Articoli religiosi

Libri - Storia Della Filosofia Occidentale



Titolo: "De interpretatione"
Editore: Morcelliana Edizioni
Autore: Aristotele
Pagine: 144
Ean: 9788828403012
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Il De interpretatione - collocato al secondo posto all'interno dell'Organon, dopo le Categorie - è il trattato dove Aristotele si sofferma sulla proposizione, quel discorso di cui si può dire che è vero o falso. L'Introduzione e il commento di Dario Antiseri mostrano come le analisi aristoteliche del nome, del verbo, delle negazioni e delle affermazioni, della opposizione tra le proposizioni e della loro declinazione al futuro (il tema tanto dibattuto dei "futuri contingenti") sollevino problemi al centro della logica e della filosofia contemporanee. Una guida alla lettura di un classico che è insieme un invito al rigore del pensiero.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Le visionarie"
Editore: Feltrinelli
Autore: Wolfram Eilenberger
Pagine: 352
Ean: 9788807492983
Prezzo: € 22.00

Descrizione:È il decennio più buio del Novecento. Tra il 1933 e il 1943 finisce precipitosamente il secolo d'oro della modernità europea e comincia il capitolo più nero della nostra storia, che trascina nel baratro tutto l'Occidente. La Grande depressione schiaccia le democrazie. La paura e la povertà innescano il desiderio di leader forti. In Germania Hitler prende facilmente il potere e fa sprofondare il mondo in un'altra guerra. Le spire del totalitarismo penetrano nella vita quotidiana. Nessuno può fuggire. Non esistono alternative all'oppressione, all'esilio o alla resa. Per la libertà non c'è più spazio. Nel momento più lugubre della tempesta, quando ogni speranza sembra vana, quattro filosofe, ognuna con una voce unica e folgorante, gettano le fondamenta intellettuali per una nuova società libera. Hannah Arendt, Simone de Beauvoir, Ayn Rand e Simone Weil nella catastrofe coltivano le loro idee rivoluzionarie: sul rapporto tra individuo e società, tra donna e uomo, sesso e genere, libertà e totalitarismo. Le loro vite avventurose le muovono dalla Leningrado di Stalin a Hollywood, dalla Berlino di Hitler e dalla Parigi occupata a New York; ma soprattutto le portano a pensare idee che non erano mai state pensate prima, senza le quali il nostro presente sarebbe diverso da come lo conosciamo. Ciascuna delle loro esistenze - da fuggitive, attiviste, combattenti della Resistenza - è una filosofia vissuta e una testimonianza potentissima del potere liberatorio del pensiero. Ancora oggi la loro opera è un esempio della salvezza che la filosofia può donare in tempi oscuri. Quattro grandi icone che insegnano cosa significa vivere per la libertà. Simone de Beauvoir, Hannah Arendt, Simone Weil e Ayn Rand: nelle furie e negli orrori del nazismo e della guerra quattro grandi visionarie, esuli e ribelli, militanti e geniali, inventano le radici di una società giusta. Un racconto sulla conquista della libertà, quando sembrava che fosse perduta per sempre.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Gens genti lupa"
Editore: Rubbettino Editore
Autore: Davide Ragnolini
Pagine: 468
Ean: 9788849866841
Prezzo: € 25.00

Descrizione:Il libro si propone di presentare la figura di Thomas Hobbes (1588-1679) come filosofo delle relazioni internazionali. Il lavoro è suddiviso in tre parti, che procedono retrospettivamente dal neo-hobbesismo odierno fino al contesto storico-politico di Hobbes nel XVII secolo. La prima affronta le diverse ricezioni dell'hobbesismo nella teoria delle Relazioni Internazionali del XX secolo e nelle storie del diritto internazionale del XIX e XVIII secolo. La seconda parte presenta al lettore le prospettive di politica estera di Hobbes nel contesto storico-biografico della sua formazione intellettuale. Nella terza parte, infine, sono indagati alcuni concetti-chiave del pensiero internazionalistico del filosofo inglese, che hanno ricevuto minore attenzione nell'ambito degli studi hobbesiani.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Miseria e dignità dell'uomo nel pensiero di Marsilio Ficino"
Editore:
Autore: Melisi Roberto
Pagine: 500
Ean: 9788831115582
Prezzo: € 42.00

