Santuario Madonna dello Schiaffo - in Sant'Eusebio (Vercelli)

Variazioni del nome: Beatissima Vergine; Vergine dello Schiaffo

Il santuario corrisponde alla cappella terminale della navata sinistra della chiesa cattedrale di Vercelli e venne edificata tra l'anno 1500 e l'anno 1550.
La Leggenda della fondazione del santuario narra che un giocatore, nella prima metà del secolo XVI, adirato per aver perso, avrebbe colpito la statua della Madonna custodita nel duomo di Vercelli, la quale si sarebbe messa a sanguinare. Il giocatore, incapace di uscire dalla chiesa, sarebbe poi stato giustiziato. Da allora divenne meta di devozione in particolare in occasione di epidemie e calamità.
La statua della Vergine, dopo il prodigio dello schiaffo, venne custodita in una cappella al fondo della navata sinistra. Tale cappella venne rifatta e abbellita fra il 1630 e il 1643.

Oggetto del culto è dunque la statua romanica (primo quarto del secolo XIII) della Madonna col Bambino, unico pezzo rimasto integro dell'antico pergamo antelamico presente nell'antico duomo di Vercelli.

Altri elementi notevoli nell'edificio del Santuario:

- Altare marmoreo barocco di Francesco Castelli (1630-1643)
- Corone d'argento sul capo della Madonna e del Bambino (1649)
- Cancellata protettiva in ottone lavorato

Festività principale: 10 dicembre
Coincidenza liturgica: Madonna di Loreto

In occasione della peste del 1630 e, successivamente, in occasione di epidemie o calamità, la statua veniva esposta all'adorazione dei fedeli e delle autorità comunali.

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it



Libro degli ospiti

 
TORNA SU