Utilizza la nuova versione del negozio



RICERCA PRODOTTI

Seleziona la categoria di interesse dal menù principale,
in questo modo le tipologie associate saranno subito visibili.


Categoria


Tipologia


Num. Prodotti x Pagina


Ordina Per

Ebook - Studia Et Documenta Historiae Et Iuris



Titolo: "Arescusa"
Editore: Lateran University Press
Autore: JOSEPH GEORG WOLF
Pagine:
Ean: 2484300021855
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Drei Sklaven, unter ihnen die Sklavin Arescusa, sind Seia per fideicommissum

vermacht worden und sollten von ihr nach einem Jahr freigelassen werden. Der

Erbe hat sie an Sempronius verkauft, ohne ihn über die fideicommissa zu unterrichten. Als

die Sklaven von der Freilassungs verfügung durch den Erblasser erfuhren, erreichten sie

durch einen Prozeß vor dem praetor fideicommissarius ihre Freilassung durch den Erben. Die

wiederholte Textkritik wird als unbegründet abgelehnt.

Parole chiave: Sklaverei – Manumissio Fideicommissaria – Praetor

 

ABSTRACT. – Three slaves, among whom the female slave Arescusa, had been given

to Seia by fideicommissum and were supposed to be freed the year after. The heir sold them

to Sempronius without informing him about the fideicommissa. When the slaves got knowledge

of the provision done by the testator determining their liberation, they succeeded in

obtaining their setting free by the means of a process they had initiated in front of the praetor

fideicommissarius. The reiterated textual criticism cannot but be rejected as unfounded.

Key words: Slavery – Manumissio Fideicommissaria – Praetor



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Leges e iurisprudentia fra democrazia e aristocrazia"
Editore: Lateran University Press
Autore: GIUSEPPE VALDITARA
Pagine:
Ean: 2484300021862
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Vi è un filo rosso che caratterizza il confronto sulla produzione del

diritto a Roma, dall’ultima età monarchica fino all’epoca adrianea. Diritto orale, e più

in generale diritto non autoritativo, dunque diritto giurisprudenziale, da una parte;

diritto scritto, legge e raccolte di norme provenienti da chi ha il potere di imporle ai

cittadini, dall’altra. Le leges regiae e le Dodici Tavole, come lo ius Flavianum, rispondevano

alla stessa logica di politica del diritto che ispirerà poi il frequente ricorso al plebiscito

con i Gracchi, il tentativo di codificazione di Cesare, e infine i vari tentativi di imbrigliare

e di controllare la giurisprudenza nel Principato, fino alla codificazione dell’editto

eseguita da Salvio Giuliano. Anche fra i giuristi della repubblica e del Principato si

ravvisano tendenze politicamente contrapposte: 1) favorevoli a continuare l’egemonia

giurisprudenziale nell’ambito di una produzione non autoritativa del diritto, che fa del

giureconsulto l’interprete depositario di tecniche esclusive, capace di guidare l’evoluzione

dell’ordinamento; 2) disposti a collaborare con un disegno politico che privilegia la

certezza del diritto attraverso la posizione autoritativa della norma. Al di sotto di tutto

ciò, prima il conflitto fra il regime dei turannoi dell’epoca etrusca e l’oligarchia dei patres,

fra il movimento democratico plebeo e il patriziato, fra il movimento graccano, i populares

e la nobilitas; poi lo scontro fra i cultori della antica libertas repubblicana e quei

giuristi che invece riconoscevano ormai al princeps il ruolo di garante della ritrovata stabilità

e pace sociale.

Parole chiave: lex – giurisprudenza romana – leges regiae – fonti del diritto – movimento

plebeo – ius Papirianum.

 

ABSTRACT. – There is a specific pattern that characterizes the debate on the juridical

rules production in Rome from the latest monarchist period to the age of Adrian.

On one side, oral rules, and more generally non-authoritative law, therefore jurisprudential

law; on the other side, written rules, laws and collection of laws emanating from

those who had the power to impose those laws to citizens. The leges regiae and the

Duodecim Tabulae, such as Ius Flavianum, responded to the same logic of law politics that

would later inspire the habitual use of plebiscite with Gracchis, Caesar’s coding attempt,

and up to the attempts to control and curb jurisprudence within the Principate, until the

edict coding performed by Salvio Giuliano. Also among jurists of Republic and Principate

we notice opposite political tendencies: 1) favourable regarding the continuation of

jurisprudence hegemony within a non-authoritative law production, that makes jurist an

owner of exclusive techniques, capable of leading evolution of juridical system; 2) available

to cooperate with the prince, inside a political plan that promotes the certainty of

law through the authoritative position of rules. Within this process, first the conflict between

the tyrannical government in the Etruscan age and the patres oligarchy, the

plebeian democratic movement against the patricians, the Gracchis’ movement and the

populares against aristocracy; then the conflict between the followers of the ancient republican

libertas and those jurists who saw the princeps as the authority for renewed stability

and peacekeeper just as well.

Key words: lex – Roman jurisprudence – leges regiae – sources of law – plebeian movement

– ius Papirianum.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "La lex locationis de las tres societates publicanorum concurrentes sub hasta en el 215 a. C."
Editore: Lateran University Press
Autore: ARMANDO TORRENT
Pagine:
Ean: 2484300021879
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Se trata en este trabajo de revisar la lex locationis del año 215 que

produce perplejidad por varios motivos: haber sido convocado el hasta por el pretor y no

por los censores; las condiciones del contrato de avituallamiento a las legiones instaladas en

España; la función y privilegios acordados a las tres societates publicanorum concurrente, la

primera ocasión documentada de tal concurrencia, y el mismo papel de los publicanos que

iban adquiriendo creciente importancia en la República tardía.

Parole Chiave: Societates publicanorum, hasta, operae publicae faciendae, vectigalia, Roman

imperialismo en España.

 

ABSTRACT. – May main thesis is that the payment delated for three societates publicanorum

presents ad hasta by appointment of the roman legios in Spacin with tye vacatio militiae

at the publicans and the assumrement of sea risks were inssuficient por these societats

and probably the agreement with the -rioman State consisted in the locatio of the spanish

vectigalia.

Key words: Societates publicanorum, hasta, operae publicae faciendae, vectigalia, roman imperialism

in Spain.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "El exilio en Roma. Tipos y consecuencias jurídicas"
Editore: Lateran University Press
Autore: JUAN ANTONIO BUENO DELGADO
Pagine:
Ean: 2484300021916
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – En la antigua Roma la primera forma de exilio hay que encuadrarla

en el ámbito del círculo familiar primitivo. En el momento en el que el Estado interviene se

eleva a la categoría de pena, sustrayéndola al ámbito privado y estableciéndose progresivamente

diversas categorías: interdictio aquae et igni, relegatio, deportatio.

Parole Chiave: Exilio, interdictio aquae et igni, relegatio, deportatio.

 

ABSTRACT. – In ancient Rome the first form of exile should be framed in the context

of the primitive family circle. At the time in which the State intervenes, the exile rises to the

category of punishment, removing it from the private ambit and gradually establishing different

categories: interdictio aquae et igni, relegatio, deportatio.

Key words: Exile, interdictio aquae et igni, relegatio, deportatio.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Rupit, rupitias, noxia, damnum: il danneggiamento nella normativa preaquiliana"
Editore: Lateran University Press
Autore: SARA GALEOTTI
Pagine:
Ean: 2484300021923
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Haec commentatio sibi proponit damni (rectius: damnorum) disciplinam,

quae ante legem Aquiliam est, exquirere. Quae investigatio ostendit damno

subiectam notionem post plebiscitum Aquilianum vulgatam esse. Deficit enim in duodecim

tabularum lege damni communis notio, quae in sola interpretatione prudentium consistit et

ex iurisperitorum scientia emanat.

