deve loro, ma che fu anche teatro della Shoah? Giulio Meotti ha cercato di rispondere a questo interrogativo realizzando un'inchiesta in cui alla cronaca si affiancano interviste esclusive allo storico Georges Bensoussan, al fondatore dell'Ufficio di vigilanza contro l'antisemitismo di Parigi Sammy Ghozlan, allo scrittore olandese Leon de Winter, al sociologo Danny Trom, al semiologo Ugo Volli, all'attivista svedese Annika Hernroth-Rothstein, alla studiosa tedesca Elvira Groezinger e altri. Una cosa è certa: senza gli ebrei, l'Europa che conosciamo sarà finita.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il riformismo comunitario"
Editore:
Autore: Stefano Lepri
Pagine: 80
Ean: 9788869295256
Prezzo: € 7.00

Descrizione:Il riformismo in politica non può essere ricondotto solo al classico schema liberal-laburista, perché si rischia di ridurre il cittadino a mero lavoratore, consumatore, elettore e utente. Serve anche una visione capace di valorizzare la persona entro la famiglia, le reti parentali e di vicinato, i corpi intermedi, le varie forme associative, mutualistiche e cooperative, il sindacato, i servizi pubblici locali, le piccole imprese locali e quelle partecipate e responsabili, il civismo, il municipalismo. Solo così si possono battere le sirene del consumismo, del populismo e del sovranismo. In sintesi, possiamo definire questa cultura politica come il riformismo comunitario.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La terza via italiana"
Editore: Castelvecchi
Autore: Francesco Carlesi
Pagine:
Ean: 9788832821987
Prezzo: € 29.00

Descrizione:Il corporativismo fascista fu il tentativo di edificare una Terza Via italiana che andasse oltre comunismo e liberalismo, nel segno della collaborazione di classe e del primato della nazione. Nonostante le difficoltà nel dare vita a nuove strutture socioeconomiche, i teorici corporativi dialogarono a livello internazionale con economisti dei più diversi indirizzi di pensiero, nella stagione di più intenso ripensamento dei modelli economici liberali e del sistema capitalista dopo la crisi del ’29. Il corporativismo animò lo spirito antiborghese della “sinistra fascista” fino alla socializzazione delle imprese della Rsi, emergendo come “insubordinazione fondante” del nostro Paese di fronte all’egemonia anglosassone. Questo fuoco non si spense totalmente con la fine della guerra: il Codice civile e strutture come l’Iri, l’Inps, l’Agip furono pilastri importanti nel dopoguerra per le fortune della nazione. Alcuni fermenti accostabili in parte alla “terza via” animarono sia alcuni padri costituenti che diverse esperienze industriali, come l’Olivetti, fino agli anni Novanta, quando la globalizzazione e il dominio dei mercati hanno cominciato a mettere in crisi l’Italia e il suo modello sociale.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Filosofia del disprezzo"
Editore: Tau Editrice
Autore: Settimio Luciano
Pagine: 194
Ean: 9788862448253
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Il disprezzo sembra avvolgere le relazioni della nostra società dove si esperiscono forme di rifiuto, emarginazione e sintomi gravi di razzismo che conducono a chiusura e inumanità. È possibile far crescere un atteggiamento differente rispetto a questo? Qui si desidera prospettare una sorta di viaggio nel disprezzo per orientarsi verso gli altri e incontrarli senza alcun senso di rifiuto, per scardinare forme di chiusura che lasciano spazio solo alla paura e avviliscono ciò che ogni persona da sempre cerca: la bellezza immensa dell'amore radicata nel rispetto personale e dei diritti umani.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il Dio denaro. Una storia teologico-politica della moneta"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore:
Pagine: 288
Ean: 9788837233259
Prezzo: € 26.00

Descrizione:Il Dio Denaro. Una storia teologico-politica della moneta TABLE OF CONTENTS M. NICOLETTI - P. EVANGELISTI, Introduzione G.L. PRATO, Denaro sacro nell'Antico Testamento. Le componenti filologiche, culturali e teologiche di un'attribuzione non accessoria P. RADICI COLACE, Il denaro da invenzione pericolosa a strumento di salvezza. Tra età greca e prima età cristiana A. D'OTTONE RAMBACH, Fonti per la storia del pensiero economico arabo-islamico medievale e post-medievale P. EVANGELISTI, La forma della majestas. Governo della moneta e potere della comunità nella teologia monetaria di Oresme W. DRUWÉ, Monetary Fluctuations and Credit in Netherlandish Early Modern Learned Legal Practice W. DECOCK, Il De monetae mutatione di Juan de Mariana (1609) e la questione costituzionale sollevata contro la svalutazione monetaria D. CAREY, Locke, Money, and Religious Enthusiasm A M. CARABELLI - M.A. CEDRINI, J.M. Keynes e la critica al capitalismo. Moneta e religione M.G. TURRI, La moneta come riserva di valore. A ogni funzione la sua ontologia e la sua metafisica A. GIGLIOBIANCO, Ferdinando Galiani e il denaro

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La patria europea"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Forte Bruno
Pagine: 48
Ean: 9788837232597
Prezzo: € 7.00

Descrizione:Parlare di "patria europea" è stato il sogno dei Padri fondatori che ha portato all'attuale Unione, ispirato al motto "unita nella diversità". Con questa espressione si voleva indicare come, attraverso l'Unione Europea, i cittadini di essa fossero riusciti a operare a favore della pace e della comune prosperità, mantenendo al tempo stesso integro il patrimonio delle diverse culture, tradizioni e lingue del continente. Risvegliare il fascino di questo programma, sentirsi parte di una "patria europea", al di là di una riduzione solo economica e mercantile dell'idea di Europa, è mèta verso cui tendere sempre di nuovo, superando localismi esasperati, nazionalismi datati e chiusure mentali e sociali dannose per tutti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU