Santuario Madonna delle Grazie (Villanova d'Asti)

Variazione del nome: Madonna dei Baluardi, poiché sorge in corrispondenza del fossato dei bastioni delle mura seicentesche.

Il santuario si trova poco lontano dal centro del paese; vi si arriva percorrendo un viale alberato.
L'edificio è in stile neoclassico, a pianta centrale con due corpi laterali sui fianchi.

La fondazione del santuario è legata al racconto di un'apparizione della Madonna alla diciottenne Maria Bay, di Villanova, che si trovava nei pressi di una fonte, da allora ritenuta miracolosa.
Il santuario fu edificato nel luogo dove era apparsa la Madonna nel 1802; la costruzione risale agli anni '60-'70 dell'Ottocento, ma già nel 1822, sul luogo dell'apparizione, era stato costruito un pilone votivo accanto a una fonte ritenuta miracolosa, presso la quale molti fedeli ricevettero grazie e guarigioni.

Oggetto del culto:
Madonna con Bambino con alle spalle il luogo della sua apparizione e il santuario, opera di fine XIX-inizio XX secolo.

Festività principale: Ultima domenica di luglio

Note sulla liturgia:
Messa quotidiana pomeridiana e messa ogni domenica mattina; recita del rosario tutte le sere di maggio. Presso il santuario è attivo anche un piccolo coro polifinico.

Note sulle pratiche rituali particolari:
Infiorata nel giorno della festa patronale, con successiva processione e benedizione dei bambini. L'Infiorata di Villanova d'Asti è una manifestazione che si svolge, dall'anno 1985 ed è realizzata nel viale di accesso al santuario della Madonna delle Grazie. La preparazione avviene durante la notte precedente il giorno della manifestazione, a cura di volontari di ogni età. Tempo prima si preparano il soggetto (normalmente geometrico o di ispirazione religiosa, sulla base del tema scelto dalla "Associazione Infiorata Villanova d'Asti" e i colori costituiti da petali di fiori o da altre particelle vegetali.

Fonte: http://www.santuaricristiani.iccd.beniculturali.it



Libro degli ospiti

 
TORNA SU