Parole chiave: damnum, damna, duodecim tabularum lex, lex Aquilia, rupitia, rup(s)it, noxa,

noxia, interpretatio prudentium, iniuria.

 

ABSTRACT. – This research analyses the dawning of the discipline that regulate the

penalty for damages, paying particularly close attention to the preaquilian norm. The existence

of a general form of damage is to be considered foreign to the juridical concept

settled on the XII Tables. The sources give witness to a preference for a system characterized

by a plurality of typical damna, which were punisched with a steady sentence (the

sentence could be waived if it was impossible to rate the loss).

The word damnum, used on the XII Tables, has plenty of meanings: the juridical interpretation

of the Lex Aquilia will detail the technical contents.

Key words: damnum, damna, ancient law, lex Aquilia, rupitia, rup(s)it, noxa, noxia, Ulpian,

juridical interpretation, iniuria, damages.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "L'integrazione degli Hispani nella comunità romana"
Editore: Lateran University Press
Autore: MARÍA JOSÉ BRAVO BOSCH
Pagine:
Ean: 2484300021947
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Vespasiano concesse – come è noto – il ius Latii alla Spagna, ma sulla

concreta portata di tale concessione sembra opportuno proporre una nuova serie di rilievi. In

merito, le indagini svolte sulla natura e sull’essenza del ius in parola si risolvono in una sostanziale

divisio tra coloro che aderiscono alla tesi del cd. ‘Gemeinderecht’ e attribuiscono così al

ius Latii il carattere di diritto spettante alla comunità, e i fautori del cd. ‘Personalrecht’, inclini

invece a concepire il ius Latii come un diritto spettante ai componenti del gruppo in quanto

singoli. In questo saggio si opta per un più cauto ‘aliquid medium’, idoneo dal canto suo a

conciliare le contrapposte propensioni e, più in generale, a evidenziare i limiti della consolidata

alternativa tra i due ordini di idee. Ciò in quanto il Latium – con il suo ampio raggio

d’azione – sembra aver prodotto effetti giuridici sia sul piano ‘personale’, sia nei confronti

delle comunità organizzate cui appartengono i beneficiari dell’‘apertura’ del primo imperatore

della dinastia Flavia.

Parole chiave: Hispania, Vespasiano, ius Latii, Gemeinderecht, Personenrecht, Latium

maius, Latium minus.

 

ABSTRACT. – The emperor Vespasian granted the ius Latii to Spain, but we must analyze

the extent of this concession. Research on the nature and essence of ius Latii is divided

between those who defend the Gemeinderecht, the character of ius Latii as the right of communities

and Personalrecht supporters who understand the ius Latii as a personal right. We

believe that the concession produced legal effects of a personal nature, but that affected

members of a community, so also acts on the legal status of the community to which they belong.

Opting for a theory of personal law or community does not seem the right thing, because

the Latium, with a range of general type, seems to generate legal effects both personally

and in relation to organized communities to which benefit individuals belong.

Key words: Hispania, Vespasian, ius Latii, Gemeinderecht, Personenrecht, Latium maius,

Latium minus.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "In tema di pollicitatio ad una res publica: alcuni spunti ricostruttivi desumibili da AE. 1894, 148"
Editore: Lateran University Press
Autore: PAOLO LEPORE
Pagine:
Ean: 2484300021954
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – 1. Premessa – 2. Lettura d’insieme di AE. 1894, 148 – 3. La scelta di

Manius Megonius Leo di ‘riversare’ in un fedecommesso l’oggetto di una sua precedente pollicitatio

– 4. Esplicazione della scelta di Manius Megonius Leo alla luce dei dati desumibili dall’incipit

di D.35.2.5 – 5. Il carattere giuridicamente non vincolante della pollicitatio di Manius

Megonius Leo – 6. Indicazioni desumibili dalla pollicitatio di Manius Megonius Leo circa i presupposti

di cogenza del ‘polliceri’ di ‘dare pecuniam’ – 7. Conclusioni.

Parole Chiave: Fonte epigrafica, atti di liberalità, pollicitatio, fideicommissum

 

ABSTRACT. – The examination of AE. 1894, 148, inscription discovered in the territory

of Petelia, and dating back to the Emporor Antoninus Pius, were derived some useful indicators

about the ‘rei publicae polliceri’; particularly, about the definition of the conditions of

cogency of pollicitationes relating to the payment of money.

Key words: ephigraphic source, gifts, pollicitatio, fideicommissum



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ius gentium e lex mercatoria"
Editore: Lateran University Press
Autore: SETTIMIO DI SALVO
Pagine:
Ean: 2484300021978
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

L’esperienza romana non conosce – si insegna1 – un ius mercatorum

distinto dal ius civile; un diritto proprio dei mercanti, cioè un diritto

commerciale caratterizzato non tanto dagli istituti, quanto dai soggetti,

nasce nel Medioevo.

Anzi, le opinioni ancora dominanti tendono ad escludere dal concetto

di ius gentium quel gruppo di istituti almeno lato sensu commerciali che ricevono

tutela dalla giurisdizione del pretore peregrino. E ciò partendo dai

celebri studi di Gabrio Lombardi del 1946-472, per arrivare al pure

celebre lavoro di Frezza3 di pochissimi anni dopo, cioè del 1949. Il

maggiore studioso successivo è indubbiamente Max Kaser4, col suo

volume del 1993, che si presenta rovesciato, per così dire, rispetto a

Lombardi, quanto meno sul terreno della classicità/non classicità.

Mi spiego meglio: Lombardi, ancora negli anni dell’interpolazionismo,

aveva ritenuto bizantine una serie di costruzioni e classificazioni

con argomenti che, circa cinquant’anni dopo, M. Kaser ribaltò completamente.

Nel frattempo gli studi romanistici avevano, com’è noto, segnato

una svolta epocale nell’esegesi, teorizzata proprio da Kaser già prima del

1993. Una posizione intermedia è stata assunta da A. Guarino – e lo è

tuttora – nel suo saggio notissimo ‘Sulla credibilità della scienza romanistica

contemporanea’5; e nei suoi lavori – la recensione ai due volumi di

Lombardi, del 19496, e quella alla monografia di Kaser, del 19947 – il

Maestro napoletano continua a tenere una posizione per così dire equilibrata

sulla classicità del ius gentium e degli infiniti richiami allo stesso che le

fonti romane contengono.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Mundi totius elementa ... et eorum dispositio"
Editore: Lateran University Press
Autore: FRANCESCA GALGANO
Pagine:
Ean: 2484300021985
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. – Nel dialogo de scientia politica fra il patrizio Mena e il referendario

Tommaso (un’opera scritta intorno alla prima metà del 500 a Costantinopoli,

scoperta, e poi edita nel 1827, dal cardinale A. Mai in alcuni fogli

palinsensti del codice Vaticano)1 veniva trattata nei suoi diversi aspetti la

forma di governo dicearchica, secondo quanto dice il patriarca Fozio, che

aveva verosimilmente questo libro nella sua biblioteca2. Il manoscritto

vaticano ha restituito purtroppo solo alcuni brani del dialogo, più precisamente

il libro quarto nella sua sezione finale e il quinto fino alla metà

circa, rispetto ai sei originari. Una piccola parte dunque, in cui si esamina

la scienza dello Stato in merito alla guerra e poi alla sua più importante

dimensione, quella che attiene alla massima autorità nello svolgimento

delle sue funzioni.