Descrizione:Nel ripensare il posto proprio dell'uomo nell'universo creato, gli umanisti hanno proposto una innovativa lettura dei concetti di miseria e dignitas hominis, inaugurando un'inedita riflessione antropologica centrata sulla convergenza tra ideali classici, coscienza del «rifiuto del mondo» e dottrina della creazione dell'uomo ad imaginem Dei. Le opere di Marsilio Ficino (1433-1499) offrono un contributo prezioso ed efficace a questo dibattito, fondando una nuova concezione dell'humanitas come realizzazione dello scopo ultimo dell'essere umano nell'esercizio delle sue facoltà conoscitive.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dal Mezzogiorno all'Europa"
Editore: Rubbettino Editore
Autore:
Pagine: 136
Ean: 9788849868678
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Quale fu il rapporto di Benedetto Croce con la cultura scientifica del suo tempo? Quale la sua relazione di letterato e filosofo con un corregionale, economista, del calibro di Raffaele Mattioli? E, infine, oltre i protagonisti della Storia d'Italia, come si può riconsiderare l'annosa questione del Mezzogiorno in una prospettiva che tenga in debita considerazione il tema dello sviluppo nell'ambito dell'attuale realtà Europea? A questi e ad altri interrogativi cerca di rispondere il presente volume, che raccoglie i contributi di tre distinti convegni promossi dal Premio nazionale di cultura Benedetto Croce tra il 2018 e 2020, ma che si muove nel senso di un'unica traiettoria: suscitare nuove riflessioni sul pensiero e l'azione dei protagonisti del passato per interpretare lo scenario culturale, politico e sociale dello Stato unitario italiano dalle origini fino ad una dimensione compiutamente europea.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La tradizione filosofica italiana. Quattro paradigmi interpretativi"
Editore: Quodlibet
Autore: Claverini Corrado
Pagine: 215
Ean: 9788822906366
Prezzo: € 20.00

Descrizione:La filosofia italiana è viva e vegeta. A testimoniarlo è il successo internazionale di cui gode ciò che è stato definito Italian Thought. Ma che cosa rende il pensiero italiano così apprezzato e studiato all'estero? Vi è qualcosa che accomuna, pur nella loro differenza tematica, i protagonisti della filosofia italiana e che permette di individuare un fil rouge - da Dante a Vico, da Machiavelli a Gramsci -, senza che per questo si debba parlare di una tradizione nazionale unitaria? E che cosa vuol dire ripensare tale tradizione? È possibile farlo in modo non descrittivo-ricostruttivo? Ossia in modo tale da evitare quell'approccio "museale" volto solo a conservarne il glorioso passato, adottando invece un'altra prospettiva tesa a ripensarla, rivitalizzarla e renderla operativa nell'attualità? L'obiettivo del presente saggio è quello di rispondere ai suddetti interrogativi, mostrando come alcuni dei principali interpreti del pensiero italiano - da Spaventa a Gentile fino a Garin e Esposito - si rivolgano al patrimonio filosofico che ci precede individuando le caratteristiche distintive della tradizione nazionale con l'intento di renderle operanti e funzionali al proprio tempo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Filosofia della caccia"
Editore: Oaks Editrice
Autore: Ortega y Gasset José
Pagine: 120
Ean: 9791280190048
Prezzo: € 12.00

Descrizione:In tempi di veganesimo integrale e di ecologia addomesticata dalle multinazionali, questo saggio ricorda come la caccia possa essere il modo più sincero per essere vicini alla Natura. Prefazione di Marco Cimmino.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La soglia dell'essere. Tre tappe nel pensiero di Martin Heidegger"
Editore: Il Prato
Autore: Dissegna Giovanni
Pagine: 240
Ean: 9788863365504
Prezzo: € 15.00

