Monte Athos

Monte Athos

Athos o Monte Santo

, (max elevazione 2.033 m), monte posto nella penisola più orientale delle tre della penisola Calcidica, sede di numerosi monasteri (secc. X-XV), forma una repubblica monastica autonoma sotto la sovranità greca, capoluogo Karyai.
Dalla fine del VII sec. d.C. il Monte Athos divenne sede di eremiti. Essi avevano una regola (tipico) approvata dall'imperatore d'Oriente Costantino Monomaco (1042-1055). L'accesso al Monte Santo venne proibito alle donne e alle femmine di animali.
I monaci, divisi in cenobiti, che vivono in comunità, e in idiorritmi, che seguono una regola particolare, conducono una vita di severe rinunce.
Nel XV sec., epoca del massimo sviluppo monastico, l'Athos contava trenta conventi di mille monaci ciascuno; oggi ne conta venti tra greci, russi, bulgari, serbi, con qualche migliaio di monaci di rito ortodosso. Sorti in epoche diverse (il più grande, il Russico, fu costruito nel XIX sec.), i monasteri del Monte Athos godono di autonomia amministrativa per un privilegio già riconosciuto dai Turchi e confermato nel 1927.
Le costruzioni sorgono sparse lungo le coste, abbarbicate sugli scogli. Ogni convento, circondato da mura fortificate, comprende una chiesa e diverse cappelle in stile bizantino, decorate con accostamenti policromi di mattoni, pietre, maioliche incastonate nei muri. Le cupole sono ricoperte di placche di piombo lisce o scannellate. Negli interni si trovano preziosi mosaici, affreschi, ricchi lavori d'oreficeria, sculture in legno (Grande Laura, monasteri di Vatopedi, del Dochiario, di Dioniso, ecc.), pregiate legature, smalti. I monasteri inoltre posseggono una ricchissima collezione di manoscritti (circa undicimila), di codici miniati, di bolle imperiali e di firmani.

KARYES: Al centro della penisola di Athos, edificata già dal IX° sec., immersa nel verde è ubicata la capitale dello stato monastico Kariès. Il Tempio del Protàtou (Sommo) ne è il simbolo, visto che il nome deriva dal grado di Pròtos (Primo – Sommo), è la chiesa più antica di Oros (costruita all’inizio del X° sec.) e appartiene a tutti i monasteri di Athos. Dietro al tempio si innalza il campanile edificato dal Sommo Serafeìm nel 1534, di fronte è ubicato il palazzo della Sacra Comunità, sede dei servizi legislativi e amministrativi. All’estremità nord-orientale c’è il romitorio di Aghios Andreas ove è ubicata la Scuola Ieratica Athoniada (negli ultimi sessant’anni centinaia di giovani qui hanno avviato il corso di preparazione alla vita monacale e clericale). Fanno parte di Karyès anche Konàkia, una rappresentanza di 19 monasteri, edifici dei servizi statali, celle, laboratori e negozi.



Libro degli ospiti

 
TORNA SU