Vi si affronta la questione cruciale del ruolo dell’imperatore alla guida

dello Stato, che non può essere trascurata, allo stesso modo che «uno scultore,

dopo aver ben modellato le singole parti o membra di una statua, e

anche averle ben connesse le une con le altre, lasciasse via la testa» (lib.V,

§. 2)3. È necessario perciò individuare le caratteristiche che qualificano

l’autorità imperiale, per meglio definirne l’identità, fra le quali spicca

certamente l’imitazione di Dio. L’imperatore, infatti, è tale perché somiglia

a Dio, del quale è vicario sulla terra oltre che omonimo4 e interprete.

[...]

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Legum inopia e diritto privato. Riflessioni intorno ad un recente contributo"
Editore: Lateran University Press
Autore: GIANNI SANTUCCI
Pagine:
Ean: 2484300021992
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. – Nella recente storiografia in tema di lex publica da più parti si è

evidenziato il decisivo ruolo che essa ebbe per gli assetti politici ed istituzionali

romani nonché si è constatato, con maggiore consapevolezza e

senso critico rispetto al passato, la labilità e l’incertezza qualitativa e quantitativa

delle fonti che residuano in argomento1. Opportunamente Dario

Mantovani ha colto siffatte indicazioni di metodo, avviando un approfondito

e suggestivo riesame circa il ruolo che la legge pubblica ebbe nei

confronti della costruzione del diritto privato romano2.

Com’è noto, secondo un opinione largamente condivisa dai giusromanisti

e scolpita icasticamente nella sententia schulziana «das ‘Volk des

Rechts’ ist nicht das Volk der Gesetze»3, la lex publica4, diversamente da

quanto avvenne nell’ambito del diritto costituzionale o anche in quello del

diritto e processo criminale, rivestì un ruolo marginale nel sistema delle

fonti del ius privatum5. Giambattista Vico a suo tempo aveva già intuito la

scarsa incidenza della legge pubblica al riguardo6, ma fu Giovanni

Rotondi, all’incirca un secolo fa, ad offrire alla moderna giusromanistica

la descrizione del fenomeno nei termini fondamentali e in modo

compiuto; chiare al riguardo le parole dello studioso: «di quasi ottocento

rogazioni legislative, dall’inizio della repubblica a tutto il primo secolo dell’impero,

di cui direttamente o indirettamente le fonti ci dànno notizia,

non arrivano alla trentina quelle che meritano di essere classificate nel

campo del diritto privato» 7.

L’indagine di Mantovani intenderebbe, se non capovolgere,

comunque ridimensionare notevolmente tale assunto8: le citazioni delle

leges publicae nelle opere dei giuristi classici, in realtà, sarebbero state numerose,

molto più numerose di quelle che oggi residuano nella nostra principale

fonte per conoscere il diritto privato romano, il Digesto9. La penuria

di riferimenti alle leges publicae che caratterizza la compilazione giustinianea

dei iura dipenderebbe allora dal consapevole programma di «delegificazione

» attuato dai compilatori realizzato ora con la soppressione

sistematica dei richiami alle leges nei testi classici utilizzati ora con l’esclusione

in toto dall’opera di testi menzionanti leggi pubbliche.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "A new perspective on the limitation of legacies (lex Falcidia de legatis)"
Editore: Lateran University Press
Autore: MARÍA EUGENIA ORTUN O PÉREZ
Pagine:
Ean: 2484300022012
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. – The relation between the political and the legal domain is a constant

throughout history. Our intention with this paper is to bring out the

evidence of such relation at the enactment of a provision of private law

during one of the most tumultuous moments in Roman history: the transition

from the Republic to the Principate.

This provision is the so-called Lex Falcidia de legatis, proposed by tribune

P. Falcidius in 40 BC, according to which the testator could not bequeath

more than three-fourths of the hereditaments, because the instituted heir1

was entitled to retain, in any case, the remaining quarter: the Falcidian

portion.

Leaving aside a dogmatic analysis of inheritance aspects, we will focus

on the determination of the context and motivations that led to its enactment2.

2. – It was at the end of the Republican political regime, once initiated

the Second Triumvirate3, that the Lex Falcidia de legatis was enacted.

Rome was in the midst of a civil war, the Perusine War, waged by the

brother of Mark Antony, Consul Lucius Antonius, hiding his true inten

Macedotions.

The consul would openly express that the triumvirate had already

served its purpose and that the normal functioning of the Republic should

be restored, but the reality was completely different. His actual motivation

was to stir up the population against Octavian in order to allow his brother

to gain absolute power.

In this very same year (40 BC), the triumvirate resumed hostilities

against Sextus Pompey, whose political stance, in favour of the senatorial

class, and control of the navy had already led him to confront Julius

Caesar.

The financial situation was catastrophic. The army was essential, and

its maintenance costs were very high and difficult to cover. The government

expenses exceeded its revenues by far, thus leading to a serious inflationary

environment where the population could not bear extra tax

liabilities4.

The Republic was living its last days; it was an extreme situation.

Roman society was subject to the tyranny and despotism of those

exercising political and military power. Those were times marked by arbitrariness

and the use of force.

3. – The constituent power of the triumviri – imperium proconsular maius

– provided them with unlimited powers over public finances, a power they

used to adopt the necessary fiscal measures to face the huge military

expenses.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "I giuristi e il testamentum militis. L'orientamento di Iavolenus Priscus"
Editore: Lateran University Press
Autore: INES DE FALCO
Pagine:
Ean: 2484300022029
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. – Le innovazioni introdotte dai principes in relazione alla disciplina

giuridica privatistica dei milites, specialmente in tema di testamentum militis1,

suscitarono notevole interesse nella giurisprudenza2: dal celebre frammento

ulpianeo tratto dal 45o libro del suo commentario ad edictum (D. 29.1.1 pr.)

apprendiamo “Militibus liberam testamenti factionem primus quidem divus Iulius

Caesar concessit: sed ea concessio temporalis erat. postea vero primus divus Titius dedit:

post hoc Domitianus: postea divus Nerva plenissimam indulgentiam in milites contulit:

eamque et Traianus secutus est et exinde mandatis inseri coepit caput tale. Caput ex

mandatis: ‘cum in notitiam meam prolatum sit subinde testamenta a commilitonibus

relicta proferri, quae possint in controversiam deduci, si ad diligentiam legum revocentur et

observantiam: secutus animi mei integritudinem erga optimos fidelissimosque commilitones

simplicitati eorum consulendum existimavi, ut quoquomodo testati fuissent, rata esset

eorum voluntas. faciant igitur testamenta quo modo volent, faciant quo modo poterint sufficiatque

ad bonorum suorum divisionem faciendam nuda voluntas testatoris’”.

Nel riferire le parole di Traiano – dal principato del quale il trattamento

privilegiato sul testamentum militis si consolida definitivamente – Ulpiano

sottolinea lo speciale rapporto tra i milites e l’imperatore che palesa la sua

doverosa riconoscenza e gratitudine3 per un corpo4 di cui rimarca sia l’ele

vato impegno professionale (optimi) sia la dedizione e l’attaccamento al

supremo comandante (fidelissimi).

L’intervento traianeo di cui al caput mandatorum ricordato in D. 29.1.1 pr.