Descrizione:Il testo guida attraverso tre concetti chiave del pensiero heideggeriano (l'inizio, la ragione e il fondamento) analizzati secondo il tema portante della "soglia": questa, infatti, rappresenta una dimensione decisiva per comprendere come l'interpretazione di tali concetti (ma, in generale, dell'intera filosofia heideggeriana) possa avvenire proprio in una condizione liminale, di confine. Lo stesso sguardo che Heidegger getta sulla storia del pensiero identifica l'Occidente come fermo in una condizione di "soglia", di "linea", entro un assetto globale che si presenta come insuperabile, ma che, paradossalmente, presenta esso stesso la possibilità del suo superamento. Il tema della soglia costituisce il filo rosso di queste tappe: la dimensione spesso fraintesa come escatologica, mistica o sciamanica del pensiero di Heidegger si riassume piuttosto con i tratti dello scorcio, dello sguardo che può esserci solo perché, abitando la contemporaneità, si pone in relazione con il mondo delle "ultime cose", con ciò che è finale e, in virtù di questo rapporto con ciò che è terminale, consente di cogliere il mondo come libertà. Prefazione di Simona Venezia.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Discipline filosofiche. Ediz. italiana, tedesca, francese e inglese (2021)"
Editore: Quodlibet
Autore:
Pagine: 242
Ean: 9788822907080
Prezzo: € 20.00

Descrizione:In questo numero: Michela Summa, Karl Mertens, Introduction. Exemplarity: A Pattern of Thought for Aesthetic Cognition; Eva Schürmann, Die Verwirklichung des Allgemeinen im Konkreten. Über Kunst als Exemplifikation; Annapaola Varaschin, La normatività esemplare nell'estetica di Kant; Serena Feloj, Ästhetische Exemplarität und die Normativität des Geschmacks bei Kant; David Espinet, Lernen von der Kunst. Exemplarische Autonomie und praktische Einbildungskraft bei Kant; Elena Tavani, Exemplarity and Time: In the Wake of a (Kantian) Rule-in-Becoming; Dario Cecchi, L'arte della politica come performativo esemplare. Rileggendo le lezioni di Arendt sul giudizio estetico; Nicolas de Warren, Philosophical Ornamentation. The Exemplification of Ernst Bloch's Spirit of Utopia in an Old Pitcher; Mirjam Schaub, Lucretia in the Writings of Augustine and Leibniz. A Complicated Philosophical Case Study that never Wished to Serve as an Example; Elisa Caldarola, Exemplification, Knowledge, and Education of the Emotions through Conceptual Art; Enza Maria Macaluso, La forma vivente come modello per l'esemplarità dell'immagine; Alfonso Di Prospero, Esperienza estetica, giustizia e inferenza induttiva.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Magia e tecnica. La ricostruzione della realtà"
Editore:
Autore: Campagna Federico
Pagine: 337
Ean: 9788831498333
Prezzo: € 18.00

Descrizione:La realtà è mutevole: credere è un atto di creazione che continuamente dà forma all'universo e ne modifica il significato. In "Magia e tecnica", Federico Campagna compie un viaggio alla ricerca del principio di realtà che crea il mondo in cui viviamo: se la Tecnica, vero paradigma della contemporaneità, impone una realtà opprimente responsabile di una paralisi dell'azione e dell'immaginazione, la Magia si pone invece alla base di un nuovo e allo stesso tempo antico modo di pensare il reale e le sue infinite possibilità. Mentre la Tecnica incarna il principio del "linguaggio assoluto" orientando ogni possibilità verso l'infinita accumulazione di tutto ciò che esiste, la Magia, situando l'"ineffabile" al cuore di ogni esistente, garantisce una via di fuga che permette alla realtà di ritrovare la sua potenza vivificante. In un viaggio che va dall'Oriente all'Occidente, grazie all'opera di autori come Martin Heidegger e Mulla Sandra, Max Stirner e Ibn Arabi, passando per la poesia di Pessoa e la tradizione dell'Advaita Vedanta, Campagna dà vita ad un lavoro filosofico dalle grandi conseguenze politiche e sociali.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' alterità della carne. Il tema del corpo nel pensiero di Paul Ricoeur"
Editore: Quodlibet
Autore: Galanti Grollo Sebastiano
Pagine: 224
Ean: 9788822907042
Prezzo: € 22.00

