Martin Lutero

Martin Lutero

Martin Lutero (ted. Luther, Martin) riformatore religioso tedesco (1483 - 1546), iniziatore della Riforma protestante. Studiò filosofia all'università di Erfurt. Entrato nel convento degli agostiniani di Erfurt (1505), fu sacerdote nel 1507. Laureatosi in teologia (1512), divenne professore di esegesi biblica.
Nel 1515 e 1516 scrisse commenti alle Lettere di S. Paolo che preannunciavano la sua posizione teologica: l'uomo è sempre peccatore e può soltanto, nei confronti di Dio, atteggiarsi a penitente, in attesa della grazia divina imperscrutabile.
Nel 1517 venivano bandite in Germania speciali indulgenze, applicabili alle anime del purgatorio, che comportavano oblazioni pecuniarie: il ricavato doveva servire a Leone X per la fabbrica di S. Pietro in Roma. La raccolta dei fondi dava luogo ad abusi e scandali. Contro questi abusi insorse Lutero il 31 ottobre 1517 facendo affliggere sulla porta della cattedrale di Wittemberg 95 Tesi redatte in latino in cui criticava la prassi ecclesiastica delle indulgenze, dei voti, dei pellegrinaggi, dei digiuni, la ricchezza della Chiesa di Roma e propugnava una discussione pubblica fra teologi sull'efficacia delle indulgenze.
La polemica divampò violenta. Dichiarato eretico dal papa (1518), rifiutò di ritrarre le proprie posizioni; nella disputa di Lipsia (1519) negò il primato papale, l'infallibilità dei concili e dichiarò che la Sacra Scrittura era l'unica norma di fede. Con la bolla Exsurge Domine (1520) Leone X intimava al monaco ribelle la ritrattazione dei suoi errori entro 60 giorni, pena la scomunica. Lutero rispose bruciando pubblicamente la bolla pontificia e sostenne che tutti i cristiani costituiscono, secondo l'espressione di S. Pietro, "un sacerdozio regale e un reame sacerdotale" (dottrina del sacerdozio universale) e nello stesso anno gettò le basi di una riforma della chiesa in tre trattati: Alla nobiltà cristiana di nazione tedesca, De captivitate babylonica ecclesiae, De libertate christiana. Il 3 gennaio 1521 con la bolla Decet Romanum Pontificem Leone X scomunicava irrevocabilmente Lutero.
Messo al Bando dall'Impero dalla Dieta di Worms (26 Maggio 1521), per proteggerlo il principe elettore di Sassonia Federico il Savio lo fece sequestrare e condurre a Eisenach, alla Wartburg, dove Lutero iniziò la traduzione tedesca della Bibbia (nuovo Testamento), che fu completata entro il 1934 e costituisce il suo capolavoro letterario e religioso.
Nel 1925 Lutero si unì in matrimonio con l'ex monaca Katharina Von Bora, da cui ebbe 6 figli; fu questo anche l'anno della pubblicazione del De servo arbitrio, che rientra nella polemica con Erasmo sulla libertà della volontà umana ed è il documento di frattura dello spirito umanistico. Nello stesso anno combatté duramente la ribellione dei contadini guidata da Th. Muntzer. Attese inoltre al riordinamento della liturgia, alla composizione di inni per il culto e del Piccolo e Grande catechismo (1529): Le conversazioni con amici e discepoli sono raccolte nei Discorsi a tavola.



Libro degli ospiti

 
TORNA SU