è volto a sanare il conflitto – e le controversie che ne derivano – insorgente

su testamenti che sotto il profilo della diligentia e della osservanza della legge

non potrebbero considerarsi validi ma sotto quello della nuda voluntas sono

espressamente riconosciuti e produttivi di effetti. Il nuovo dato tecnicogiuridico

specificato con estrema chiarezza da Traiano è il rilievo attribuito

alla mera volontà testatoris elemento unico e sufficiente per la validità

dell’atto; il che vale a dire che per i militari il testamento diventa un negozio

a forma libera5: “‘faciant igitur testamenta quo modo volent, faciant quo modo poterint

sufficiatque ad bonorum suorum divisionem faciendam nuda voluntas testatoris’”.

Si badi, tuttavia, che quello di Traiano non è un sommario indiscriminato

provvedimento sanante. Fiorentino nel suo decimo libro delle Istituzioni

riporta un illuminante rescritto dello stesso Traiano a Statilio Severo

in cui con specifici esempi ed estrema puntualità l’imperatore definisce la

configurazione ed i limiti del privilegio6. Nel ribadire la validità dei testamenti

militari quoquo modo facta Traiano si preoccupa che venga innanzitutto

accertata la reale esistenza di un testamento e quindi una autentica

seria intenzione di testare chè tale non potrebbe considerarsi quella

espressa nell’ambito di un pour parler generico.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Un pomeriggio al Collège de France"
Editore: Lateran University Press
Autore: John Scheid, Jean-Michel David, Aldo Schiavone
Pagine:
Ean: 2484300022036
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Il 13 settembre 2013, organizzata del professor John Scheil, si è tenuta

a Parigi, presso il Collège de France, una presentazione di due libri da

poco usciti in Italia, che raccolgono scritti di due illustri colleghi francesi:

Michel Humbert, «Antiquitates Effigies. Recherches sur le droit public et privé de

Rome», e Jean-Louis Ferrary, «Recherches sur les lois comitiales et sur le droit

public romain», entrambi pubblicati, rispettivamente nel 2013 e nel 2012, su

iniziativa del Cedant, Centro per i Diritti Antichi, dalla IUSS Press di

Pavia. Dunque, libri italiani di studiosi francesi, a testimonianza di una

solidarietà di intenti e di progetti che lega da tempo la romanistica dei

nostri due Paesi.

Hanno preso parte all’incontro, presieduto dallo stesso Scheid, Jean-

Michel David (che si è occupato del lavoro di Humbert), e Aldo Schiavone

(che si è dedicato a quello di Ferrary).

Pubblichiamo i testi dei loro interventi. [F.A.]

JOHN SCHEID

Le Collège de France accueille avec un double plaisir l’hommage

consacré à la publication des volumes de Michel Humbert et Jean-Louis

Ferrary dans la collection du Centre de droit antique (CEDANT), qui fait

partie de l’Istituto universitario di Studi Superiori de l’Université de

Pavie.

D’abord puisqu’il existe depuis trois ans entre le Collège et le IUSS

une convention de collaboration dont la signature et le fonctionnement

doivent beaucoup au professeur Dario Mantovani, qui a passé récemment

un mois parmi nous. La présentation des deux volumes réunit donc à

nouveau nos deux institutions devant nos collègues parisiens.

La deuxième raison est que les activités de ma chaire sont également

liées, et depuis longtemps, à M. Humbert, J.-L. Ferrary et

D. Mantovani.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il comodato e laffitto di case in diritto ebraico: traduzione e commento al capitolo VIII della Mishnà Bavà Metzià"
Editore: Lateran University Press
Autore: ALFREDO MORDECHAI RABELLO
Pagine:
Ean: 2484300022050
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. – Introduzione

Nel numero LXXVIII – 2012 di Studia et Documenta Historiae et Iuris

abbiamo pubblicato una breve Introduzione alla Mishnà, ed in particolare

al Trattato di Bavà Metzià1.

Il capitolo VIII2, di cui proponiamo qui una traduzione con

commento3, tratta di problemi di locazione e vendita di case e di altri

oggetti e viene chiamato dalla prima parola del capitolo: hashoèl. Il shoèl,

comodatario, chi prende a prestito d’uso, è colui che ha il godimento di un

bene senza dover pagare al padrone per l’uso di quel bene ed ha il dovere

di restituire in ogni caso l’oggetto ricevuto, per es. una mucca, una bicicletta,

un libro, essendo responsabile per furto, smarrimento, danno ed

anche per casi di forza maggiore (ones): ricevendo soltanto lui vantaggi da

questo contratto, la sua responsabilità risulta essere assai ampia. Solo se

l’animale muore mentre svolge il suo lavoro normale, egli (il comodatario)

sarà esente dal dovere di pagare4.

2. – Traduzione e commento

Mishnà 1 (Se uno) prende in prestito gratuito una mucca5 e ha preso

con lei anche il suo padrone6 o ha assunto il suo padrone7 con lei;

(oppure) ha preso in prestito o ingaggiato il (suo) padrone e solo dopo8 ha

preso in comodato la mucca e (quella) è morta, (il comodatario) è esente

(dal dovere di pagare) come è detto: «Se il suo padrone è con lui, non

deve pagare»9. (Se) invece ha preso in prestito (prima) la mucca e poi ha

preso in comodato o ha ingaggiato il suo padrone10 e (la mucca) è morta, è

responsabile11, come è detto: «Se il suo padrone non è con lui, deve

pagare»12.

Mishnà 2 (Se uno) prende in prestito una mucca13 in modo che sia

gratis per mezza giornata e a pagamento per mezza giornata14, (oppure)

gratis per un giorno e a pagamento per il giorno successivo, (oppure)

una (mucca) gratis e una a pagamento e (una mucca) è morta15, (se) il

comodante dice: «È morta quella presa in comodato, (o) è morta nel

giorno in cui si trovava in comodato, (o) è morta nell’ora in cui si

trovava in comodato» e l’altro (che ha preso la mucca) dice: «Non

so»16, (quello che l’aveva presa)17 è responsabile.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Farmaco, un Giano bifronte. Dei veleni e medicamenti, ovvero breve storia di un ossimoro"
Editore: Lateran University Press
Autore: CARMEN PENNACCHIO
Pagine:
Ean: 2484300021893
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – La presente ricerca si snoda su due direttrici, l’una metodologica,

rivolta a saggiare quanto l’atteggiamento della giurisprudenza circa l’uso della lingua greca

nelle fonti giuridiche sia stato dettato da contingenze di traduzione o da una pura esibizione

di cultura; l’altra esegetica, diretta a tastare la trasmigrazione di un “preteso”

linguaggio tecnico-medico in fonti non tecniche. L’analisi parte da un passo gaiano

(D. 50.16.236 pr.), non a caso tratto dal commento alle Dodici Tavole e raccolto nel titolo

sedicesimo del cinquantesimo libro dei Digesta, nel corso del quale il giurista antoniniano

cerca di sciogliere il nodo che rappresentò un lemma come venenum, ... id quod nos venenum

appellamus, Graeci pharmakon dicunt.

Parole chiave: pharmakon, venenum, medicamentum, medico, responsabilità.

 

ABSTRACT. – This research unfolds along two lines, one methodological, aimed to test

how the attitude of the Jurisprudence regarding the use of the Greek language in the legal

sources was dictated by the contingencies of translation or a pure exhibition of culture, the

other exegetical, wich is aimed to ful the transmigration of an “alleged” medical-technical

language into non-technical sources. The analysis starts from a fragment written by Gaio

(D. 50.16.236 pr.), voluntarily drawn from the comments on the Twelve Tables and collected

in the title of the fiftieth sexteenth book of the Digest, in which the jurist antoninianus

tries to untie the knot which represented a lemma as venenum ... id quod nos venenum

appellamus, Graeci pharmakon dicunt.