Descrizione:Il volume intende approfondire il tema del corpo nella filosofia di Paul Ricoeur, una problematica che ha assunto notevole rilevanza nel dibattito fenomenologico contemporaneo. La riflessione ricoeuriana, nei suoi diversi ambiti d'indagine, è stata oggetto di ampie analisi, ma non è stata ancora adeguatamente valorizzata la sua rivisitazione della corporeità, sviluppata soprattutto in Le volontaire et l'involontaire (195o) e in Soi-même connne un autre (1990). La tematica del «corpo proprio» o della «carne» (chair) è connessa anzitutto alla figura del cogito «lacerato», che è al centro di Le volontaire et l'involontaire. Già in quest'opera, nell'ambito di un'«eidetica» fenomenologica della volontà, Ricoeur considera il cóte della passività del soggetto nei termini dell'involontario del corpo. In tale contesto egli pone l'accento sul soggetto incarnato, al quale peraltro la tradizione fenomenologica non ha mai smesso di rivolgersi. Il tema del corpo affiora nuovamente in Soi-même comete un nutre, dove Ricoeur, delineando i contorni dell'« uomo agente e sofferente», propone un'ampia e articolata «ermeneutica del sé», che si rivolge esplicitamente alla relazione tra ipseità e alterità, in cui la carne costituisce per l'appunto una delle forme dell'alterità. L'originalità della riflessione ricoeuriana, che si sviluppa in un dialogo serrato con la fenomenologia di Husserl, consiste nel pensare il corpo nell'ambito di una filosofia dell'azione e non in quello di una filosofia della percezione. Tale approccio è al centro dell'attuale ricerca filosofica, il che testimonia la fecondità delle analisi ricoeuriane.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Scritti di estetica"
Editore: Abscondita
Autore: Hölderlin Friedrich
Pagine: 208
Ean: 9788884167880
Prezzo: € 23.00

Descrizione:Profondamente partecipe dello spirito del suo tempo, Hölderlin sperimenta che l'elemento di «inconciliabilità» della filosofia «alla fine nuovamente confluisce nelle misteriose fonti della poesia», come si legge nel romanzo «Iperione», e che dunque l'originaria e sempre rinnovantesi unità della natura sopravanza quella della coscienza. Ciò che più di tutto lo affascina è il ritmo armonico del vivente, che procede per opposizioni e unificazioni irrisolte. Divenire consapevole di questa alternanza, farla propria, tradurla in linguaggio metaforico è compito del poeta, il cui impulso creatore percorre una traiettoria eccentrica, in cui si alternano momenti di estrema naturalità a momenti di massima idealità. Ma affinché il vivente possa compiutamente manifestarsi nella poesia, è necessario il pensiero filosofico, che può scoprire e isolare quelle leggi calcolabili a cui il poeta deve piegarsi con libera scelta. In questa intima connessione tra poesia e filosofia va ricercata l'originalità del grandioso progetto di Hölderlin, che viene progressivamente costruendosi dalle prime riflessioni giovanili, suscitate dalla lettura dei classici greci, agli anni della ricerca di una propria autonomia teoretica, nel confronto con il pensiero idealista, alle produzioni più propriamente filosofiche dell'epoca di Homburg, incentrate sulla teoria dei generi artistici, fino alle ultime, sconvolgenti trattazioni sul tragico, parallele alla sua opera di traduzione di Eschilo e Sofocle.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L' attesa"
Editore: Luca Sossella Editore
Autore: Bompiani Ginevra
Pagine: 109
Ean: 9788832231526
Prezzo: € 12.00

