Ortodossi Romeni

Icona ortodossa

Costituiscono la seconda Chiesa ortodossa più importante, dopo quella russa.
Il Patriarcato di Constantinopoli riconobbe l'autocefalia della Chiesa ortodossa romena solo nel 1885. Prima organizzata in Metropolia, la Chiesa divenne un Patriarcato nel 1925, con l'espansione conseguente allla creazione della Grande Romania.
La Legge dei culti, promulgata nel 1948 durantre il regime comunista, introdusse uno stretto controllo statale sulla Chiesa, i monasteri furono trasformati in laboratori artigianali ed i monaci furono incoraggiati a dedicarsi a lavori laici. All’inizio degli anni 1990 la chiesa fu separata dallo Stato.
La Chiesa è divisa in quattordici diocesi e il romeno ha sostituito lo slavon nel XIX secolo quanto a lingua liturgica.
In pratica, la più alta autorità è rappresentata dal Santo Sinodo avendo come capo il Patriarca di Bucarest.
La Chiesa ortodossa, con più di 19 milioni di fedeli, rappresenta il 90 % della popolazione del paese.
La Romania oggi conta: 23 diocesi, 12 633 parrocchie, 359 monasteri e 154 eremitaggi, 37 seminari e quindici facoltà di teologia.



Libro degli ospiti

 
TORNA SU