Key words: pharmakon, venenum, medicamentum, doctor, responsability.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Il ruolo e la funzione del giudice nel processo romano di età classica"
Editore: Lateran University Press
Autore: FEDERICO PERGAMI
Pagine:
Ean: 2484300022005
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

1. – Il tema centrale della recente monografia di Natale Rampazzo,

accolta nella collana del Dipartimento di diritto romano dell’ateneo federiciano,

è costituito dallo studio della natura, imperativa o consensuale,

delle funzioni giudicanti attribuite al privato cittadino per la soluzione delle

controversie nel processo romano di età repubblicana: l’indagine,

infatti, è condotta in una duplice prospettiva, sia per il caso della designazione

di un giudice, cui era imposto, una volta incardinata la lite, il

rispetto del iussum iudicandi del pretore, sia per l’ipotesi, cristallizzata nel

noto frammento ulpianeo, raccolto in D. 4.8.3.11, in cui la potestà di

giudicare era attribuita, per espressa volontà dei privati, ad un arbitro,

senza la previsione dell’intervento del magistrato giusdicente

(N. Rampazzo, Sententiam dicere cogendum esse. Consenso e imperatività nelle

funzioni giudicanti in diritto romano classico, Pubblicazioni del Dipartimento di

diritto romano, Storia e Teoria del diritto «F. De Martino» dell’Università

degli Studi di Napoli «Federico II», Napoli 2012, vi-233).

Opportunamente limitato alla riflessione della giurisprudenza di età

classica, il lavoro, nelle esplicite intenzioni dell’autore, si concentra sulla

«triade concettuale...libertà, obbligo, liberazione: libertà di accedere per

via negoziale alle procedure di composizione di conflitti...; obbligo, che

sorge dalla dinamica procedurale una volta acquisito il consenso dei suoi

protagonisti e assume contorni di ineluttabilità; liberazione dall’obbligo,

che si consegue...per effetto della ricorrenza di specifiche condizioni incidenti

sui soggetti interessati che rendano impossibile il proseguimento

utile della procedura».

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Nómoi e dualità tragiche. Un seminario su Antigone"
Editore: Lateran University Press
Autore: Emanuele Stolfi
Pagine:
Ean: 2484300022043
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

Inondata dalla luce invernale del golfo di Napoli – «meravigliosa straziante

bellezza del creato» – la ‘Sala della Principessa’ dell’Università

Suor Orsola Benincasa ha ospitato il 20 dicembre 2012 un seminario su

Legge e crisi. La struttura e gli obiettivi dell’incontro, realizzato sotto la

sapiente regia di Gennaro Carillo, rispondevano chiaramente alla sensibilità

culturale e all’ampiezza d’interessi del suo organizzatore, in un

ambiente particolarmente fecondo di stimoli e di contaminazioni disciplinari1.

I lavori si sono svolti seguendo una bipartizione di fondo, con cui si

combinavano diversità di scenari storici (l’Atene del V secolo a.C. e il

nostro presente, e il futuro più prossimo) e varietà dei problemi trattati.

Entrambe le sedute hanno preso spunto da alcuni libri apparsi di

recente2: quelli di Sotera Fornaro e Davide Susanetti3 per l’argomento

affrontato al mattino (Antinomie. Sul senso della legge in Antigone), di Maria

Rosaria Ferrarese e Gianluigi Palombella4 per il tema pomeridiano (Diritto

e legge negli spazî globali).

I tre interventi che si sono succeduti nella prima parte del seminario

hanno interessato profili distinti ma variamente connessi della tragedia

rappresentata per la prima volta (con ogni probabilità) nel 442 a.C.: dalla

peculiare spazialità che la caratterizza – nelle sue declinazioni più

propriamente maschili o femminili, ma anche nella sua sostanziale articolazione

fra il palazzo di Creonte, la pólis e i luoghi a essa esterni (aspetti su

cui si è concentrata l’elegante disamina di Guido Avezzù) – alla dimensione

civica e politica che vi si delinea a fianco di un ricorso al lessico

sacro fra i più martellanti nella produzione sofoclea (come puntualmente

ha posto in luce Andrea Rodighiero), sino alla nota opposizione fra due

ordini normativi che costituisce l’antinomia (appunto) e il decisivo nodo

tragico del testo (anche se certo non la sua unica chiave di comprensione).

Ricevuto il compito di formulare qualche riflessione su quest’ultimo

profilo, spero non sia del tutto inutile affidare adesso alla pubblicazione in

Studia et documenta il testo del mio intervento5: senza assurde pretese di

analizzare in modo esaustivo argomenti che si sottraggono a ogni valutazione

univoca, destinati come sono ad alimentare infinite riletture, né di

discutere compiutamente le innumerevoli interpretazioni sinora proposte.

Nient’altro, dunque, che un tentativo di rimeditare ulteriormente sugli

spunti che avevo cercato di fornire e – se possibile – alimentarne di nuovi.

Precisare che queste pagine sono solo la versione scritta di una comunicazione

seminariale, e che a corredarle è ora un apparato di rinvii bibliografici

che rimane limitato e selettivo (anzi, inevitabilmente povero e forse

arbitrario) non è davvero, in un caso simile, solo una frase di circostanza.

[...]



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Note sulla giurisprudenza arcaica"
Editore: Lateran University Press
Autore: ANNAMARIA MANZO
Pagine:
Ean: 2484300021886
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – La ricerca indaga su Papirio, Publio Elio, Lucio Acilio e, attraverso

la ricostruzione, sulla base dei dati testuali, dell’esperienza umana e dell’attività in senso

lato giuridica dei tre antichi sapienti del ius, intende fornire un contributo ad una riconsiderazione

della giurisprudenza arcaica. Per Papirio e Lucio Acilio si propone anche

l’attribuzione di alcuni frammenti1, congetturata sulla base di criteri più duttili rispetto a

quelli generalmente usati in letteratura, e ciò al fine di far meglio emergere la personalità

dei prudentes così come sedimentatasi nelle fonti antiche e coglierne nuovi aspetti e

implicazioni.

Parole chiave: Giurisprudenza arcaica, Papirio, Publio Elio, Lucio Acilio.

 

ABSTRACT. – The research examines Papirius, Publius Aelius and Lucius Acilius. Through

the reconstruction of the lives and the juridical activity – in the broadest sense – of these

three iuris sapientes, it aims to make a contribution to a reassessment of the archaic legal science.

As for Papirius and Lucius Acilius, it also proposes the fragments attribution2, which is

conjectured using more flexible criteria than those that are normally used in literature, in

order to better reveal the prudentes personalities as they are settled in the ancient sources,

and grasp their new aspects and implications.

Key words: Archaic legal science, Papirius, Publius Aelius, Lucius Acilius.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Cittadinanza espansiva ed espansione della cittadinanza. Politiche di integrazione e motivazione culturale al reato: tra la Roma antica e il mondo attuale"
Editore: Lateran University Press
Autore: ANTONINO SESSA
Pagine:
Ean: 2484300021909
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – 1. Alle origini della cittadinanza espansiva: contenuto e ratio dell’editto

di Caracalla nella Roma imperiale. 1.1. Una conferma nelle politiche di integrazione. Tra

universalismo politico e tolleranza ‘speculativa’ dei diritti locali. 2. Impero, imperialismi e

globalizzazione: fondamento e limiti del multiculturalismo postmoderno. 3. La dommatica

della motivazione culturale nella teoria del reato. La ragionevolezza come regola. 4. Dalla

cittadinanza espansiva alla espansione della cittadinanza. L’appartenenza culturale come fattore

di consacrazione del metodo democratico nel riconoscimento di un’identità cosmopolitica.