Descrizione:"Noi aspettiamo questo e siamo sorpresi da quello" scriveva Wittgenstein nelle Ricerche filosofiche. La comune esperienza dell'attesa ci rivela sempre questo scarto fra quel che aspettiamo e quanto ci accade che interromperà la nostra attesa, fra l'atteso e colui che arriva, l'ospite reale che si presenta alla porta. Quattro sono i punti cardinali del libro: l'attesa incompiuta, l'attesa e la noia, l'attesa della morte e del miracolo, il riconoscimento. Che cosa si produce in questo scarto - che è anche scarto tra ciò che appartiene all'immaginario e al linguaggio e ciò che appartiene all'evento, al reale? L'inutilità di attendere, la nostra impotenza di fronte al nuovo? Oppure la possibilità di fare esperienza del mondo? La ricerca di Ginevra Bompiani riscritta e riproposta dopo 33 anni (prima edizione Feltrinelli, 1988) è la rappresentazione di quanto l'attesa sia sempre in gioco.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Dalla mia vita. Gli anni della giovinezza 1844-1858"
Editore: Il Nuovo Melangolo
Autore: Nietzsche Friedrich
Pagine: 172
Ean: 9788869832956
Prezzo: € 10.00

Descrizione:Dalla mia vita è la prima autobiografia di Nietzsche. Scritta nell'estate del 1858, vi si trova il racconto coinvolgente ed appassionato dei primi tredici anni di vita del filosofo. Il testo, contenuto in un quaderno di 137 pagine, ricostruisce gli anni di Röcken, la morte del padre, il trasferimento a Naumburg, le prime esperienze scolastiche, l'incontro con i classici, le passeggiate con gli inseparabili amici Krug e Pinder, con i quali compone musica, poesie, brevi opere teatrali (messe poi in scena con i familiari) e manuali di guerra a seguito dell'interesse per gli eventi di Crimea. Quest'opera va letta come il riflesso di un mondo culturale, sociale e religioso colto con gli occhi di un giovane eccezionalmente sensibile, solitario, chiuso ed introspettivo. E questo sguardo è estremamente importante perché sarà proprio in lotta contro questo mondo che questo giovane diverrà Friedrich Nietzsche.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Capriole. La «folie Baudelaire», tra soggetto e immagine"
Editore: Mimesis
Autore: Pagliarulo Alessio
Pagine: 152
Ean: 9788857569420
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Bisogna imparare a masticare, solo così si può ridar vita. Anche a Baudelaire. E questo scritto è innanzitutto un tentativo di critica artistica. Non resta che combattere, senza nemici. Non resta che andare. Tutto è là. Qui si odono le corrispondenze, a una profondità ove è l'indescrivibile della vita a far le regole. Superamento delle dualità, delle dialettiche, del risentimento. Caducità dell'infinito, o meglio, infinito della caducità. Vertigine, "silencio", choc. Capriole.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Psicologia di Dante"
Editore: Mimesis
Autore: Simmel Georg
Pagine: 180
Ean: 9788857576985
Prezzo: € 14.00

Descrizione:Il saggio Dantes Psychologie (Psicologia di Dante) pubblicato da Georg Simmel nel 1884, a pochi anni dalla laurea, non è l'ennesima speculazione filosofica tra le innumerevoli e prestigiose già esistenti sul sommo poeta; piuttosto porta alla luce questioni fondative tracciate nel percorso storico da Dante e che il giovane filosofo berlinese rileva dal sommerso. Da qui, la necessità di concentrarsi su un "ritratto" epocale creato ad arte da Simmel avvantaggiandosi delle parole di Dante e, soprattutto, ripercorrendo tutti i suoi capolavori. Il "viaggio", che si distingue in due sentieri, conduce - lungo il cammino esistenziale dell'uomo tra morte e rinascita vissuto dallo stesso Alighieri - alla meta finale della "conoscenza", passando per l'amore terreno e il divino nel desiderio di un "governo mondiale" e di una "lingua" unica. Simmel evidenzia le contraddizioni presenti nell'"Io" di Dante, consapevole sin da subito di aver rivolto lo sguardo a un "genio" che "è l'espressione più perfetta dello Spirito del tempo". Simmel raggiunge gli abissi di Dante e scandaglia con acume i meandri della sua anima servendosi delle "armi affilate" della filosofia e della psicologia della storia.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un' identità minore. Percorsi sull'abitudine fra letteratura e filosofia"
Editore: Vita e Pensiero
Autore: Bellini Federico
Pagine: 168
Ean: 9788834344965
Prezzo: € 17.00

Descrizione:In un originale dialogo fra i capolavori della modernità e le filosofie novecentesche, Federico Bellini ricompone un discorso unitario che vede nel concetto di abitudine un elemento cruciale della nostra identità di uomini. Ecco che Bergson e lo spiritualismo francese gettano luce sulle rappresentazioni della routine in Proust e Beckett; The Way of all Flesh di Butler è letto quale riflesso letterario delle eterodosse teorie lamarckiane dell'autore; la nozione di habitus di Bourdieu offre una chiave di lettura de Il deserto dei Tartari di Buzzati; la rappresentazione della dipendenza ne La coscienza di Zeno di Svevo converge con il tardo pensiero di Freud; la poetica dell'OuLiPo e l'opera di Perec anticipano le teorie dell'antropologia filosofica dell'esercizio di Sloterdijk. La costellazione così composta disegna uno sforzo trasversale di ripensare l'esperienza umana sotto il segno di un'identità minore, spogliata di ogni pretesa autarchica ma non per questo polverizzata o liquefatta.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il passaggio al trascendente. Dialogando con atei e credenti"
Editore: ETS
Autore: Mariani Adriano
Pagine: 216
Ean: 9788846760272
Prezzo: € 23.00

Descrizione:Il titolo di questo scritto, Il passaggio al trascendente, è una citazione dai Quaderni (IV) di Simone Weil: "Il passaggio al trascendente avviene quando le facoltà umane - intelligenza, volontà, amore umano - cozzano contro un limite, e l'essere umano resta sulla soglia, [...] teso nell'attesa". Nell'attesa, cioè, che il senso del Tutto si sveli. Ciò che qui si propone al lettore è un percorso che, attraverso il confronto con chi si dichiara ateo e con chi ha fede in Dio, porta, per così dire, ad un crinale da cui si intravede un luogo, fuori dallo spazio e dal tempo, rispetto al quale, sia le concezioni laiche della realtà, che le dottrine religiose, appaiono inadeguate e mancanti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Filosofia spagnola. L'età d'argento"
Editore: Mimesis
Autore: Savignano Armando
Pagine: 210
Ean: 9788857574776
Prezzo: € 18.00

Descrizione:In questi saggi si esamina il contributo di alcuni filosofi al pensiero spagnolo del XX secolo. In particolare, si ricostruisce la filosofia poetica di Miguel de Unamuno e la sua concezione della filosofia della religione alla luce della celebre teoria del sentimento tragico della vita e dell'ansia di immortalità. La teoria della ragion vitale e storica rappresenta il nucleo originale della filosofia di José Ortega y Gasset e della "Scuola di Madrid", alla quale si richiamano, tra gli altri, nonostante appartenessero a generazioni distinte, Xavier Zubiri, Julián Marías e María Zambrano. Zubiri ha delineato una concezione originale del realismo sulla base della teoria dell'intelligenza senziente, con particolare riferimento alla dimensione storica e teologale dell'uomo. La teoria della ragione poetica di Zambrano rappresenta invece un contributo peculiare al superamento dell'intellettualismo, in nome di una ragione più ampia e integrale che non disdegna orizzonti etico-politici. La mappa del mondo personale delineata da J. Marías e sorretta dal pensiero del maestro Ortega costituisce un approccio originale nel contesto delle diverse concezioni del personalismo. Con Ignacio Ellacuría, discepolo di Zubiri, la filosofia della realtà storica non è solo un metodo per indagare i segni dei tempi, ma diviene anche un ineludibile supporto per intervenire nelle situazioni di ingiustizia e disuguaglianza in virtù della filosofia e teologia della liberazione.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Che ne sarà dei corpi? Spinoza e i misteri della cognizione incarnata"
Editore: Il Mulino
Autore:
Pagine: 368
Ean: 9788815292476
Prezzo: € 32.00