Parole chiave: Cittadinanza espansiva – politiche di integrazione – reati culturalmente

motivati – espansione della cittadinanza.

 

ABSTRACT. – At the origins of the growing citizens: contents and ratio of the Caracalla

edict during the imperial Rome. 1.1 A confirmation in the politics of integration. Between

political universalism and ‘speculative’ tolerance of the local rights. 2. Empire, imperialism

and globalization: foundation and limits of the postmodern multiculturalism. 3. The

dogmatics of the cultural motivations in the crime theory. The reason as a rule. 4. From the

growing citizens to the growth of the citizens. The cultural belonging as a factor of sanctioning

of the democratic method in the recognition of a cosmopolitan identity.

Key words: growing citizens – politics of integration – crimes culturally motivated –

growth of the citizens.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Ancora su sacerdotium e imperium: la tutela del sacerdotium e utilitas della res publica nelle Novelle di Giustiniano"
Editore: Lateran University Press
Autore: MARIA TERESA CAPOZZA
Pagine:
Ean: 2484300021930
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Nella legislazione giustinianea e in particolare nelle Novelle viene

elaborata da Giustiniano la «teoria della sinfonia» tra sacerdotium e imperium. Nella Novella 6

l’Imperatore afferma che i due poteri rappresentano maxima dona elargiti dalla superna

clementia di Dio agli uomini e che tra di essi deve sussistere «sinfonia» (consonantia), armonia

al fine di garantire l’utilitas del populus (Nov. 6 praef.).

In questa prospettiva, singolare attenzione è dedicata al sacerdotium. Giustiniano emana

con riferimento ad esso plurimae leges (Nov. 83 praef.) dalle quali emerge il riconoscimento nei

confronti dei titolari del munus sacerdotalis di una vera e propria funzione «sociale», di guida

per il populus.

La tutela del sacerdotium è strettamente connessa al principio di tutela della utilitas reipublicae:

la profonda considerazione delle doti morali di probità e onestà che i sacerdoti

devono possedere è volta non solo al mantenimento della sacra disciplina (Nov. 6 ep.) e della

pax communis sanctissimae ecclesiae ma rientra nel più ampio interesse di difesa della superna pax

reipublicae (Nov. 42.3.3).

Parole chiave: sacerdotium, imperium, utilitas, res publica.

 

ABSTRACT. – In Justinian’s legislation and in particular in the Novels, Justinian develops

the «theory of symphony» between sacerdotium and imperium. In Novel 6 the Emperor

affirms that the two powers represent maxima dona which God, in his superna clementia, has bestowed

upon mortals and that between them there must be «symphony» (consonantia),

harmony in order to protect the utilitas of populus (Nov. 6 praef.). From this perspective,

singular attention is paid to sacerdotium. With regard to this, Justinian issues plurimae leges

(Nov. 83 praef.) from which comes to light the recognition of a «social function», of leader

of the populus, towards those appointed with munus sacerdotalis.

The protection of sacerdotium is strictly connected with the principle of protection of the

utilitas reipublicae: deep consideration of moral talent of probity and honesty that priests have

to possess is addressed not only to keep alive sacra disciplina (Nov. 6 ep.) and pax communis

sanctissimae ecclesiae but belongs to a broader interest of protection of superna pax reipublicae

(Nov. 42.3.3).

Key words: sacerdotium, imperium, utilitas, res publica.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Studia et documenta historiae et iuris"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300021848
Prezzo: € 15.00

Descrizione:

I N D E X

 

– Per il centesimo compleanno di Antonio Guarino (Francesco Paolo Casavola)

– Gabrio Lombardi nel centenario della nascita (Francesco Paolo Casavola

– Francesco Amarelli

– Un vecchio Maestro e un vecchio libro d’Università (Fulvio Tessitore) XXV

 

STUDIA

JOSEPH GEORG WOLF, Arescusa

GIUSEPPE VALDITARA, Leges e iurisprudentia fra democrazia e aristocrazia

ARMANDO TORRENT, La lex locationis de las tres societates publicanorum

concurrentes sub hasta en el 215 a. C.

ANNAMARIA MANZO, Note sulla giurisprudenza arcaica 

CARMEN PENNACCHIO, Farmaco, un Giano bifronte. Dei veleni e medicamenti,

ovvero breve storia di un ossimoro 

ANTONINO SESSA, Cittadinanza espansiva ed espansione della cittadinanza.

Politiche di integrazione e motivazione culturale al reato: tra la

Roma antica e il mondo attuale 

JUAN ANTONIO BUENO DELGADO, El exilio en Roma. Tipos y consecuencias

jurídicas 

SARA GALEOTTI, Rupit, rupitias, noxia, damnum: il danneggiamento

nella normativa preaquiliana 

MARIA TERESA CAPOZZA, Ancora su sacerdotium e imperium: la

tutela del sacerdotium e utilitas della res publica nelle Novelle di

Giustiniano 

MARÍA JOSÉ BRAVO BOSCH, L’integrazione degli Hispani nella comunità

romana 

 

DOCUMENTA

PAOLO LEPORE, In tema di pollicitatio ad una res publica: alcuni

spunti ricostruttivi desumibili da AE. 1894, 148

 

NOTAE

LUIGI CAPOGROSSI COLOGNESI, Di un libro sull’usus servitutis 

GENNARO CARILLO, Semnotes. La ‘legge’ tra venerabilità e caducità

(in margine a un libro di Emanuele Stolfi) 

SETTIMIO DI SALVO, Ius gentium e lex mercatoria

FRANCESCA GALGANO, Mundi totius elementa ... et eorum dispositio

GIANNI SANTUCCI, Legum inopia e diritto privato. Riflessioni intorno

ad un recente contributo

FEDERICO PERGAMI, Il ruolo e la funzione del giudice nel processo romano

di età classica

MARÍA EUGENIA ORTUN˜ O PÉREZ, A new perspective on the limitation

of legacies (lex Falcidia de legatis)

INES DE FALCO, I giuristi e il testamentum militis. L’orientamento di

Iavolenus Priscus

 

EVENTA

– Un pomeriggio al Collège de France (John Scheid, Jean-Michel

David, Aldo Schiavone)

– Nómoi e dualità tragiche. Un seminario su Antigone (Emanuele Stolfi) 

 

VARIA

ALFREDO MORDECHAI RABELLO, Il comodato e l’affitto di case in

diritto ebraico: traduzione e commento al capitolo VIII della Mishnà

Bavà Metzi’à

RECENSIONES LIBRORUM

CHIARA CORBO, Constitutio Antoniniana. Ius Philosophia Religio

(Enrico Dal Covolo)

ORAZIO LICANDRO, L’Occidente senza imperatori. Vicende politiche e

costituzionali nell’ultimo secolo dell’impero romano d’Occidente (Francesco

Amarelli)

GIUSEPPINA ARICÒ ANSELMO, Antiche regole procedurali e nuove prospettive

per la storia dei comitia (Bernardo Santalucia) 

LOREDANA DI PINTO, Cura studiorum. Tra pensiero giuridico e legislazione

imperiale (Valerio Marotta) 

ROSSELLA LAURENDI, Profili costituzionali e orientamenti politici del

principato di Claudio (Valerio Marotta)

SARA LONGO, Senatusconsultum Macedonianum. Interpretazione e applicazione

da Vespasiano a Giustiniano (Giuseppe Falcone)

UMBERTO LAFFI, In greco per i Greci. Ricerche sul lessico greco del processo

civile e criminale romano nelle attestazioni di fonti documentarie

romane (Emanuele Stolfi)

FRANCESCA REDUZZI MEROLA, Atti del XXXIII Convegno internazionale

GIREA, Dipendenza ed emarginazione tra mondo antico e moderno

(Stefania Castaldo) 

 

CHRONICA

– Repubblicanesimo e impero da Polibio ai ‘Padri Fondatori’ (Aldo Schiavone,

Umberto Vincenti, Valerio Marotta, Pietro Costa) 

– Civitas, Iura, Arma (Anna Maria Mandas) 

– Casistica e sistema nel pensiero giuridico europeo (Sara Galeotti)

– Terra, Acqua, Diritto (Lauretta Maganzani)

– Antonio Fernández De Buján. Académico y Doctor Honoris Causa (Francesco

Amarelli, Federico Fernández de Buján) 

– Nono Premio romanistico Internazionale Gérard Boulvert

– Roma e le altre culture nel Tardoantico (Marco Caputo, Carla Sfameni,

Antonio Ibba, Francesco Lucrezi, Antonio Marchetta,

Fabio Troncarelli)

 

EPISTULAE AD REDACTIONEM MISSAE

ANTONIO GUARINO, Labeo, o dell’equipaggio suicida 

 

LIBRI IN EPHEMERIDE ACCEPTI

[a cura di Donato Antonio Centola, Giovanni Papa, Giuseppina

M. Oliviero Niglio, Raffaele Basile e Lorena Atzeri] 



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Studia et documenta historiae et iuris"
Editore: Lateran University Press
Autore:
Pagine:
Ean: 2484300021381
Prezzo: € 15.00

Descrizione:

I N D E X


NOTAE

FRANCESCO AMARELLI, Bisogni momenti esperienze 

VINCENZO GIUFFRÈ, Interpolazioni e glosse. Una notazione sull’opera

di Siro Solazzi

LETIZIA VACCA, ‘Emptio venditio’ e ‘iusta causa traditionis’ (a proposito

di alcuni libri recenti)

ERNESTO BIANCHI, «Modernità» e riflessioni teoretiche sul carattere pre-

scrittivo della lex in Gai. 3.194

REMO MARTINI – FEDERICO PROCCHI, Alcuni aspetti di tecnica retorica

nell’Apologia di Apuleio 

RENATO QUADRATO, Retorica e giurisprudenza: da Quintiliano a Gaio

RICCARDO ASTOLFI, Il concubinato romano quale rapporto di fatto

LUIS RODRÍGUEZ ENNES, Algunas cuestiones en torno a la verberatio

FARA NASTI, Successio auctorum e compiti del giurista nell’ Enchiridion

di Pomponio (D. 1.2.2.35-38)

MARÍA SALAZAR REVUELTA, Aproximación a un libro de referencia

para el siglo XXI en el àmbito de la literatura iusprivatista

LUCIANO MINIERI, Su un aspetto poco conosciuto della gestione dei pistrina

nella Roma tardo antica

CESARE MARIA MOSCHETTI, Gubernare, come espressione usata

nell’amministrazione di un determinato patrimonio

FIORELLA ZABATTA, Contratto estimatorio e permuta in diritto romano 963

EUGENIA FRANCIOSI, Universalità e particolarismi: tendenze a confron-

to nella legislazione giustinianea

 

VARIA

LEANDRO POLVERINI, Per la storia del Collegio Ghislieri di Pavia 

PIERO BELLINI, Della «origine del male» nella riflessione soteriologica

della cristianità latina tardo-antica

PAOLO MADDALENA, I beni comuni nel diritto romano. Qualche idea

per il nostro tempo

VICTOR CRESCENZI, Varianti della subordinazione. L’età tardoantica

ANDREA ERRERA, Metodologie ermeneutiche per l’armonizzazione del

diritto: il caso del risarcimento del danno da inadempimento contrat-

tuale nella dottrina dei glossatori

FERNANDO DE ANGELIS, Per un metodo storico nello studio del diritto:

Gaspar Melchor de Jovellanos e il suo discorso «Sobre la necesidad de

unir al estudio de la legislación el de nuestra Historia» (1780)

ALFREDO OBARRIO, Clases de tutela en el àmbito del ius commune

 

ANTIQUITAS POSTERIOR

[a cura di Ulrico Agnati, Federica De Iuliis, Salvatore Puliatti]

 

RECENSIONES

FRANCESCA PULITANÒ, «De eo quod certo loco». Studi sul luogo con-

venzionale dell’adempimento nel diritto romano († Alberto Burdese)

SERGIO CASTAGNETTI, Le «leges libitinariae» flegree. Edizione e com-

mento (Vincenzo Giuffrè)

DONATO ANTONIO CENTOLA, Le sofferenze morali nella visione giuridica

romana (Carlo Venturini)

UGO BARTOCCI, Aspetti giuridici dell’attività letteraria in Roma antica.

Il complesso percorso verso il riconoscimento dei diritti degli autori

(Francesco Sitzia)

GIOVANNI TURELLI, «Audi Iuppiter». Il collegio dei feziali nell’espe-

rienza giuridica romana (Emanuele Stolfi)

MARIA PIA BACCARI VARI, Curator ventris. Il concepito, la donna

e la res publica tra storia e attualità (Federico Fernández de

Buján)

ANTONINO MILAZZO, Falsus procurator. Ricerche sull’evoluzione

del concetto di falso rappresentante (Iole Fargnoli)

CHIARA CORBO, «Incertae personae» e capacità successoria. Profili di

una società e del suo diritto (Francesco Arcaria)

JOSEPH GEORG WOLF, Neue Rechtsurkunden aus Pomepij. Tabulae

Pompeianae Novae. Lateinisch und deutsch. Herausgegeben, eingeleitet

und übersetzt von J. G.Wolf (Fara Nasti)

UMBERTO VINCENTI, I fondamenti del diritto occidentale. Un’introduzione

storica (Giovanna Coppola)

LUCIA DI CINTIO, Natura debere. Sull’elaborazione giurisprudenziale

romana in tema di obbligazione naturale (Giovanni Luchetti)

Administrer les provinces de la République romaine. Actes du colloque

de l’Université de Nancy II, 4-5 juin 2009 (Sous la direction

de Nathalie Barrandon et François Kirbihler) (Guido

Clemente)

AGUDO RUÍZ, A., Las costas en el proceso civil romano, Editorial Dykinson,

Colección “Monografías de Derecho Romano”

 

CHRONICA

– Leges publicae. La legge nell’esperienza giuridica romana (Marta

Bettinazzi)

– Interpretare il Digesto. Storia e metodi (Alice Cherchi)

– Il princeps romano: autocrate o magistrato? (Sara Serafini)

– Diritto romano e economia. Due modi di pensare e organizzare il mondo

nei primi tre secoli dell’impero (Giorgia Maragno) 

– Dai giuristi ai codici, dai codici ai giuristi (Sara Galeotti) 

– Casistica e giurisprudenza (Sara Galeotti)

– Manuel J. García Garrido e Alessandro Corbino Dottori honoris causa a

Mosca (Federico Fernández de Buján)

– Storia dei dogmi e individualità storica dei giuristi (Filippo Bonin)

– Presentazione del volume Dogmengeschichte und historishe Individualität

der römischen Juristen. Atti di un seminario internazionale

(Montepulciano 14-17 giugno 2011) (Fabrizio Chini)

– Theodor Mommsen und die Bedeutung des römischen Rechts 

– Giornate tridentine di diritto romano (Filippo Bonin)

– Incontro di studio in omaggio a Vincenzo Giuffrè (Raffaele Basile)

– La prefettura del pretorio in epoca tardoantica. Profili giuridicoamministrativi