Descrizione:Nella società e nella medicina «dei consumi» i corpi sono ormai oggetti da ammirare o mortificare, curare o castigare, e tuttavia essi custodiscono il segreto della cognizione incarnata. Parlare del corpo per spiegare la mente: è ciò che fa questo libro, nell'intento di dimostrare che è il corpo a determinare le diverse qualità dell'intelligenza delle specie. Le scienze cognitive mostrano che ogni comportamento intelligente degli animali umani e non umani nasce da capacità specifiche dei loro corpi, e che la conoscenza di questi ultimi e delle loro interazioni può spiegare qualunque presunto mistero, come quelli della coscienza, dei pensieri, dei sentimenti e del ruolo delle emozioni. Il primo riferimento scelto dall'autore è il pensiero naturalistico di Baruch Spinoza, le cui sorprendenti idee vengono poste a confronto con quelle attuali dell'Embodied Cognition, e messe alla prova nell'affascinante campo delle patologie del sé corporeo.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Nova theoretica. Manifesto per una nuova filosofia"
Editore: Castelvecchi
Autore:
Pagine: 226
Ean: 9788832903300
Prezzo: € 20.00

Descrizione:Con i contributi di Massimo Adinolfi, Massimo Donà, Federico Leoni, Carmelo Meazza, Marco Moschini, Gaetano Rametta, Rocco Ronchi. "Nova Theoretica" è il risultato di una ricerca autonoma e libera condotta da sette filosofi italiani. Un lavoro portato avanti da alcuni anni con il proposito di tracciare i lineamenti di un nuovo approccio filosofico che segni una discontinuità con il recente passato e disegni un possibile inizio. La filosofia delle nostre università è stanca, troppo spesso ripiegata su se stessa, quasi rassegnata alla sua marginalità. Per questo si è pensato di cominciare con la proposta di un lemmario chiedendo ai sette interpreti di questo percorso teoretico di impegnarsi in prima persona, come autori, su di una parola che fosse ai loro occhi feconda di futuro speculativo. Non una enciclopedia, dunque, e nemmeno un'opera di divulgazione, ma un manifesto filosofico scandito da parole chiave che possano anche funzionare come parole d'ordine. Una proposta di rinnovamento dei modi del pensare che si rivolge a tutti coloro che ritengono che la filosofia resti l'ambito privilegiato nel quale devono essere posti i grandi problemi del nostro tempo, quale che sia la loro origine e il loro dominio disciplinare.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Illustri fantasmi nel castello di Tocqueville"
Editore: Castelvecchi
Autore: Bevilacqua Piero
Pagine: 76
Ean: 9788832903959
Prezzo: € 10.00