(Silvia Schiavo)

– Fra storia e dogmatica. La didattica romanistica nel manuale di Antonio

Mantello (Francesco Silla)

– Legge, eguaglianza, diritto. I casi di fronte alle regole nell’esperienza antica

(Sabrina Di Maria)

– Le Dodici Tavole a Benevento (Roberta De Jeso)

– Dizionario Biografico dei Giuristi Italiani 

– «Per una didattica dialogante». Una riflessione fra civilisti e romanisti a

Gioia del Colle l’11 febbraio 2011 (Paolo Marra)

– Povertà e disagio sociale nell’Italia tardoantica (Valerio Massimo Minale)

– Foedus ius latii civitas. La romanizzazione in Italia e nelle province

(Chiara Galletta) 

– Vis grata puellis (Maria Teresa Amabile)

– Il Simposio del Network, ‘Leda’ studi femministi di genere e tradizioni

storiche del diritto romano (Evelyn Höbenreich)

 

IN MEMORIAM

– Alberto Burdese (1927-2011) (Luigi Garofalo)

– Giorgio Luraschi (1942-2011) (Massimo Miglietta)

– Tullio Spagnuolo Vigorita (1941-2012) (Felice Mercogliano)

– Lucio Bove a ottanta anni dalla nascita (Francesco Amarelli)

 

LIBRI INEPHEMERIDEACCEPTI

[a cura di Donato Antonio Centola, Giovanni Papa, Giuseppina

M. Oliviero Niglio, Raffaele Basile e Lorena Atzeri



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "El elemento jurídico en las comedias de Plauto especial referencia a captivi"
Editore: Lateran University Press
Autore: MARÍA DEL PILAR PÉREZ ÀLVAREZ
Pagine:
Ean: 2484300021404
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Este artículo aborda el estudio de las comedias de Plauto desde una

perspectiva jurídica. El trabajo presenta dos partes bien diferenciadas. En una primera

parte (apartados I al IV) abordamos la cuestión, que se han venido planteando los estudiosos

de los derechos antiguos, de si las instituciones, jurídicas y políticas, y los usos y las

costumbres, recogidas en las obras del poeta, son alusiones a la civilización y al Derecho

Romano o, si por el contrario, aperecían en los originales griegos adaptados por el autor

latino a la escena romana.

En la segunda parte (apartado V), tras una serie de consideraciones generales sobre los

elementos jurídicos romanos y áticos en el teatro latino y particularmente en las comedias de

Plauto, nos detenemos en el estudio de la comedia Captivi que, por las particularidades que

presenta, merece – en mi opinión – un estudio ad hoc. En este apartado, estudiamos, sobre

todo, la institución de la esclavitud y su tratamiento en la obra objeto de studio. Así mismo,

nos detenemos en la sectio bonorum, venta en subasta pública, cuya reconstrucción es complicada

porque es una institución muy antigua, escasamente recogida en las fuentes jurídicas

(sólo se menciona una vez en Gayo 4.146) y apenas mencionada en las fuentes literarias.

Finalmente, el apartado VI recoge unas breves conclusiones sobre el origen, ático o

romano, de los elementos jurídicos mencionados en la comedia plautina y sobre la utilidad

que, en mi opinión, puede tener la obra del comediógrafo latino para los estudiosos de los

derechos antiguos.

Parole chiave: Plautus, ludi scaenici – Comedia Nueva – Derecho romano – Derecho

Ático – captivitas – esclavitud – sectio bonorum – ventas en pública subasta.

 

ABSTRACT. – This paper deals with the study of Plautus’ comedies from a legal point

of view. The paper presents two distinct parts. The first part (sections I to IV) addresses the

issue, which has been raised by the scholars studying ancient laws, whether legal and political

institutions, usages and customs reflected in the poet’s works, are allusions to the

Roman civilization and law or, on the contrary, appeared in the original Greek works

adapted by the Latin author to the Roman scene.

In the second part (section V), we focus on the study of the comedy Captivi, that for its

peculiarities, deserves, in my opinion, an ad hoc study. This section deals, especially of the

institution of slavery and its treatment in the work under consideration. Also, we stop at the

sectio bonorum, public auction, whose reconstruction is complicated because it is a very old

institution, barely contained in the legal sources (only mentioned once in Gayo 4.146) and

barely mentioned in the literary sources.

Finally, Section VI contains some brief conclusions about the origin, Attic or Roman,

of the legal elements mentioned in Plautine comedy and the usefulness, which, in my

opinion, the work of the Latin playwrighter may have for scholars of ancient laws.

Key words: Plautus – ludi scaenici – New Commedy – Roman Law – Attic Law – captivitas

– slavery – sectio bonorum – auction sales.



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Contribución al estudio de los arbitrajes de Derecho Público en la experiencia jurídica romana"
Editore: Lateran University Press
Autore: ANTONIO FERNÁNDEZ DE BUJÁN
Pagine:
Ean: 2484300021411
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Los arbitrajes de Derecho Público, internacional, federal, administrativo

y legal surgen, en la praxis romana, con posterioridad al arbitraje de derecho privado.

Roma toma como referencia las experiencias desarrolladas en este ámbito en el mundo

helenístico y en el asiático, y sobre esta base, y la del arbitraje privado de tipo compromisario,

conforma su específica regulación.

Parole chiave: arbitraje internacional, federal, administrativo y legal

 

ABSTRACT. – Public Law, international, federal, administrative and legal arbitration

arise, in the Roman praxis, after the Private Law mediation-arbitration. The experience in

this field from the Hellenistic and Asiatic worlds would be considered by Rome as its point

of reference.

Key words: international, federal, administrative and legal arbitration



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Titolo: "Durchgangseigentum bei Celsus Ulp. 32 ad Sab. D. 24.1.3.12 sachenrechtlich interpretiert"
Editore: Lateran University Press
Autore: HANS-MICHAEL EMPELL
Pagine:
Ean: 2484300021428
Prezzo: € 4.00

Descrizione:

SUMMARIUM. – Untersucht werden Darlegungen der klassischen Juristen Ulpian und

Celsus zum Schenkungsverbot unter Ehegatten und zur Zahlung auf Anweisung. Ulpian

fragt, wer Eigentum erwirbt, falls der Ehemann seinen Schuldner anweist, das geschuldete

Geld der Ehefrau zu zahlen. Er zitiert eine Entscheidung des Celsus, wonach nicht die

Frau, sondern der Ehemann Eigentümer wird. Die von Celsus gegebene Begründung dient

dem Zweck, dieses Resultat mit den Regeln des klassischen römischen Sachenrechts in

Übereinstimmung zu bringen: Die Entscheidung entspricht dem Traditionsprinzip.

Deutlich wird auch, dass Celsus für den Fall einer wirksamen Zahlung Durchgangseigentum

des Ehemannes annimmt.

Parole chiave: Celsus – Ulpianus – Donationes

 

ABSTRACT. – The Article examines statements of the classical lawyers Ulpian and

Celsus concerning the prohibition of donations between spouses and the delegatio ad

solvendum. Ulpian analyzes the question of proper ownership in case the husband authorizes

a payment by his debtor to his own spouse. Ulpian quotes a decision of Celsus whereby not

the spouse, but the husband becomes the new legitimate owner. Celsus aims at bringing his

finding to conform with classical Roman property law: The decision is in accordance with

the principle whereby the ownership of res nec mancipi is transferred by tradition. Apparently

Celsus assumes transitional ownership of the husband if the payment would be valid.

Key words: Celsus – Ulpianus – Donationes



VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO


 
TORNA SU