Descrizione:In una piovosa giornata del gennaio 2021, nel castello di Tocqueville si radunano per una breve rimpatriata alcuni grandi spiriti della modernità. Oltre al padrone di casa, siedono in salotto Marx, Lenin, Edmund Burke, Milton Friedman, Rosa Luxemburg, Nietzsche e Gramsci. A dispetto della loro condizione di trapassati, gli ospiti non solo conservano intatta l'eredità del loro pensiero, ma sono informatissimi sul presente, su cui intervengono con l'asprezza e la passione dei vivi. E pochi grandi nodi della modernità sfuggono al loro argomentare: la lunga decadenza dell'Italia, il capitalismo americano e la democrazia, le religioni nel mondo contemporaneo, lo sfruttamento coloniale e il razzismo, la libertà e il mercato, la Rivoluzione d'Ottobre e il crollo del mondo sovietico, la frantumazione individualistica delle società, il nichilismo di massa, la scomparsa della verità dalla discussione pubblica, le minacce che il riscaldamento climatico e la predazione delle risorse proiettano sul futuro prossimo. La condivisa consapevolezza dello stretto sentiero su cui gli uomini si sono irresponsabilmente incamminati li porta a cercare una possibile via d'uscita imposta dalla necessità della salvezza.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il sesso di Dio. Proclo e il simbolo dell'androgino"
Editore: Mimesis
Autore: Colizzi Paolo
Pagine: 280
Ean: 9788857576909
Prezzo: € 24.00

Descrizione:Lo scopo del presente lavoro è percorrere sistematicamente, attraverso il mito dell'androgino, l'architettura del pensiero di Proclo: ciò che ci proponiamo è dimostrarne la funzione apicale nel contesto della sua ricerca teologica, nonché metterne in luce il costituirsi come chiave ermeneutica privilegiata per affrontare l'articolazione procliana del reale. Simbolo par excellance, l'androgino ha da sempre entusiasmato la fantasia mitica. Né semplice maschio, né semplice femmina: piuttosto, la loro archetipica Origine, che, da un lato, permane nella sua assoluta differenza da coloro che normalmente chiamiamo "uomini" e, dall'altro, è parimenti in essi tutti immanente, costituendosi come il motore fondamentale che attivamente, per mezzo della tensione erotica, li muove al tentativo di restaurare la loro unica protologica natura. Questi i tratti essenziali del mito dell'androgino che ci permetteranno di camminare lungo gli itinerari della riflessione procliana. Prefazione di Giuseppe Girgenti.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Perché gli enti non sono eterni. Confutazione delle tesi di Severino e Parmenide"
Editore: Armando Editore
Autore: Giraudi Alessandro
Pagine: 88
Ean: 9788869929571
Prezzo: € 10.00

Descrizione:In questo breve saggio l'autore discute sia la teoria dell'eternità degli enti di Emanuele Severino, sia la tesi famosa di Parmenide che ne fa da perno. L'autore sostiene che entrambe hanno come errate premesse dei concetti sbagliati dell'essere e del nulla, cioè l'idea che l'essere sia ciò che si oppone al nulla, e che il nulla sia ciò che si oppone all'essere. In realtà il nulla è il mondo vuoto, è il limite dell'essere, ossia è compatibile con esso. Gli enti non sono eterni perché, non essendoci una forte e irriducibile opposizione tra il nulla e l'essere, il sorgere delle cose dal nulla e il loro ritornare nel nulla non è contraddittorio. Nel saggio inoltre viene approfondito e rinnovato il concetto di "essenza" e ripensata radicalmente anche la distinzione tra sostanza e accidente.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Amore, poesia, saggezza"
Editore: Armando Editore
Autore: Morin Edgar
Pagine: 80
Ean: 9788869929748
Prezzo: € 12.00

Descrizione:Edgar Morin si interroga sull'amore, la poesia, la saggezza, tre elementi che illuminano la nostra vita e nascondono, tuttavia, la propria origine misteriosa e la propria complessità. L'amore, secondo Morin, può essere vissuto soltanto in uno stato di "innamoramento", in cui questo sentimento si rigenera continuamente. La poesia, al di qua e al di là delle forme letterarie con cui si esprime, è uno "stato secondo" che s'impadronisce di noi quando siamo in preda al fervore, allo stupore, alla comunione, all'esaltazione e, ovviamente, all'amore; la poesia fa sì che la nostra vita sulla Terra vada al di là della prosa quotidiana. Quanto alla saggezza, che nel mondo antico era sinonimo di filosofia, il problema che l'autore pone è: si può avere una saggezza moderna? Si vedrà come amore, poesia, saggezza risultino avere profondi e reciproci legami.

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU